Prima Prova Maturità 2018, traccia su Italo Calvino: vita, poetica e opere
Condividi su

Prima Prova Maturità 2018, traccia su Italo Calvino: vita, poetica e opere

Di Sofia Batini
pubblicato il 10 settembre

Maturità 2018: Ecco sapere sulla sua vita, opere e pensiero di Italo Calvino, nel caso fosse l’autore scelto dal Miur in Prima Prova.

Prima Prova Maturità 2018, traccia su Italo Calvino: vita, poetica e opere

Prima prova maturità 2018 traccia su Italo Calvino

Maturandi siete pronti? Quest’anno è il vostro turno! Il 21 giugno, per gli studenti di quest’anno, significa solamente una cosa: Maturità 2018! Quale sarà il nome dell’autore prescelto dal Miur per la Prima Prova di Maturità 2018? Mentre inganniamo l’attesa e cerchiamo di placare l’ansia e l’agitazione in vista dell’Esame di Stato, vediamo di raccogliere più informazioni sugli autori che potrebbero essere scelti come traccia del primo scritto di Maturità. Basta dare un’occhiata al tototema per capire quali sono gli autori più gettonati! In particolar modo, tra gli autori di quest’anno potrebbe comparire anche Italo Calvino, uno degli scrittori italiani più importanti del ’900. Vero è che è già stato scelto come autore dell’analisi del testo alla Maturità 2015, ma niente impedisce al Miur di riproporlo, anzi! Per arrivare preparatissimi alla prima prova, ecco tutto quello che dovete sapere su Italo Calvino: tracce possibili, vita, poetica e opere.

Vuoi sapere tutto il possibile sulla Maturità 2018? Allora non puoi perderti:

 

Italo-Calvino

Prima prova maturità 2018 traccia su Italo Calvino: quale uscirà?

Innanzitutto, vediamo di quale tipo di traccia Italo Calvino potrebbe essere il protagonista. Ovviamente il Miur potrebbe sceglierlo per l’analisi del testo (tipologia A): in questo caso, dovrete analizzare un brano tratto da una delle sue opere, rispondendo a delle domande. A tal fine, è necessario conoscere bene biografia, opere e poetica di Calvino.

Tuttavia, l’autore potrebbe essere anche oggetto di saggio breve o articolo di giornale (tipologia B), in quanto uno dei suoi testi potrebbe comparire come documento da utilizzare nella traccia di ambito artistico-letterario.

Prima prova maturità 2018: la biografia di Italo Calvino

Italo Calvino nasce il 15 ottobre 1923 a Santiago de Las Vegas, a Cuba. Nel 1925 Calvino si trasferisce con la famiglia a Sanremo, dove lo scrittore trascorrerà l’infanzia e l’adolescenza. Nel 1941 si trasferisce a Torino, dove si iscrive alla Facoltà di Agraria, e inizia a scrivere i primi racconti, poesie e testi teatrali. Durante la Seconda Guerra Mondiale, diventa un partigiano arruolandosi nella brigata comunista Garibaldi. Alla fine della guerra, Calvino lascia la facoltà di Agraria e si iscrive a Lettere, oltre a iniziare a militare nel PCI. In questi anni conosce anche Cesare Pavese e inizia a collaborare con importante testate, tra cui l’Unità e Il Politecnico. Il primo romanzo di Calvino, Sentiero dei nidi di ragno, viene pubblicato nel 1947, e due anni dopo esce la raccolta di racconti Ultimo viene il corvo.

Nel 1952 lo scrittore pubblica il primo libro della trilogia I nostri antenati, Il visconte dimezzato, mentre nel 1956 escono le Fiabe italiane, in cui raccoglie e traduce molti racconti della tradizione italiana popolare. Dopo l’invasione dell’Ungheria da parte dell’Unione Sovietica, Calvino lascia il PCI, mentre si dedica a numerosi saggi, collabora con riviste (tra cui Officina, fondata da Pier Paolo Pasolini, e Menabò) e completa la sua trilogia, scrivendo Il Barone rampante (1957) e Il Cavaliere inesistente (1959).

