Alternanza Scuola-Lavoro

Alternanza a ScuolaZoo fra marketing e social per gli studenti delle scuole superiori

Solo nell’anno 2016-17 il Gruppo OneDay ha ospitato oltre 80 studenti provenienti da 12 scuole in tutta Italia per un totale di circa 6450 ore. È solo l’inizio del progetto formativo introdotto dal fondatore Paolo De Nadai e portato avanti dagli esperti di HR Elisa di Mauro e Andrea Priore. Per i ragazzi in alternanza a ScuolaZoo il primo approccio al mondo del lavoro si rivela essere molto diverso da ciò che ci si immagina: un mondo di camice e cravattini, capi intransigenti o ventiquattrore, dov’è facile confondere la serietà con il silenzio, l’efficienza con il terrore di essere liquidati. Ma il mondo del lavoro non si può più basare su questo.

Da quando è stata estesa ai licei, l’alternanza scuola lavoro è sempre stato un tema scottante. Molti studenti si lamentano di quanto venga trascurato lo scopo educativo, spesso le aziende limitano i compiti degli stagisti alla bassa manovalanza o a una banale osservazione, mentre le scuole quasi sempre si interessano solo all’aspetto burocratico. Insomma, uno spreco di tempo. Ma forse non è proprio così e ScuolaZoo ne è la prova. Nella sede del C32 di Milano più di 80 studenti hanno avuto la loro prima vera e propria esperienza lavorativa e si sono detti soddisfatti degli incarichi svolti. Grazie al lavoro di Andrea, gli studenti riescono a integrarsi molto velocemente in tutti i gruppi a cui vengono assegnati. Hanno subito la sensazione di essere parte di un gruppo e la condivisione del lavoro contribuisce a sviluppare i loro talenti più svariati. Ogni studente viene assegnato a uno dei 10 team in base ai propri interessi e si accorge presto che l’atmosfera è totalmente diversa da quella di un ufficio convenzionale. Prima regola di ScuolaZoo: mai darsi del lei; seconda regola di ScuolaZoo: mai saltare la merenda. L’ openspace del C32 è la dimostrazione che, per lavorare bene, bisogna innanzitutto trattarsi bene. Le scuole incoraggiano ormai troppo radicalmente quel mediocre modello di apprendimento metodico che rende il lavoro tutt’altro che soddisfacente. A ScuolaZoo invece gli stagisti scoprono che si può lavorare bene divertendosi e con passione, sfruttando la propria creatività tramite i social media, il marketing e le risorse umane. Un altro aspetto fondamentale riguarda la libertà dei ragazzi di scegliere il team in cui svolgere l’alternanza. Ciò li sprona ad affrontare il lavoro con entusiasmo e spirito critico, a pensare fuori dagli schemi e a proporre idee innovative. È raro per uno stagista poter influenzare anche solo in minima parte le decisioni aziendali, al C32 invece i ragazzi possono esprimere le proprie idee liberamente e, non solo, molto spesso sono proprio loro alle origini di nuovi trend.  Social, grafica, E-commerce, informatica… A ogni studente viene affidato un incarico in linea con i suoi interessi e con materie nuove, che, nonostante non vengano insegnate a scuola, costituiscono la quasi totalità delle occupazioni di oggi. Che la scuola italiana manchi di senso pratico non è una novità e l’alternanza può essere un valido metodo per combattere questo aspetto. Soprattutto in aziende come ScuolaZoo che, con il suo spirito giovane e innovativo, permette di trasformare una semplice mansione in un’esperienza di crescita professionale e personale, senza trascurare il divertimento e le proprie passioni.

Sei uno studente e ti piacerebbe seguire il percorso di alternanza con ScuolaZoo? Clicca qui.

Sei un insegnante e ti piacerebbe inserire i tuoi studenti in ScuolaZoo? Clicca qui.

Per le testimonianze dirette di alcuni dei ragazzi che sono stati con noi, ecco il loro video: