Autore: Catullo
Opera: Carmina
Libro: Libro unico
Titolo: Carme 16

Originale

Pedicabo ego vos et irrumabo, Aureli pathice et cinaede Furi, qui me ex versiculis meis putastis, quod sunt molliculi, parum pudicum. nam castum esse decet pium poetam ipsum, versiculos nihil necesse est; qui tum denique habent salem ac leporem, si sunt molliculi ac parum pudici, et quod pruriat incitare possunt, non dico pueris, sed his pilosis qui duros nequeunt movere lumbos. vos, quod milia multa basiorum legistis, male me marem putatis? pedicabo ego vos et irrumabo.

Traduzione

Io vi irrumerò ed impalerò, Aurelio culano ed invertito Furio, che dai miei versicoli mi giudicaste, percè son delicatucci, poco pudico. E' bene che il pio poeta sia casto lui, i versicoli per nulla è necessario (lo siano); ma quelli che poi hanno sale ed arguzia, se son delicatucci e poco pudichi, e che posson eccitare ciò che prude, non dico ai ragazzi, ma a questi pelosi che, induriti, non riescon a muovere i lombi. Voi, che leggeste molte migliaia di baci, mi giudicate male come maschio? Io vi irrumerò ed impalerò.