Condividi
Frasi de Il Piccolo Principe: le migliori citazioni da scrivere sul diario
Condividi su

Frasi de Il Piccolo Principe: le migliori citazioni da scrivere sul diario

Di Maria Saia
pubblicato il 29 dicembre

Una raccolta delle migliori frasi de Il Piccolo Principe con le spiegazioni che spesso non siamo riusciti a trovare in rete.

Frasi de Il Piccolo Principe: le migliori citazioni da scrivere sul diario

Le più belle frasi de Il Piccolo Principe

Il Piccolo Principe è un vero e proprio capolavoro della letteratura e, proprio per questo motivo, alcune delle frasi de Il Piccolo Principe ci sono rimaste impresse nel cuore, come per esempio quelle scambiate tra il piccolo principe e la volpe. Alcune citazioni sono talmente belle che ti sarà capitato di certo di cercare frasi piccolo principe in francese per scrivere sul tuo diario la versione originale. Ma quali sono le più belle in assoluto? Ecco alcune frasi celebri sull’amicizia, il tramonto, la rosa e la volpe.

Per sapere tutto (ma proprio tutto tutto!) su Il Piccolo Principe, leggi:

Il piccolo principe frasi celebri amicizia

  • “E quando ti sarai consolato (ci si consola sempre), sarai contento di avermi conosciuto. Sarai sempre il mio amico. Avrai voglia di ridere con me. E aprirai a volte la finestra, così, per piacere… e i tuoi amici saranno stupiti di vederti ridere guardando il cielo. Allora tu dirai” Sì, le stelle mi fanno ridere! “E ti crederanno pazzo. T’avrò fatto un brutto scherzo…”
  • “Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro … dalle tre io comincerò ad essere felice.”
  • “È il tempo che si è per
  • “Conoscerò un rumore di passi che sarà diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi fanno nascondere sotto terra. Il tuo, mi farà uscire dalla tana, come una musica.”
  • duto per una persona a determinare la sua importanza.”
  • “Ho fatto di te mio amico e ora sei per me unico al mondo.”

via GIPHY

Continua a leggere
Maria Saia
Quando sono nata ero una sirena, ma invece di cantare come le mie sorelle, passavo il tempo a scrivere. Il problema era che vivendo sott'acqua i miei quaderni si inzuppavano tutti e l'inchiostro andava via. Per questo ho chiesto a mio padre, il re degli oceani, di darmi delle gambe per andare a vivere in superficie. Adesso abito sulla terra e continuo a passare i miei giorni scrivendo. L'inchiostro, per fortuna, non va più via. In ricordo delle mie origini, tutti i miei amici mi chiamano "Mari". :)
Leggi altri articoli in Suggerimenti Scuola Scuola