“Il mio futuro è all’estero”: carta d’identità di un migrante italiano
Condividi su

“Il mio futuro è all’estero”: carta d’identità di un migrante italiano

Di Enrica Denasio
pubblicato il 10 ottobre

Uno italiano su 12 va a vivere all’estero e la maggior parte, secondo gli ultimi dati, sono giovani e studenti.

“Il mio futuro è all’estero”: carta d’identità di un migrante italiano

Un italiano su 12 vive all’estero e un gran numero di questi italiani sono giovanissimi. La maggior parte ha, infatti, tra i 18 e i 34 anni e proviene dal Sud Italia. Pensate che ci sono due città siciliane dove quasi la metà dei cittadini è partita per cercare condizioni di vita migliori all’estero. Numeri incredibili, che mostrano come l’Italia, nonostante con le ultime proposte del Governo sembri puntare maggiormente su noi giovani, non sia ancora in grado di garantirci un futuro stabile. 

partire-estero

Più del 40% di noi studenti crede infatti che l’unica possibilità di avere un futuro migliore sia quello di scappare dall’Italia il prima possibile.

Ma dove scappano gli italiani? Principalmente le mete europee sono quelle degli stati più ricchi: Germania, Francia, Belgio e nonostante la minaccia della Brexit anche l’Inghilterra. Tuttavia gli italiani prediligono anche la Spagna o il Sud America, ed in particolare Argentina e Brasile. Parte anche chi tempo fa era venuto in Italia per cercare un paese migliore in cui vivere e chi parte spesso decide di comprare solo il biglietto di andata.

Partire per non tornare più però non solo fa riflettere su quello che ci si lascia indietro ovvero sugli amici, le abitudini accumulate nel tempo, il proprio paese in tutte le sue sfaccettature, anche quelle che ci spingono a partire, ma anche e soprattutto agli immigrati.

Come all’inizio del ‘900, tanti di noi italiani partono alla ricerca di un futuro migliore cercando di lasciarsi la crisi economica che minaccia la stabilità delle loro vite alle spalle, ma al contempo guardando la TV si lamentano di chi fa una traversata in mare per arrivare nel nostro paese sfuggendo alla guerra e alla morte. 

Un comportamento ipocrita? Diamo a voi il potere di giudicarlo nei commenti qui sotto.

Enrica Denasio
Studentessa di Farmacia dell'Università di Torino. Segno zodiacale: Bilancia. Passerei il tempo a viaggiare, leggere, scrivere, cucinare (e mangiare) dolci e cantare nel coro dei Fizzy Black di cui faccio parte! Fermamente convinta nel potere della parola, dell'istruzione e delle donne e nell'uguaglianza dei diritti. Il mio motto: "Memento mori", ricordati che un giorno morirai. Un po' lugubre, ma un'ottimo incoraggiamento a vivere la vita appieno!
Leggi altri articoli in News Scuola