Condividi
Che cos’è un angolo?
Condividi su

Che cos’è un angolo?

Di Stefania Antonelli
pubblicato il 01 ottobre
Che cos’è un angolo?

Che cos’è un angolo? Quante volte ci siamo sentiti rivolgere questa domanda e, purtroppo, quante volte siamo rimasti un po’ interdetti davanti a un quesito tanto banale ma nello stesso tempo così pieno di implicazioni? Ecco, insieme oggi, cercheremo di risolvere il problema memorizzando una volta per tutti i punti essenziali per definire un angolo. L’angolo, come il piano, la retta, la semiretta e il punto, è un elemento importantissimo di geometria analitica e per questo va analizzato e categorizzato attentamente. Inoltre, vi sono numerose tipologie di angoli che vanno riconosciute e nominate per non commettere errori nello svolgimento degli esercizi.

Ma torniamo alla definizione di angolo:

L’angolo è ciascuna delle due parti in cui un piano viene diviso da due semirette giacenti in esso e aventi la stessa origine. L’origine si chiama vertice e le due semirette si chiamano lati dell’angolo.

Ricordandoci che una semiretta è una retta avente un inizio ma non una fine, l’angolo avrà un vertice (il punto in cui si incontrano le due semirette) che corrisponde al punto d’origine delle stesse. Per indicare un angolo su un piano bisogna seguire alcune semplici accortezze. Infatti, ogni elemento di geometria richiede una sua nomenclatura specifica che ci permette di individuarlo quando ci troviamo di fronte allo svolgimento di un esercizio.

angolo

Innanzitutto dobbiamo scegliere un punto sulla linea retta che definisce uno dei due lati dell’angolo e, essendo un punto lo segnaliamo con una lettera maiuscola, ad esempio la A.
In seguito indichiamo con la lettera O e l’accento circonflesso il vertice dell’angolo.
Infine nominiamo con un’altra lettera maiuscola un punto sul suo secondo lato (esempio la B).

Dunque l’angolo “immaginario” che abbiamo pensato sarà: AÔB

Non è sbagliato anche indicare l’angolo semplicemente con la lettera del vertice e l’accento circonflesso ma possiamo assicurarvi che è più chiaro e preciso nominare l’angolo con tutte e tre le lettere sopra citate. Anche perché, qualora avessimo più angoli, il secondo modo creerebbe non pochi equivoci.

Bene! Ora che sei giunto alla conclusione di questa pillola di geometria su “che cos’è un angolo?”, ti consigliamo di memorizzare anche:

Stefania Antonelli
Partita a diciotto anni alla volta dell’Irlanda, non mi sono più fermata. Dopo un mese a Dublino, è stata la volta di Valencia, Alicante, Barcellona, Siviglia e Londra fino a Parigi, dove ho vissuto per un anno. Studiando sui libri tra arrivi e partenze, ho preso una laurea in lettere moderne. Intanto e da sempre, scrivo. Scrivo sul pc, sulla mia moleskine, sugli scontrini, su fogli volanti, sulle cartine, a volte persino sui muri (ma di camera mia) e, naturalmente, su ScuolaZoo.