Instagram Vs Snapchat: quale social preferiscono i Millennials?
Condividi su

Instagram Vs Snapchat: quale social preferiscono i Millennials?

Di Maria Saia
pubblicato il 03 ottobre

Voi quale social preferite? Quale utilizzate di più?

Instagram Vs Snapchat: quale social preferiscono i Millennials?

Instagram Vs Snapchat: una sfida che si combatte a colpi di tap e di creatività. Centinaia di polemiche si sono sollevate nel mondo virtuale quando di recente il social acquisito da Facebook, Instagram, ha lanciato la sua ultima feature, Instagram Stories, da tutti considerata la copia esatta di Snapchat.

Quest’ultimo aveva già lanciato le sue Stories nel 2013, rappresentando una rivoluzione rispetto al mondo tradizionale di fruizione dei contenuti sui social – quello dei messaggi e delle foto che scompaiono dopo un tot di tempo, personalizzabili con numerosissimi adesivi, filtri e maschere particolari – che aveva conquistato nel giro di pochissimo tempo il cuore e gli smartphones dei Millennials.

E se gli adulti continuano a non capire a cosa serva Snapchat – le parodie, la battute e le vignette sul social si sprecano – i Millennials continuano ad usarli entrambi, per motivi diversi. Ma perché lo preferiscono?

instagram millennials

Instagram: old style

La scelta di lanciare Instagram Stories è legata a un problema di fondo: nonostante ben 500 milioni di utenti attivi ogni mese, i Millennials  e gli adolescenti continuano a provare maggiore attrattiva nei confronti di Snapchat. Ragion per cui, proprio per non perdere quest’importantissimo segmento di mercato, è arrivato il cambiamento tanto criticato per la sua totale mancanza di originalità.

Un aspetto per il quale Instagram rimane insuperabile al momento è la presenza di un vasto numero di influencer che hanno fatto la fortuna del social perché riescono ad attirare l’attenzione del pubblico in un modo del tutto naturale e sorprendente.

Passando a motivi ben più pratici, la user experience offerta da Instagram è più immediata e fruibile rispetto a quella di Snapchat sia per quanto riguarda l’interfaccia di utilizzo sia per la possibilità di scoprire nuovi utenti da seguire – a onor del vero, però, non sono i Millennials ad avere problemi con l’interfaccia di Snapchat, quanto piuttosto il pubblico più adulto.

snapchat millennials

Snapchat: the future

È il social per eccellenza delle nuove generazioni: non solo uno spazio per condividere immagini – come Instagram – ma anche il modo più figo per restare in contatto con i propri amici, una piattaforma di comunicazione che è anche meglio di WhatsApp. Quindi, il valore aggiunto di Snapchat consiste proprio nel fatto che non si tratta unicamente di una piattaforma per la condivisione di scatti.

Nonostante sia più giovane di Instagram, che lo supera nei numeri totali, Snapchat si difende benissimo riuscendo a mantenere una userbase attivissima nella creazione di contenuti giornalieri – 90 milioni contro i 60 milioni di Instagram.

È vero che il meccanismo di scoperta di nuovi utenti all’inizio può spiazzare – il sistema dello Snapcode non è infatti chiarissimo in un primo momento – ma la novità e la particolarità che Snapchat è riuscita a introdurre nel mondo dei social è stata la principale fonte di attrazione per Millennials e adolescenti che continuano a preferirlo al più tradizionale Instagram. I dati confermano infatti che nel dicembre 2015 il 73,5% degli utenti di Snapchat aveva un’età compresa tra i 16 e i 24 anni.

Siete d’accordo? Anche voi trovate che Snapchat sia molto di più di un semplice social per condividere immagini e sia una chat del futuro super innovativa, che considera anche al rispetto della propria privacy? Fateci sapere nei commenti!

Maria Saia
Quando sono nata ero una sirena, ma invece di cantare come le mie sorelle, passavo il tempo a scrivere. Il problema era che vivendo sott'acqua i miei quaderni si inzuppavano tutti e l'inchiostro andava via. Per questo ho chiesto a mio padre, il re degli oceani, di darmi delle gambe per andare a vivere in superficie. Adesso abito sulla terra e continuo a passare i miei giorni scrivendo. L'inchiostro, per fortuna, non va più via. In ricordo delle mie origini, tutti i miei amici mi chiamano "Mari". :)
Leggi altri articoli in News Scuola