Designer: il corso di IED
Condividi su

Designer: il corso di IED

Di Redazione ScuolaZoo
pubblicato il 16 giugno

Il mondo del design ti appassiona? Vorresti diventare un designer? Ecco come

Designer: il corso di IED

Diventare Designer: il corso di IED

Avete sempre desiderato diventare un designer? Il mondo del design vi appassiona? Allora forse ciò che fa per voi è il corso dello IED di Milano creato ad hoc per formare persone esperte in questo settore.
Se avete infatti una passione smodata per tutto ciò che riguarda design, moda tecnologia e avanguardia, probabilmente avete anche il sogno di rendere tutto ciò che vi circonda, da un semplice oggetto a uno spazio pubblico, maggiormente fruibile, esteticamente accattivante, eco-sostenibile e pensato nel rispetto dell’ambiente e delle persone.
Se anche voi pensate che il design possa aiutarvi a fare qualcosa di utile da mettere a disposizione del mercato allora sappiate che, molto probabilmente, i corsi di Design dello IED sono ciò che fa per voi. Vediamo cosa sapere!

designer IED

Come diventare designer: cosa sapere sul corso IED

Prima di decidere di iscriversi ci sono tantissime informazioni che bisogna tenere in considerazione. Ecco cosa ci ha raccontato Alessandro Chiarato, della direzione IED Design Milano.

Quali competenze occorre avere per poter seguire i corsi senza difficoltà?

Tanto per cominciare per frequentare i corsi di design non sono necessarie competenze pregresse e nemmeno una formazione specifica in ambito artistico. La maggior parte degli studenti proviene da licei classici e scentifici.
Ciò che serve sapere è che il design sta vivendo una profonda mutazione e chi vuole fare questo mestiere deve avere una sensibilità particolare anche verso aspetti sociali: cosa serve realmente alla gente, come è possibile semplificare la vita delle persone, come si può rendere più confortevole un luogo, o quanto la bellezza migliora la vita delle persone.

Quali passioni potrebbero spingere un candidato ideale ad iscriversi?

Sembrerà strano, ma la vera passione che muove il “designer” è quella di pensare di poter cambiare le cose che ci circondano, di poter migliorare la vita delle persone, di pensare “oltre” e in modo diverso.
Ad esempio, se un designer è chiamato a disegnare un ospedale, non potrà solamente progettare i muri, i corridoi, le luci … ma dovrà pensare anche al disegno dell’organizzazione delle relazioni tra pazienti, medici, operatori e parenti. E’evidente che progettato con questo approccio la vita delle persone sarà più semplice e forse più serena.
Allo stesso modo ragionano le aziende: oggi non si chiede più di disegnare uno spazio, un prodotto, un oggetto ma si chiede ai designer di disegnare un’esperienza: lavorare sulle emozioni, sugli stati d’animo, sulle percezioni. Un’altra prospettiva molto intrigante.

Che esperienze pratiche si svolgono durante i corsi IED in design?

Non sono sicuro di elencarle tutte, ma queste sono le principali:

  • laboratorio per costruzione fisica di cose oggetti spazi con metodi tradizionali
  • laboratorio stampa 3D
  • laboratorio per l’utilizzo di tecnologie avanzate: stampa sottovuoto, CNC, stampa per infusione, taglio laser
  • laboratorio materiali per l’esperienza sensoriale materica
  • laboratorio di design thinking dove in aula si sviluppa pensiero condiviso
  • laboratorio computer per l’acquisizione dei software
  • laboratorio meccatronica su piattaforma Arduino

Quali competenze si acquisiscono con i vari corsi IED per diventare designer?

Alla fine del percorso di studi gli studenti acquisiscono sia competenze specifiche, sia competenze manageriali. Il designer è stratega, analista, sociologo, con grande sensibilità sui comportamenti delle persone. Nel dettaglio: valutazione strategica del posizionamento aziendale, ricerca ed analisi dei comportamenti delle persone, analisi dei trend, analisi dei processi di produzione e materiali colori finiture, design thinking, pensiero e sviluppo progettuale, service design, team working, lavoro interdisciplinare, interazione con le aziende.

Diventare designer: gli sbocchi professionali

Il designer oggi ha la grande possibilità di diventare designer per le aziende, per il sociale, per il terzo mondo, per i servizi, per eventi; ma anche la sfida di intraprendere la professione del designer imprenditore o dello strategic designer, così come la possibilità di cogliere le nuove opportunità di business e di vita legate ai makers, alle startup o alle piccole e grandi imprese artigiane.

Per saperne di più, clicca qui

Redazione ScuolaZoo
Leggi altri articoli in Orientamento Universitario Orientamento