Nel 1964 si sposa con Esther Judith Singer con la quale si trasferisce a Parigi. Nel 1963 pubblica La giornata di uno scrutatore, un romanzo breve realista Marcovaldo ovvero le stagioni in città, una serie di racconti incentrati sulla figura di Marcovaldo e sul rapporto tra uomo di oggi e modernità. Nella capitale francese entra nel circolo letterario OuLiPo e conosce Raymond Queneau, l’autore di Esercizi di stile. In questi anni, Calvino pubblica numerose opere tra cui Le cosmicomiche, Ti con zero, Le citta invisibili e Il castello dei destini incrociati. Nel 1979 pubblica un metaromanzo, Se una notte d’inverno un viaggiatore.

Nel 1980 si trasfrisce a Roma, dove pubblica i racconti Palomar e collabora con i quotidiani Repubblica e il Corriere, mentre nel 1985 viene chiamato dall’Università di Harvard per tenere una serie di conferenze. Tuttavia, prima di partire, viene colto da un ictus, e muore a Siena il 19 settembre 1985.

Prima prova maturità 2018: il pensiero di Italo Calvino

Il lavoro letterario di Italo Calvino può essere inquadrato in diverse fasi:

  • La fase realistica: i primi romanzi e opere di Calvino sono caratterizzati da un forte neoralismo: esempi chiari sono il Sentiero dei nidi di ragno e i racconti Ultimo viene il corvo, le prime due sue opere pubblicate, sebbene il realismo si ritrovi anche nel romanzo breve La giornata di uno scrutatore del 1963 e in Marcovaldo ovvero le stagioni in città, in cui seguendo le vicende di Marcovaldo, riflette sul rapporto tra uomo e modernità.
  • Lo stile fiabesco-allegorico: lo stile per cui Calvino è più celebre è senz’altro quello fiabesco-allegorico che si ritrova nella trilogia I nostri antenati – Il visconte dimezzato, Il Barone rampante e Il Cavaliere inesistente – in cui l’autore punta a tematiche leggere e a stupire il lettore.
  • Strutturalismo: a Parigi, Calvino entra in contatto con lo strutturalismo di Queneau, che crea un modello di letteratura quasi scientifico. In questo periodo crea racconti fantascientifici (Ti con zero) e il metaromanzo Se una notte d’inverno un viaggiatore, cioè un romanzo sul romanzo stesso, oltre a racconti basati sulla sperimentazione linguistica e il gioco combinatorio.
  • Il pessimismo: le opere degli ultimi anni della sua vita, come i racconti Palomar, pubblicati tramite articoli su Repubblica e sul Corriere, vogliono far riflettere il lettore sull’esistenza umana e sull’importanza delle parole, ma affrontano le tematiche con profondo pessimismo.

Prima prova maturità 2018: le opere di Italo Calvino

Concludiamo con la cronologia delle opere più importanti di Italo Calvino, tra romanzi, racconti e saggi:

  • Il sentiero dei nidi di ragno (1947)
  • Ultimo viene il corvo (1949)
  • Il visconte dimezzato (1952)
  • Fiabe Italiane (1956)
  • Il barone rampante (1957)
  • La speculazione edilizia (1957)
  • La nuvola di smog (1958)
  • Il cavaliere inesistente (1958)
  • La giornata di uno scrutatore (1963)
  • Marcovaldo ovvero le stagioni in città (1963)
  • Le Cosmicomiche (1965)
  • Ti con zero (1967)
  • Il castello dei destini incrociati (1969)
  • Le città invisibili (1972)
  • Se una notte d’inverno un viaggiatore (1979)
  • Palomar (1983)
  • Lezioni Americane (postumo)
  • Saggi: Il midollo del leone (1955), Il mare dell’oggettività (1960), La sfida al labirinto (1962), Una pietra sopra (raccolta saggistica).

Prima Prova 2018: le probabili tracce di Maturità

E se uscisse un altro autore? Leggi qui:

Leggi altri articoli in Seconda Prova Maturità Maturità