Condividi
Test Veterinaria 2017: cosa portare secondo le indicazioni del Miur
Condividi su

Test Veterinaria 2017: cosa portare secondo le indicazioni del Miur

Di Alessio Cappuccio
pubblicato il 05 settembre

Test di Veterinaria: la data è aun passo! Facciamo insieme un piccolo recap di tutto quello che devi portare con te.

Test Veterinaria 2017: cosa portare secondo le indicazioni del Miur

Test Veterinaria 2017: cosa portare alla prova d’accesso

Amanti degli animali, il vostro momento è arrivato. Domani, 6 settembre, è infatti la data stabilita per lo svoglimento del Test di Veterinaria, che come sicuramente saprete è a numero chiuso e quindi è arrivato il momento di capire cosa portare in modo che possiate subito preparare la borsa per poi concentrarvi sul ripasso e (magari!) provare a rilassarvi un po’ senza pensare alle domande e alle risposte di domani.

Certo, sappiamo che siete alle prese con le ultime ore di studio (e che quest’anno sono 764 i posti disponibili nelle varie università d’Italia), tuttavia potrebbe essere fondamentale anche alzare un attimo lo sguardo dai libri per sincerarvi di essere in possesso (e di portare con voi) quanto vi verrà richiesto per poter accedere alla prova. Si tratta infatti di un esame ufficiale a carattere nazionale, e quindi ci sono delle procedure da rispettare, tra cui quella di identificazione.

Test di Veterinaria: l’elenco del materiale necessario per affrontare la prova d’accesso 2017

Vediamo dunque quali sono i documenti richiesti, secondo le indicazioni dello stesso Miur.

  • Documento d’identità valido: dovrete dimostrare di essere proprio voi in persona mostrando un documento ancora in corso come la carta d’identità, il passaporto o la patente
  • Ricevuta del pagamento del contributo versato all’università per affrontare la prova
  • Ricevuta dell’iscrizione online al portale Universitaly che vi ha consentito di accedere al test
  • Se siete studenti non comunitari dovrete anche portare una copia del permesso di soggiorno o del visto d’ingresso ottenuto per entrare nel Paese

Ci sono poi alcuni materiali che sarebbe meglio portaste con voi, per quanto non siano indispensabili. Ecco quali.

  • Una o più penne nere (non di altri colori, e nessuna matita o altri strumenti per scrivere). Una vi sarà fornita direttamente dall’Università prima di dare il via al test.
  • Acqua e cibo. La prova ha una durata massima di 100 minuti, però non vorrete di sicuro farvi cogliere da un calo di zuccheri. Ecco allora che sarebbe meglio portare con voi una bottiglietta d’acqua e una leggera merenda.
  • Orologio: date le proibizioni di cui vi parliamo a breve, per controllare lo scorrere del tempo, nel caso non ve ne sia uno affisso alle pareti dell’aula, è sempre meglio portare con sé un orologio da polso.

Vi sono poi alcune cose che proprio non si possono portare. Si tratta di oggetti in grado di darvi qualche vantaggio sui vostri colleghi, e per questo sono stati vietati.

  • Libri, appunti, bigliettini e tavole periodiche: se non ve li hanno fatti usare a scuola durante gli esami ci sarà qualche motivo!
  • Smartphone, smartwatch, palmari, tablet e in generale tutti i device elettronici in grado di accedere a Internet. Insomma, non aspettatevi l’aiuto da casa o dalla Rete, siete solo voi e le 60 domande a crocetta.

Foto di cover: Wikimedia – Ridgewater College

Foto interna:

Alessio Cappuccio
Cosa faccio nella vita? In pratica scrivo e ogni tanto faccio video e fotografie. Appassionatissimo di cinema, ritorno a scrivere di scuola e università dopo aver sperato di aver detto addio per sempre allo studio con la laurea. Nella vita, però, mai dire mai!
Leggi altri articoli in News Test d'Ingresso Test d'Ingresso