Condividi
Orientamento scolastico terza media: l’Istituto tecnico Grafica e Comunicazione
Condividi su

Orientamento scolastico terza media: l’Istituto tecnico Grafica e Comunicazione

Di Alessio Cappuccio
pubblicato il 22 novembre

Scelta della scuola superiore: vorreste iscrivervi all’Istituto tecnico Grafica e Comunicazione dopo la Terza Media? Ecco cosa sapere su piano di studi, articolazioni e sbocchi lavorativi!

Orientamento scolastico terza media: l’Istituto tecnico Grafica e Comunicazione

Orientamento Terza Media: perché scegliere l’Istituto tecnico Grafica e Comunicazione?

Tra i vostri amici siete quelli più incline al designo e alla pulizia grafica, quando c’è da scrivere un biglietto d’auguri chiamano sempre voi, oppure avete già avuto esperienza di creazione di volantini, con soddisfazione di tutti? Se avete risposto sì a tutte queste domande, o anche solo a una, e se quest’anno dovrete sostenere l’esame di terza media, allora potreste considerare l’Istituto tecnico Grafica e Comunicazione quale nuova scuola da frequentare una volta usciti da quella dell’obbligo!

Volete saperne di più, ma non avete idea su dove trovare le informazioni che cercate? Niente paura, c’è la nostra guida all’Istituto tecnico Grafica e Comunicazione, comprensiva delle materie e degli sbocchi occupazionali.

Non sapete se questa è la scuola più adatta a voi? Fate il nostro test di orientamento per capire quale liceo, istituto tecnico o professionale fa al caso vostro!

Volete avere informazioni su tutte le scuole superiori esistenti in Italia? Leggete:

grafica e comunicazione

Foto: Pixabay

Istituto tecnico Grafica e Comunicazione: il piano di studio

Creato a partire dalla Riforma Gelmini del 2010, l’Istituto tecnico Grafica e Comunicazione è indirizzato a tutti coloro che vogliono  imparare a realizzare prodotti di comunicazione utilizzando differenti media, valorizzando la propria creatività e originalità, entrando così a far parte dell’industria grafica, editoriale e del settore audiovisivo. Oltre ad apprendere i processi produttivi del settore, lo studente imparerà come intervenire nella progettazione e realizzazione di prodotti di carta e cartone, e a gestire la comunicazione grafica multimediale.

Trattandosi di un Istituto tecnico facente parte del raggruppamento tecnologico, le materie base che vengono insegnate sono quelle comuni agli altri Istituti dello stesso tipo, ovvero un quinquennio all’insegna dell’istruzione umanistica, cui si affiancano le scienze integrate e il diritto e l’economia.

Queste le competenze che lo studente al termine dei cinque anni andrà a sviluppare, come individuate dal Miur.

  • Saper intervenire in aree tecnologicamente avanzate e utilizzare materiali e supporti differenti in relazione ai contesti e ai servizi richiesti;
  • Integrare conoscenze di informatica di base e dedicata, di strumenti hardware e software grafici e multimediali, di sistemi di comunicazione in rete, di sistemi audiovisivi, fotografici e di stampa;
  • Utilizzare competenze tecniche e sistemistiche che, a seconda delle esigenze del mercato del lavoro e delle corrispondenti declinazioni, possono rivolgersi  alla programmazione ed esecuzione delle operazioni di prestampa e alla gestione e organizzazione delle operazioni di stampa e post-stampa, alla realizzazione di prodotti multimediali, alla realizzazione fotografica e audiovisiva, alla realizzazione e gestione di sistemi software di comunicazione in rete, alla produzione di carta e di oggetti di carta e cartone (cartotecnica);
  • Gestire progetti aziendali, rispettando le norme sulla sicurezza e sulla salvaguardia dell’ambiente;
  • Descrivere e documentare il lavoro svolto, valutando i risultati conseguiti e redigere relazioni tecniche.

istituto_tecnico_-_tecnologico

Per quanto riguarda le materie caratterizzanti l’Istituto, queste ovviamente riguardano competenze specifiche nell’uso di software e hardware, nonché insegnamenti inerenti la comunicazione, l’editoria e vari aspetti tecnologici. Per questo troviamo lezioni di Teoria della comunicazione, Progettazione multimediale, Tecnologie dei processi di produzione, Organizzazione e gestione dei processi produttivi  e un gran numero di ore dedicate alle esercitazioni nei laboratori tecnici.

piano_studi_grafica_e_comunicazione

Istituto tecnico Grafica e Comunicazione: cosa si può fare dopo il diploma

Al termine del percorso di studi, il diplomato saprà realizzare progetti cartacei, multimediali e per il web, secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali di gestione della qualità e della sicurezza, e inoltre per portare a termine tali progetti sarà in grado di analizzare e monitorare le esigenze del mercato dei settori di riferimento.

Le professioni più immediatamente legate al diploma in Grafica e Comunicazione sono quelle di grafico e pubblicitario in aziende ed enti, grafico di redazione, disegnatore industriale, copywriter e art director in agenzie di comunicazione.

Foto: Pixabay

Alessio Cappuccio
Cosa faccio nella vita? In pratica scrivo e ogni tanto faccio video e fotografie. Appassionatissimo di cinema, ritorno a scrivere di scuola e università dopo aver sperato di aver detto addio per sempre allo studio con la laurea. Nella vita, però, mai dire mai!
Leggi altri articoli in Orientamento Scolastico Orientamento