Condividi
Maturità 2019: dobbiamo dire addio alla regola dell’alternanza?
Condividi su

Maturità 2019: dobbiamo dire addio alla regola dell’alternanza?

Di Isabelle Giacometti
pubblicato il 29 novembre

La regola dell’alternanza vale anche al nuovo esame di Stato 2019? Scopri nel nostro articolo cosa cambia dopo la riforma del Miur.

Maturità 2019: dobbiamo dire addio alla regola dell’alternanza?

Riforma Maturità 2019: vale ancora la regola dell’alternanza?

Il Miur ha iniziato a chiarire i dubbi sulla riforma del nuovo esame di Stato: ha pubblicato online le indicazioni sulla Prima e Seconda Prova 2019 e le griglie di valutazione per i due scritti. Alcune questioni però sono rimaste irrisolte, come quella della regola dell’alternanza, una prassi non scritta del Miur per cui, se ci sono più materie di Seconda Prova (per esempio Greco e Latino al Liceo Classico) non si ripetono mai per due anni di seguito… vale anche per l’esame di Stato di quest’anno?
Nel comunicato è infatti stata confermata una delle più importanti novità della Maturità 2019, ovvero la Seconda Prova multidisciplinare. Tuttavia si legge anche che le materie su cui verterà l’esame del 20 giugno verranno scelte a gennaio. Come mai? Cosa succede alla regola dell’alternanza con la riforma della Maturità 2019 del Miur? Trovi la risposta nel nostro articolo ScuolaZoo.

Ecco cosa sapere e le principali novità della riforma del Miur sulla Seconda Prova 2019 del liceo classico e non solo:

Maturità 2019: perché dobbiamo dire addio alla regola dell’alternanza

Alla Seconda Prova del nuovo esame di Stato verrà mantenuta la regola dell’alternanza? Alcuni fattori fanno propendere per il NO:

  • Seconda Prova multidisciplinare: l’introduzione di questa novità della Maturità 2019 ci fa pensare che lo scritto del 20 giugno sarà su più materie! In questo caso il Miur non rispetterebbe la regola dell’alternanza.
  • La regola dell’alternanza non è scritta: come abbiamo già detto la regola dell’alternanza è una prassi del Miur, che può anche ripetere le materie di Seconda Prova per più esami di Stato consecutivi. Ciò finora non è accaduto, ma potrebbe essere uno dei tanti cambiamenti dopo la riforma della Maturità.

Maturità 2019: perché non possiamo dire addio alla regola dell’alternanza

La regola dell’alternanza delle materie di Seconda Prova vale anche alla Maturità 2019? Ecco i motivi per cui possiamo dire di :

  • La Seconda Prova multidisciplinare è solo una possibilità: secondo quanto scritto nella riforma del Miur alla Seconda Prova 2019 possono esserci più materie, ma può essercene una sola come all’esame di Stato degli anni precedenti. Non c’è nessun obbligo per il Ministero di applicare il cambiamento già il 20 giugno, e la regola non scritta dell’alternanza potrebbe venire confermata.
  • Può crearsi una nuova regola dell’alternanza: il meccanismo di rotazione delle materie di Seconda Prova potrebbe continuare ad esistere anche dopo la riforma del Miur. La novità sarebbe che oltre alle materie d’indirizzo si alterna anche l’esame multidisciplinare. Facciamo un esempio con il Liceo Classico: Maturità 2019 – multidisciplinare, Maturità 2020 -latino, Maturità 2021 – greco, Maturità 2022 – multidisciplinare… e così via)

(Crediti Immagini: Pixabay)

Isabelle Giacometti
20 anni, mille progetti e il resto della vita per realizzarli. Scrivere è diventata una passione dal primo tema in cui ho preso 'ottimo' alle elementari... da cocca della maestra a giornalista direi che è un bel salto di qualità! Adoro il rosa e l'autunno, non vivo senza caffè e senza penna. Una frase che mi rappresenta? "Omnes optimi insani sunt" ovvero "tutti i migliori sono matti", ovviamente in latino, da brava (ex) classicista. Laurea in progress.
Leggi altri articoli in News Maturità Maturità