Usa, uccide il marito: festeggia e si rifà il seno

La morte di un marito è un evento che di solito porta molta angoscia e tristezza e in alcuni casi una depressione profonda nel quale è difficile uscirne, nulla di tutto ciò sembra aver passato una donna della California che ha avuto degli atteggiamenti che ha insospettito la polizia...

festeggiamentiLOS ANGELES – L’accusa è di omicidio e gli indizi sono legati soprattutto al suo comportamento dopo la morte del marito, un marine avvelenato con l’arsenico. Cynthia Sommer, secondo quanto sta emergendo in un processo contro di lei in California, avrebbe ucciso l’uomo per incassare i soldi dell’assicurazione sulla vita, con i quali si è rifatta il seno e ha
organizzato una serie di feste scatenate.

IL DECESSO – Todd Sommer, un marine di 23 anni, morì cinque anni fa per quelle che all’epoca sembrarono cause naturali. Ma successive analisi hanno fatto emergere che il fegato del giovane militare presentava tracce di arsenico mille volte superiori alla norma. Le indagini hanno portato all’arresto della vedova, 33 anni, che è ora sotto processo a San Diego.

L’ASSICURAZIONE – Gli avvocati difensori hanno sottolineato come non ci siano prove che legano l’arsenico alla donna, ma l’accusa sostiene si sia trattato di un delitto premeditato per incassare una assicurazione da 250.000 dollari. È soprattutto ciò che Cynthia Sommer ha fatto dopo la morte del marito, a farle rischiare l’ergastolo. L’accusa ha chiamato in aula a deporre una serie di testimoni che racconteranno dettagli su un intervento di chirurgia plastica al seno da 5.400 dollari subito dopo il decesso di Sommer e su spese folli e festini nella casa nella base militare in California dove la Sommer viveva con il marito.

Fonte Tiscali, Corriere.it