Condividi
Riassunto Capitolo 22 de I Promessi Sposi svolto
Condividi su

Riassunto Capitolo 22 de I Promessi Sposi svolto

Di Alessio Cappuccio
pubblicato il 01 dicembre

Cosa succede nel Ventiduesimo Capitolo de I Promessi Sposi? Ecco il riassunto svolto, dettagliato, di tutto il capitolo 22 scritto da Alessandro Manzoni.

Riassunto Capitolo 22 de I Promessi Sposi svolto

Riassunto capitolo per capitolo de I Promessi Sposi: il capitolo 22

Dopo le emozioni dell’incontro tra l’Innominato e Lucia, il ventiduesimo capitolo de I Promessi Sposi è privo di particolari eventi e molto statico, in quanto Alessandro Manzoni prende una pausa per introdurre un personaggio fondamentale per la sua visione cristiana, quello di Federigo Borromeo. Ci viene raccontata la sua storia, ma soprattutto a poco a poco comprendiamo quale significato abbia l’arcivescovo per lo scrittore, come spieghiamo nell’approfondimento.

Ecco allora il riassunto del capitolo 22 de I Promessi Sposi.

Stavate cercando il riassunto del primo capitolo dei Promessi Sposi? Lo trovate qui:

Leggete anche:

capitolo 22-promessi-sposi

Ventiduesimo Capitolo de I Promessi Sposi: il riassunto

Il bravo torna dall’Innominato a riferire che la festa è per l’arrivo di Federigo Borromeo, il cardinale, in visita pastorale al paese. L’uomo è allora colto dal desiderio di incontrare quest’uomo in odore di santità. Volendo prima liberare Lucia si reca nella sua stanza, ma la trova dormiente per terra: la lascia così stare, non prima di aver rimproverato la vecchia. L’Innominato si dirige in paese senza scorta, cosa inedita e sorprendente per i passanti, e qui si fa indicare la casa in cui è ospite il cardinale.

Riassunto capitolo ventiduesimo Promessi Sposi: Federigo Borromeo

Inizia così una lunga digressione sulla storia dell’uomo di chiesa, che per Manzoni è una figura di altissimo valore morale, un rimedio alla malvagità incontrata finora. Nato nel 1564, Borromeo proviene da una famiglia nobile molto agiata, ma che fin da piccolo ha badato solo agli insegnamenti religiosi. A 16 anni decide di farsi prete, suscitando disapprovazione nella famiglia, con il solo cugino Carlo Borromeo a fargli da guida nel collegio da lui fondato a Pavia. Nel 1595 papa Clemente VIII gli chiede di diventare arcivescovo, e lui accetta dopo alcuni rifiuti e titubanze.

Federigo viene descritto da Manzoni come l’ideale interprete del pensiero illuminista clericale: ha accettato la nomina ad arcivescovo di Milano solo per obbedienza a Clemente VIII, usa le proprie ricchezze e non quelle della Chiesa per mantenersi, preferendo donare tutto ai poveri, aiutandoli nei momenti di carestia come nel biennio 1628-29. In generale si mostra sempre umile e benevolo, lontano da ogni ambizione e dai giochi di potere. Molto colto, ha scritto più di 100 libri (che però non sono passati alla storia) e ha fondato la Biblioteca Ambrosiana.

Capitolo 22 Promessi Sposi: approfondimento

Una certa parte della critica si è scagliata contro quella che definisce l’agiografia del personaggio del cardinale Federigo Borromeo: è come se Manzoni volesse santificarlo e il capitolo pare in odore di propaganda cattolica. Tuttavia bisogna ricordare che, anche se lo scrittore forza un po’ gli eventi storici, è perché vuole creare l’ideale del suo uomo clericale che ha solo qualità positive (contro l’esempio di Don Abbondio o di Fra Cristoforo, che presenta molti lati positivi ma anche qualche difetto). Sarà infatti lui a sostituire Lucia nell’opera di conversione dell’Innominato.

Tuttavia lo stesso autore ammette che Federigo Borromeo non era perfetto – si pensa all’errata convinzione sulla peste e il suo coinvolgimento nel rogo delle presunte streghe – ma in questo capitolo e nel resto del romanzo la sua figura servirà per veicolare ideali più alti che non potrebbero competere ai personaggi finora incontrati.

Riassunto I Promessi Sposi capitolo per capitolo

Noi di ScuolaZoo stiamo scrivendo tutti i riassunti de I Promessi Sposi. Se vi interessa leggere il capitolo precedente e successivo al ventiduesimo, ecco i link da seguire:

Alessio Cappuccio
Cosa faccio nella vita? In pratica scrivo e ogni tanto faccio video e fotografie. Appassionatissimo di cinema, ritorno a scrivere di scuola e università dopo aver sperato di aver detto addio per sempre allo studio con la laurea. Nella vita, però, mai dire mai!
Leggi altri articoli in Suggerimenti Scuola Scuola