Condividi
Marziale, Liber Xii, Epigrammi, 56
Condividi su

Marziale, Liber Xii, Epigrammi, 56

Di Redazione ScuolaZoo
pubblicato il 02 settembre

Traduzione latino, Marziale : Epigrammi Liber Xii 56

La prof di latino ti ha assegnato un compito su Epigrammi Liber Xii 56 di Marziale (il più famoso epigrammista in lingua latina) e non sai da dove cominciare? Non disperare, ci siamo noi di ScuolaZoo ad aiutarti dandoti il testo in latino e la traduzione di questo testo di Marziale! Debito di latino schivato!

Testo Epigrammi Liber Xii 56

Aegrotas uno decies aut saepius anno, Nec tibi, sed nobis hoc, Polycharme, nocet: Nam quotiens surgis, soteria poscis amicos.
Sit pudor: aegrota iam, Polycharme, semel.

Traduzione Epigrammi Liber Xii 56

In un anno t’ammali dieci volte o anche più. Questo, Policarmo, non nuoce a te, ma a noi: tutte le volte che ti alzi, infatti, chiedi agli amici doni di rallegramenti per la recuperata salute. Abbi pudore: d’ora in poi, Policarmo, ammalati una volta sola

Redazione ScuolaZoo