Condividi
Apposto o a posto: come si scrive?
Condividi su

Apposto o a posto: come si scrive?

Di Chiara Greco
pubblicato il 26 febbraio
Apposto o a posto: come si scrive?

Come si scrive: apposto o a posto? La regola ed esempi

Anche quando si è madrelingua, è probabile che si abbiano dei dubbi riguardo un modo di dire o un’espressione in italiano. Solitamente queste domande nascono quando nel parlato alcune parole vengono pronunciate in maniera diversa in base alla regione e al dialetto di provenienza. Una di queste è «apposto» e «a posto». A tanti viene il dubbio su quale utilizzare quando dovete rispondere alla classica domanda «come va?», quale usare quando dovete dire che «avete messo in ordine» la vostra stanza e quale usare quando avete incollato un francobollo su una lettera. In questo articolo vi spiegheremo quale forma corretta usare in entrambi i casi e gli esempi per non sbagliare più.

Apposto o a posto: cosa cambia e regola

Sono due espressioni che si somigliano ma hanno due significati diversi, quindi bisogna fare molta attenzione a ciò che volete intendere quando parlate o scrivete per evitare di usare la forma sbagliata per esprimere un determinato concetto. Ecco qual è la differenza tra i due e come si usano:

  • usiamo «a posto» per intendere «tutto in ordine» (quindi anche per rispondere alla domanda «come va?»)
  • usiamo «apposto» per indicare in participio passato del verbo apporre

Esempi e uso corretto di apposto e a posto

Ecco alcuni esempi pratici per capire bene come si usano le due forme. Siamo sicuri che non sbaglierete più.

A posto:

  • “Ho messo a posto la stanza”
  • “Come stai? Tutto a posto”
  • “Sono a posto con la coscienza”

Apposto:

  • “Ho apposto un francobollo sulla cartolina”
  • “Marco ha apposto la sua firma sul contratto per acquistare la casa”
  • “Trovate in rosso le modifiche che ho apposto al testo”
Chiara Greco
Abitante del mondo in tutte le sue forme e i suoi colori. Sono una studentessa, si spera, alla fine del suo percorso universitario in mediazione linguistica e culturale. Il mio hobby principale è cercare di rendere i miei sogni una realtà concreta, per questo ho deciso di buttarmi in questa avventura come scrittrice (ancora alle prime armi e che ha ancora tanto da imparare). Il filo delle mie passioni traccia trame e disegni impensabili e senza confini: scrittura, lettura, cucina, cinema, musica, scienza, fisica, viaggi