Condividi
Riassunto Capitolo 20 de I Promessi Sposi svolto
Condividi su

Riassunto Capitolo 20 de I Promessi Sposi svolto

Di Alessio Cappuccio
pubblicato il 20 novembre

Cosa succede nel Ventesimo Capitolo de I Promessi Sposi? Ecco il riassunto svolto, dettagliato, di tutto il capitolo 20 scritto da Alessandro Manzoni.

Riassunto Capitolo 20 de I Promessi Sposi svolto

Riassunto capitolo per capitolo de I Promessi Sposi: il capitolo 20

Dopo averne sentito parlare nei precedenti capitoli de I Promessi Sposi, arriviamo finalmente a uno dei momenti cult del capolavoro manzoniano: nel ventesimo capitolo facciamo finalmente la conoscenza diretta del personaggio dell’Innominato, uno dei più tormentati e complessi dell’intero romanzo di Alessandro Manzoni. Lo troviamo roso dai dubbi, che verranno poi acuiti dall’arrivo di Lucia: si tratta di un momento importantissimo per la poetica dello scrittore. Troverete ogni dettaglio nel nostro resoconto con tanto di approfondimento. Ecco allora il nostro riassunto del capitolo 20 de I promessi sposi.

Stavate cercando il riassunto del primo capitolo dei Promessi Sposi? Lo trovate qui:

Se volete qualche consiglio per scrivere un tema sui Promessi Sposi che riguardi il romanzo o i personaggi non perdetevi:

Leggete anche:

riassunto-promessi-sposi-capitolo-20

Ventesimo Capitolo de I Promessi Sposi: il riassunto

Riprendiamo la storia a partire dalla descrizione del castello dell’Innominato, che si trova in cima a un colle accessibile solo da un lato. Si tratta di un passaggio dai toni insieme fiabeschi e gotici (come per esempio l’accenno al nido dell’aquila), poco comune nella prosa del Manzoni. Il forte è inespugnabile, e neanche i birri si azzardano a metterci piede se non invitati.

Riassunto capitolo ventesimo Promessi Sposi: l’incontro tra Don Rodrigo e l’Innominato

Anche Don Rodrigo per accedervi deve passare per l’osteria che fa da cancello, chiamata la “Malanotte”. Qui deve lasciare tutte le sue armi così come tutti i suoi bravi, eccetto il Griso, il quale comunque rimane alla porta della fortezza. In una sala ecco l’Innominato: un uomo alto, con i capelli bianchi, dal volto rugoso, ormai anziano ma con gli occhi che lampeggiano con forza come quelli di un giovane.

Don Rodrigo gli chiede aiuto per risolvere la faccenda del rapimento di Lucia. L’Innominato ascolta con attenzione, anche perché odia Fra Cristoforo, in quanto nemico dei tiranni. Dopo un breve resoconto l’Innominato si assume la responsabilità dell’impresa, per la quale gli serve l’aiuto di Egidio, ovvero l’uomo che conosciamo come l’amante di Gertrude.

Tuttavia l’anziano, appena lasciato solo, inizia a manifestare alcuni dubbi e un certo fastidio per l’incarico accettato. Già da tempo prova orrore per i delitti commessi, e ora sente il peso della coscienza che lo opprime, che ha cercato di celare gettandosi a capofitto in gesta ardite e criminali come questa.

Riassunto Promessi Sposi capitolo venti: l’Innominato fa rapire Lucia

Per sciogliere ogni dubbio l’Innominato chiama subito il Nibbio, il suo luogotenente, che dovrà recarsi a Monza da Egidio. Questi accetta, affermando trattarsi di qualcosa di semplice e sicuro: basteranno tre bravi travestiti e una carrozza. Infatti Egidio conta sulla collaborazione di Gertrude, la quale dapprima trova spaventosa la proposta dell’amante (anche perché stava iniziando a convertirsi grazie all’influenza di Lucia), ma poi cede con dolore per non rinnegare il rapporto.

Nel giorno convenuto la monaca di Monza allora chiede a Lucia di portare un messaggio segreto al padre guardiano del convento dei cappuccini. Durante il breve tragitto una carrozza le si ferma accanto, per chiederle indicazioni per Monza: a questo punto il Nibbio la afferra e la scaraventa all’interno, dove viene bloccata e messa a tacere dagli altri due bravi.

La ragazza è in preda al panico e cerca di divincolarsi, ma la forza bruta dei due ha la meglio e Lucia sviene. Quando questa riprendere è il Nibbio che cerca di calmarla: la ragazza quindi alterna preghiere a Dio e ai bravi affinché la lascino andare, anche se inutilmente. L’Innominato nel frattempo attende l’arrivo della carrozza al suo castello, colto da un’inquietudine insolita che lo spinge quasi a recedere dal proposito.

Manda così a chiamare una vecchia servitrice, così fedele da obbedire a ogni ordine dato dal suo padrone, rimasta vedova dopo aver sposato uno dei suoi sgherri. È a lei che l’Innominato affida Luci con l’incarico di farle coraggio.

Capitolo 20 Promessi Sposi: approfondimento

In questo capitolo Manzoni fa un’altra cosa per lui alquanto inconsueta, ovvero unisce la poesia alla storia. Lo scrittore afferma infatti che la storia non può descrivere la psicologia di un personaggio, ma è solo attraverso la letteratura che possiamo conoscere i suoi pensieri più profondi e dunque comprenderlo in modo più acuto. Al centro della sua indagine c’è naturalmente l’Innominato, un uomo che ha sempre dominato la politica e la vita sociale con le sue azioni, ma che giunto a una certa età si accorge di non poter dominare il tempo. Questa cosa lo spinge a chiedersi cosa c’è dopo la vita, iniziando così a sentire dentro di sé la voce di Dio e la montante preoccupazione per un giudizio sulle proprie azioni.

Riassunto I Promessi Sposi capitolo per capitolo

Noi di ScuolaZoo stiamo scrivendo tutti i riassunti de I Promessi Sposi. Se vi interessa leggere il capitolo precedente e successivo al ventesimo, ecco i link da seguire:

Alessio Cappuccio
Cosa faccio nella vita? In pratica scrivo e ogni tanto faccio video e fotografie. Appassionatissimo di cinema, ritorno a scrivere di scuola e università dopo aver sperato di aver detto addio per sempre allo studio con la laurea. Nella vita, però, mai dire mai!
Leggi altri articoli in Suggerimenti Scuola Scuola