Condividi
Com è o com’è: come si scrive?
Condividi su

Com è o com’è: come si scrive?

Di Chiara Greco
pubblicato il 19 febbraio
Com è o com’è: come si scrive?

Come si scrive: Com’è o com è?

I dubbi sull’ortografia di alcune parole o gruppi di parole sono le peggiori, soprattutto quando si sta scrivendo un tema d’italiano e improvvisamente ci si imbatte in queste paroline critiche. «Com è» o «com’è» è una di queste: qual è la forma corretta, e come fare per ricordarla e non cadere più nell’errore? Qui vi spiegheremo in parole molto semplci perché una di queste forme è corretta e vi faremo degli esempi così da farvi rimanere bene la regola.

Com’è o com è: qual è la forma corretta e regola ortografica

La forma corretta è «com’è», con l’apostrofo. Si tratta di una regola molto semplice, a cui fanno eccezione solo pochissimi casi. Quando una parola finisce con una vocale e quella dopo inizia con vocale accentata, la consonante finale della prima parola cade, in gergo ortografico si parla di elisione. Si chiama così perché rimane l’apostrofo. Nel caso di «qual è», invece, si parla di troncamento perché l’ultima lettera viene eliminata senza lasciare traccia in alcun apostrofo.

Com’è o com è: esempi pratici

Ecco alcuni esempi pratici dell’uso corretto di «com’è»:

  • “Com’è andata la tua giornata?”
  • “Voglio sapere com’è stato scoperto il tuo segreto”
  • “Com’è stato il film che hai visto?”
Chiara Greco
Abitante del mondo in tutte le sue forme e i suoi colori. Sono una studentessa, si spera, alla fine del suo percorso universitario in mediazione linguistica e culturale. Il mio hobby principale è cercare di rendere i miei sogni una realtà concreta, per questo ho deciso di buttarmi in questa avventura come scrittrice (ancora alle prime armi e che ha ancora tanto da imparare). Il filo delle mie passioni traccia trame e disegni impensabili e senza confini: scrittura, lettura, cucina, cinema, musica, scienza, fisica, viaggi