Come funziona la terza prova della maturità
Condividi su

Come funziona la terza prova della maturità

Come funziona la terza prova della maturità

CLICCA QUI PER GLI AGGIORNAMENTI SULLA MATURITA’ 2013

La terza prova, che è a carattere pluridisciplinare e coinvolge comunque non più di cinque materie, deve prevedere:
o

  • non più di cinque argomenti per la trattazione sintetica (può essere specificato il numero di righe o di parole da utilizzare) a carattere mono o pluridisciplinare di tematiche trattate nel corso dell’ultimo anno, o in forma di specifiche domande relative ad un testo proposto;

o

  • da dieci a quindici quesiti a risposta singola su argomenti riguardanti una o più materie dell’ultimo anno;

o

  • da trenta a quaranta quesiti a risposta multipla su uno o più argomenti dell’ultimo anno;

o

  • non più di due problemi scientifici a soluzione rapida, tali da non richiedere calcoli complessi (è una tipologia di prova che la commissione può articolare in relazione allo specifico indirizzo di studio e alle esercitazioni svolte);

o

  • non più di due analisi di casi pratici e professionali relativi ai singoli piani di studio dei diversi indirizzi (tipologia particolarmente diffusa negli istituti professionali e tecnici);

o

  • uno sviluppo di progetto che coinvolga diverse discipline o l’esposizione di un’esperienza di laboratorio (tipologia prevista per indirizzi di studio per i quali tale modalità costituisce una pratica largamente adottata, come gli istituti tecnici e professionali).

o
All’interno di questa terza prova scritta è previsto, se una o più lingue straniere rientrano nel programma dell’ultimo anno, uno spazio destinato alla valutazione delle lingue straniere attraverso:
o
* una breve esposizione in lingua straniera di uno degli argomenti o dei quesiti, a scelta del candidato, tra quelli proposti dalla commissione (entro un numero massimo di parole prestabilito);
o
* una breve risposta in lingua straniera o anche in italiano ad uno o più quesiti appositamente formulati in lingua straniera.
o
Se il corso di studi prevede più di una lingua straniera, di cui una è stata già oggetto della seconda prova scritta, la terza prova deve vertere su una lingua diversa.

cerkasi-voglia-di-studiare

Scritto da La Francy

Redazione ScuolaZoo