Giorgio Armillis, 15 anni, insignito Alfiere della Repubblica dal Presidente Mattarella
Condividi su

Giorgio Armillis, 15 anni, insignito Alfiere della Repubblica dal Presidente Mattarella

Di Redazione ScuolaZoo
pubblicato il 20 dicembre

Giorgio Armillis si è distinto per senso di responsabilità, maturità, rispetto delle istituzioni e impegno civile contro il bullismo

Giorgio Armillis, 15 anni, insignito Alfiere della Repubblica dal Presidente Mattarella

Giorgio Armillis è di Cavallino (Le), è uno studente 15enne dell’Istituto “Galilei-Costa” di Lecce e la scorsa settimana è stato insignito del titolo di “Alfiere della Repubblica” da parte del Presidente Sergio Mattarella. Malgrado la giovane età, tra i valori che gli sono stati riconosciuti vi sono il senso di responsabilità, la maturità, il rispetto per le istituzioni (la scuola ed i suoi alti valori formativi in primis) e l’impegno civile dimostrato nel contrastare i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo, Giorgio è infatti anche uno dei membri fondatori del movimento “MaBasta”.

La cerimonia ha avuto luogo presso il Quirinale alla presenza di importanti autorità nazionali. Queste alcune parole del Presidente: “Avete compiuto degli atti davvero importanti, con impegni collettivi e personali che vi sono costati spesso sacrificio, ma certamente questo vi ha assicurato una ricompensa grande: la consapevolezza di aver fatto del bene a chi vi sta intorno, di aver contribuito a rendere migliore la vita insieme. È questa la ricompensa molto più importante di quella che ricevete qui questa mattina, vi esorto a continuare con impegno e dedizione e ad essere orgogliosi di rappresentare le eccellenze giovanili italiane”.

La prestigiosa onorificenza è stata introdotta nel 2010 dall’allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ed è riservata agli studenti italiani e stranieri nati nel nostro paese o che abbiano  frequentato con profitto le scuole italiane per almeno cinque anni. Il suo obiettivo è quello di premiare le eccellenze conseguite nello studio, in attività culturali, scientifiche, artistiche, sportive e nel volontariato, ma anche singoli atti e comportamenti ispirati all’altruismo, solidarietà, coraggio nell’affrontare difficoltà personali ed ambientali. Dalla sua istituzione, solo quarantaquattro giovani hanno ottenuto questo riconoscimento a fronte di tantissime proposte che giungono ogni anno al segretariato generale della Presidenza della Repubblica per essere sottoposte al vaglio di una specifica Commissione.

Fieri e giustamente orgogliosi sia la dirigente scolastica dell’Istituto “Galilei-Costa”, Addolorata Mazzotta, invitata dal Quirinale ad accompagnare Giorgio (insieme ai suoi genitori) e a partecipare alla cerimonia, che il suo docente Daniele Manni.

Redazione ScuolaZoo
Leggi altri articoli in News Scuola