Frasi per l’ultimo giorno di scuola superiore da dedicare ai compagni di classe
Condividi su

Frasi per l’ultimo giorno di scuola superiore da dedicare ai compagni di classe

Di Maria Saia
pubblicato il 11 aprile

“Signori, è stato un onore suonare con voi”, tratta da una delle scene di Titanic. Ma scopriamo le altre dediche

Frasi per l’ultimo giorno di scuola superiore da dedicare ai compagni di classe

Ultimo giorno di liceo: frasi da dedicare ai compagni di classe

Ormai ci siamo, la fine della scuola è alle porte e – oltre che alla vacanza della tua vita – stai già pensando alle frasi per l’ultimo giorno di scuola più epiche da scrivere sul a quelli che per lungo tempo sono stati i tuoi compagni di avventura: i tuoi compagni di classe e di banco. Ci sono tantissime frasi di repertorio da usare, sia che siate alla fine della scuola media sia che stiate per abbandonare per sempre la scuola con la fine delle scuole superiori.
Se non vi viene in mente niente o avete bisogno di una piccola ispirazione, abbiamo raccolto qualche frase ad effetto sulla fine della scuola, ma vi diamo un consiglio spassionato: siate creativi e spontanei e vedrete riuscirete a far scendere addirittura qualche lacrima ai vostri compagni di classe.

Ah, già che ci siamo: sai già Quando finirà la tortura? Leggi qui:

Frasi per l’ultimo giorno di scuola superiore

Il viaggio è finito e la compagnia è stata la migliore che potessi avere: dedica una bella frase a tuo compagno di banco per l’ultimo giorno di scuola.

Frasi sulla fine della scuola superiore

La malinconia è il sentimento che probabilmente accompagnerà questo giorno e se c’è una cosa che avete imparato in questi anni è il valore dell’amicizia con i vostri compagni di classe e il fatto che le lezioni non finiscono mai. Ecco quali frasi potreste giocarvi per la fine della scuola superiore:

  • “Non basta mandare i figli a scuola, bisogna accompagnarli sulla via degli studi, bisogna costruire giorno per giorno in essi la consapevolezza che a scuola di va non per conquistare un titolo, ma per prepararsi alla vita”.
  • “Lo studio è come una candela… prima o poi si spegne. Buone vacanze!”
  • “La scuola è il nostro passaporto per il futuro, poiché il domani appartiene a coloro che oggi si preparano ad affrontarlo.”
  • “La ragione principale per andare a scuola è quello di imparare, per il resto della vita, che c’è un libro per tutto.”
  • “La scuola è imparare quello che non sapevi nemmeno di non sapere.”
  • “Il caso ci ha fatto compagni di classe, il destino ci ha resi amici.”

Non solo frasi, ma anche immagini da conservare scrupolosamente! Leggi qui:

Frasi per i compagni di classe: le migliori per le dediche

Avete passato cinque anni della vostra vita a imbrattare di dediche il diario dei vostri amici a scuola. Completate l’opera nel migliore dei modi. Qui qualche spunto per i vostri compagni di classe preferiti:

  • “Sono felice di aver trovato qualcuno che renda difficile dire addio alla scuola”
  • “Scopo della scuola è quello di sostituire una mente vuota con una aperta”. – ma nel tuo caso non c’è riuscito
  • “Un amico conosce la melodia del nostro cuore e la canta quando ne dimentichiamo le parole”
  • “Un amico vero lo riconosci subito, ti fa scoppiare a ridere anche quando proprio non lo vuoi, se ti domanda come stai dissolve anche il più triste pensiero e, basta stare in sua compagnia per sentirsi speciali.
    Questo è un vero amico, colui che trasforma la tua vita, in una vita speciale!”
  • “Un amico ci accetta per come siamo e ci aiuta ad essere quello che dovremmo.”
  • La scuola finisce, ma noi no. Noi siamo infiniti. Anche se non capiamo niente di matematica

Se per caso questo non sarà il tuo ultimo giorno di scuola, ma ci devi tornare a settembre scopri quando sfogliando il

Maria Saia
Quando sono nata ero una sirena, ma invece di cantare come le mie sorelle, passavo il tempo a scrivere. Il problema era che vivendo sott'acqua i miei quaderni si inzuppavano tutti e l'inchiostro andava via. Per questo ho chiesto a mio padre, il re degli oceani, di darmi delle gambe per andare a vivere in superficie. Adesso abito sulla terra e continuo a passare i miei giorni scrivendo. L'inchiostro, per fortuna, non va più via. In ricordo delle mie origini, tutti i miei amici mi chiamano "Mari". :)
Leggi altri articoli in Curiosità Magazine