Condividi
Riassunto Il bambino con il pigiama a righe: trama e analisi dei personaggi per la scuola
Condividi su

Riassunto Il bambino con il pigiama a righe: trama e analisi dei personaggi per la scuola

Di Giulio Romano
pubblicato il 09 gennaio

Devi fare un compito sul libro del Bambino con il Pigiama a Righe? Noi di ScuolaZoo abbiamo preparato una guida con il riassunto svolto per la scuola e l’analisi dei personaggi.

Riassunto Il bambino con il pigiama a righe: trama e analisi dei personaggi per la scuola

Il bambino con il pigiama a righe, il libro: riassunto della trama e i personaggi del romanzo

Il Bambino con il Pigiama a Righe è una delle storie sull’Olocausto più famose del grande schermo. Molti conoscono il film di Mark Herman e forse alcuni, incuriositi dalla trama, avranno letto il libro di John Boyne, da cui è stata tratta la sceneggiatura. Il romanzo si basa sulla storia vera dell’Olocausto ma racconta le vicende di due bambini, Bruno e Shmuel, provenienti da due famiglie completamente diverse, che diventano grandi amici in un contesto di odio e razzismo. I personaggi, seppur inventati, fanno riaffiorare il dramma e di un periodo triste della storia dell’umanità attraverso l’amicizia genuina tra due bambini, ignari della cattiveria che aleggia intorno a loro. La tua prof ti ha assegnato un compito su questo romanzo e non sai da dove partire? Ci abbiamo pensato noi di ScuolaZoo con questa breve guida contenente il riassunto della trama, l’analisi dei personaggi del libro de Il bambino con il Pigiama a Righe.

Se invece vuoi scrivere un riassunto da solo non perdere:

Riassunto Il bambino con il Pigiama a Righe: la trama del romanzo

Bruno è un bambino di otto anni, figlio di un importante ufficiale tedesco e nazista, curioso ed intraprendente: vive a Berlino, ed ha molti amici e vive serenamente. Un giorno è costretto improvvisamente a trasferirsi, a causa di un nuovo incarico del padre: va a vivere in campagna, e qualche giorno dopo scopre casualmente che la sua abitazione sorge vicino ad un campo di concentramento, che lui crede sia una semplice fattoria. I giorni passano monotoni e lui si sente solo, così comincia ad esplorare i dintorni della villa: scopre un passaggio che lo porta ai confini del campo di concentramento e, al limite del filo spinato, conosce un bambino a lui coetaneo, Shmuel, un ebreo. Tra i due nasce una profonda amicizia, ben lontana da quello che il nazismo cercava di propinare alle giovani menti: Bruno si reca ogni giorno dal suo amichetto, cercando di giocare assieme a lui nonostante i limiti fisici (il filo spinato che li separa). Un giorno, il padre comunica a Bruno che si sarebbero trasferiti nuovamente: Bruno scappa e va dall’amico, dicendogli che se ne sarebbe andato. Decidono assieme di abbattere le barriere che li dividono, scavando un buco sotto la rete per farlo passare. Il piccolo bambino tedesco si traveste con abiti giudaici e assieme vanno a cercare il padre di Shmuel, scomparso, forse ucciso; così vengono catturati in un rastrellamento dei nazisti, e portati in una camera a gas, dove moriranno. La madre, notando la scomparsa di Bruno, manda tutta la famiglia a cercarlo: quando, trovando i vestiti del figlio accanto alla buca scavata sotto il filo spinato, si rendono conto di quanto successo, la tragedia è ormai avvenuta.

Il Bambino con il Pigiama a righe di John Boyne: personaggi e analisi

I personaggi del libro sono fondamentali per la comprensione delle varie realtà di vita esistenti nello scenario della Seconda Guerra Mondiale: il buono, il cattivo, le vittime e i carnefici. Ecco l’analisi completa dei protagonisti del romanzo:

  • Bruno Hess: è il protagonista del romanzo. Non conosce il lavoro del padre e, lontano dalla cattiveria che lo circonda, diventa amico di Shmuel, un bambino ebreo chiuso nel campo di concentramento vicino alla sua residenza, che lui crede sia solo una fattoria. Per aiutare Shmuel a cercare il suo papà, Bruno verrà incluso in un gruppo di ebrei destinati alle camere a gas, dove morirà.
  • Shmuel: bambino ebreo, protagonista del romanzo. Lui rappresenta la controparte di Bruno perché stringe amicizia proprio con il bambino tedesco, figlio di un nazista. Anche lui non è cosciente del mondo intorno a sè. Alla fine morirà nelle camere a gas con Bruno.
  • Louis Hess: il padre di Bruno e Gretel, è la mente ideatrice del campo di concentramento di Auschwitz ed è uno degli ufficiali più considerevoli per aver portato a termine velocemente la costruzione del campo. È uno dei pochi che sa cosa succede realmente nel campo di concentramento e nasconde tutto alla sua famiglia.
  • Elsa Hess: la madre Bruno. Ignara della vera identità del marito e delle crudeltà avvenute tra le mura di Auschwitz, la donna è spesso in contrasto con Louis per via delle sue idee razziste, tanto da trattare tutti gli ebrei come suoi pari.
  • Gretel Hess: sorella di Bruno. Al contrario del fratellino, lei gode perfettamente della situazione economica agiata della famiglia, tanto da assumere comportamenti arroganti e da bambina viziata. La sua cattiveria, in fin dei conti, si traduce in vigliaccheria e dovrà per sempre convivere con il dolore causato dalla morte tragica del fratello.
  • Tenente Kurt Kotler: è uno degli ufficiali nazisti del romanzo. La sua cattiveria non conosce limiti e usa la violenza senza freni su tutti gli ebrei.
  • Pavel: nel passato era un dottore, poi diventato servitore della famiglia Hess e del piccolo Bruno, con cui intrattiene delle conversazioni, anche se proibite tra un ebreo e un tedesco ariano. Nonostante il suo comportamento impeccabile, alla fine viene ucciso da Kotler per aver versato del vino a terra.
  • Herr Liszt: il maestro di Bruno. A lui viene affidato il compito di indottrinare Bruno e Gretel sui concetti di razza ariana e ebrea.
  • Il Führer: Adolf Hitler. È il cattivo per eccellenza del romanzo anche se non compare mai.
  • Lars: il maggiordomo della famiglia Hess. Viene trattato in maniera sgarbata da Gretel e, nonostante non sia ebreo, non tollera le cattiverie commesse contro di essi.
  • Maria: la cameriera della famiglia Hess dal momento in cui trasferiscono la loro dimora da Berlino ad Auschwitz.

Se stai cercando dei temi sulla Shoah, leggi qui:

(Credits Copertina: @mollybooks_; Credits Foto: Miramax Film)

Giulio Romano
Ciao ragazzi, sono Giulio! Studente di Medicina e Staff Scuolazoo, sono anche un appassionato di fitness e cinematografia, passione che approfondisco nel tempo libero. Amo anche viaggiare e scrivere, trovando le due cose così vicine tra loro tanto da toccarsi: cosa sarebbe la scrittura se non un viaggio dentro un mondo immaginario e dentro noi stessi?
Leggi altri articoli in Copiare a Scuola Scuola