Autore: Cicerone
Opera: Orationes
Libro: Philippicae - Prima Filippica
Titolo: 27

Originale

Irasci quidem vos mihi, Dolabella, pro re publica dicenti non oportebit. Quamquam te quidem id facturum non arbitror (novi facilitatem tuam); collegam tuum aiunt in hac sua fortuna, quae bona ipsi videtur, (mihi, ne gravius quidpiam dicam, avorum et avunculi sui consulatum si imitaretur, fortunatior videretur) - sed eum iracundum audio esse factum. Video autem, quam sit odiosum habere eundem iratum et armatum, cum tanta praesertim gladiorum sit impunitas. Sed proponam ius, ut opinor, aequum; quod M. Antonium non arbitror repudiaturum. Ego, si quid in vitam eius aut in mores cum contumelia dixero, quo minus mihi inimicissimus sit, non recusabo; sin consuetudinem meam [quam in re publica semper habui] tenuero, id est si libere, quae sentiam de re publica, dixero, primum deprecor, ne irascatur; deinde, si hoc non impetro, peto, ut sic irascatur ut civi. Armis utatur, si ita necesse est, ut dicit, sui defendendi causa; iis, qui pro re publica, quae ipsis visa erunt, dixerint, ista arma ne noceant. Quid hac postulatione dici potest aequius?

Traduzione

In verit?, o Dolabella, bisogner? che non vi arrabbiate con me che parlo a favore dello Stato. Sebbene io non pensi che tu non farai ci? (conosco la tua affabilit?); dicono che il tuo collega si trovi in questa sua situazione che a lui stesso sembra favorevole, ma io sento dire che lui ? diventato iracondo. Vedo poi quanto sia odioso ritenerlo adirato e armato, soprattutto nel nome in cui ? cos? grande l'impunit? delle persone armate. Ma io proporr? una giusta soluzione, come credo; e cio? non penso che rifiuter? Marco Antonio. Io, se ho detto qualcosa di offensivo contro la sua vita o i suoi costumi, non mi opporr? a che egli sia a me molto ostile; se invece avr? conservato la mia abitudine (che ho sempre conservato negli affari di stato), cio? se avr? detto liberamente quello che pensavo, per prima cosa lo scongiuro a non adirarsi, quindi se non ottengo questo, gli chiedo che si adiri cos? come (? lecito fare) a un cittadino. Si serva pure delle armi, se cos? ? necessario, come egli dice, per difendersi, queste armi non facciano del danno a coloro che hanno detto le cose che a loro sono parse utili allo stato. Cosa pu? essere detto di pi? giusto di questa richiesta?