L’università di Chicago dice NO al politically correct
Condividi su

L’università di Chicago dice NO al politically correct

Di Enrica Denasio
pubblicato il 01 settembre

Dopo una lunga serie di dibattiti il rettore dell’università di Chicago si pronuncia a favore della libertà e rifiuta il politically correct.

L’università di Chicago dice NO al politically correct

Che negli ultimi anni la questione del “politicamente corretto” sia scappata un po’ di mano a scuole e università americane è cosa ben nota. Probabilmente ricorderete che in una scuola di Filaldefia agli studenti è stato proibito leggere Huckleberry Finn di Mark Twain perché conteneva termini come “nigger” (negro) oppure potreste ricordarvi dell’università di Washington dove chi scrive “straniero” in un test vedrà abbassato il suo voto.

Jay Ellison, rettore dell'università di Chicago

Jay Ellison, rettore dell’università di Chicago

Insomma, diciamo che la situazione non è delle più tranquille e ogni anno c’è qualche battibecco in corso sulla questione. Tuttavia c’è qualcuno che ha deciso di dire basta a tutto questo. Lui è Jay Ellison, ovvero il rettore dell’università di Chicago. In una conferenza, ha detto che nell’università di Chicago d’ora in poi ognuno potrà “parlare, scrivere, ascoltare, criticare e imparare senza alcuna paura di censura”.

Fino ad ora, infatti, per accontentare e non screditare nessun tipo di minoranza religiosa, sociale e via dicendo si sono censurati classici che da sempre sono stati considerati tra le colonne portanti della cultura. Dalla Metamorfosi ad Ovidio al Grande Gatsby di Fitzgerald. Ora è il momento di dire basta, altrimenti finiremo per togliere qualsiasi cosa – libertà compresa – agli studenti.

Nonostante si sia pensato che il discorso del rettore sul politically correct sia stato fatto per attirare  i piaceri (e i soldi) dei finanziatori dell’università, che sono prevalentemente conservatori, la sua idea piace molto e incontra un gran numero di sostenitori.

Voi cosa ne pensate? Siete a favore del politically correct?

Enrica Denasio
Studentessa di Farmacia dell'Università di Torino. Segno zodiacale: Bilancia. Passerei il tempo a viaggiare, leggere, scrivere, cucinare (e mangiare) dolci e cantare nel coro dei Fizzy Black di cui faccio parte! Fermamente convinta nel potere della parola, dell'istruzione e delle donne e nell'uguaglianza dei diritti. Il mio motto: "Memento mori", ricordati che un giorno morirai. Un po' lugubre, ma un'ottimo incoraggiamento a vivere la vita appieno!
Leggi altri articoli in News Scuola