Commissari esterni maturità 2017: ecco cosa possono chiederti
Condividi su

Commissari esterni maturità 2017: ecco cosa possono chiederti

Di Maria Saia
pubblicato il 25 maggio

Dopo aver conosciuto le materie e in attesa dei nomi dei commissari esterni della Maturità 2017, scopri cosa possono chiedere all’esame di stato.

Commissari esterni maturità 2017: ecco cosa possono chiederti

Commissari esterni Maturità 2017: le domande che possono farti

La Maturità 2017 si sta avvicinando inesorabilmente. Maggio è praticamente finito e noi ancora non sappiamo i nomi dei commissari esterni – purtroppo. In ogni caso la loro presenza così misteriosa e lugubre che ci incute timore anche se non sappiamo la loro identità.

Ciò che invece sappiamo già da un po’ sono le materie che sono state affidate ai membri esterni della commissione e grazie a questo possiamo già rispondere ad una domanda che forse ancora non ti sei posto, ma che prima o poi piomberà su di te come neanche un dissennatore: cosa possono chiedere i commissari esterni?

Sarà questa la domanda che non ti farà dormire la notte perché immaginiamo che, a differenza dei grandi quotidiani, tu non sia affatto interessato a sapere  quale sia il compenso di un commissario esterno o di come si faccia domanda per diventarlo.
Per prima cosa sappi che questi prof sconosciuti e temutissimi dovranno occuparsi sia della correzione delle prove scritte che di interrogarvi nel corse del colloquio orale. Per capire di preciso, però, quali domande potrebbero farti non ci resta che fare riferimento al regolamento dell’Esame di Maturità del Miur.

Leggi anche:

commissari esterni maturità 2017

Quello di cui avrebbero bisogno gli studenti per fare colpo sui commissari esterni alla Maturità 2017.

Commissioni Maturità 2017: commissari interni e commissari interni

Per prima cosa ti ricordiamo che le famigerate domande all’orale di Maturità potrebbero arrivare da ben 7 loschi figuri:

  • 3 commissari interni, che sono tre dei tuoi professori (e giunti a questo punto dell’anno dovresti già sapere chi sono!)
  • 3 commissari esterni, che vengono nominati dal Miur, dei quali conosceremo i nomi soltanto alla fine di maggio
  • 1 presidente di commissione esterno, che può essere comune a massimo due classi e il cui nome viene rivelato assieme a quello dei commissari esterni.

Commissari esterni maturità 2017: ecco cosa possono chiedere

Ora, però, bando alle ciance: è arrivato il momento di capire cosa possono chiedere i commissari esterni alla Maturità 2017. Il regolamento dell’Esame di Stato prevede che il commissario esterno debba occuparsi della materia che gli viene assegnata durante l’esame di Maturità. Detta così questa affermazione forse ti dice poco, ma in realtà nasconde una serie di informazioni importanti:

  • Se la materia è presente nelle prove scritte – anche in più di una – il commissario dovrà occuparsi della loro correzione. Attenzione però: tutte le prove vengono corrette collegialmente dalla Commissione e, quindi, i membri esterni avranno comunque un ruolo. Si tratta solo di capire quanto sarà importante.
  • Anche se il docente è abilitato all’insegnamento di più materie, dovrà occuparsi unicamente di quella che gli è stata assegnata in questa occasione specifica. Questa, se ci pensi bene, è davvero un’ottima notizia perché ti mette al riparo da tutta una serie di domande!
  • Il commissario può fare domande su tutto il programma svolto nel corso del quinto anno, ma non su quello degli anni precedenti (oh yeah!!!)
  • Durante il colloquio orale, interrogherà unicamente sulla materia per la quale ricopre il ruolo di commissario esterno e potrà anche fare domande partendo proprio dalla tesina proposta dal candidato.
Maria Saia
Quando sono nata ero una sirena, ma invece di cantare come le mie sorelle, passavo il tempo a scrivere. Il problema era che vivendo sott'acqua i miei quaderni si inzuppavano tutti e l'inchiostro andava via. Per questo ho chiesto a mio padre, il re degli oceani, di darmi delle gambe per andare a vivere in superficie. Adesso abito sulla terra e continuo a passare i miei giorni scrivendo. L'inchiostro, per fortuna, non va più via. In ricordo delle mie origini, tutti i miei amici mi chiamano "Mari". :)
Leggi altri articoli in News Maturità Maturità