Condividi
Angolo piatto e angolo giro
Condividi su

Angolo piatto e angolo giro

Di Stefania Antonelli
pubblicato il 18 gennaio
Angolo piatto e angolo giro

Eccoci a un nuovo argomento “caldo” di una delle materie più odiate dagli studenti italiani. C’è però anche chi la ama immensamente e chi decide, nel corso della propria vita, di farne addirittura una professione. Come, ad esempio, i nostri super professori tutti lettere, numeri, formule e regole. Ma torniamo a noi e a questa materia che ha, al suo interno, numerosissimi temi interessanti ma anche, purtroppo, da memorizzare di volta in volta, cercando di non rimanere indietro. La geometria è infatti piena di figure, nozioni, regole e formule che possono creare confusione se non immagazzinate con le gisute tempistiche: non alle secchiate finali, sì allo studio metodico e al ripasso quotidiano. Anche se è pesante, lo sappiamo, vi eviterà tanti problemi e anche tante brutti voti!

Passiamo dunque alla pillola di oggi, ancora una volta su una definizione specifica di angolo. Dopo aver definito che cos’è un angolo retto (misura 90°) e aver compreso come esso definisca anche l’angolo acuto (minore di 90°) e l’angolo ottuso (maggiore di 90°), parliamo degli altri tipi di angoli e in particolare di due: l’angolo piatto e l’angolo giro.

L’angolo giro è l’angolo compreso tra due semirette coincidenti che contiene tutto il piano. Ha poi altre caratteristiche particolari: misura 360 gradi ed è la metà di un angolo giro e misura 180 gradi.

angolo piatto angolo giro

Stefania Antonelli
Partita a diciotto anni alla volta dell’Irlanda, non mi sono più fermata. Dopo un mese a Dublino, è stata la volta di Valencia, Alicante, Barcellona, Siviglia e Londra fino a Parigi, dove ho vissuto per un anno. Studiando sui libri tra arrivi e partenze, ho preso una laurea in lettere moderne. Intanto e da sempre, scrivo. Scrivo sul pc, sulla mia moleskine, sugli scontrini, su fogli volanti, sulle cartine, a volte persino sui muri (ma di camera mia) e, naturalmente, su ScuolaZoo.