Condividi
Riassunto Capitolo 28 de I Promessi Sposi svolto
Condividi su

Riassunto Capitolo 28 de I Promessi Sposi svolto

Di Alessio Cappuccio
pubblicato il 01 dicembre

Cosa succede nel Ventottesimo Capitolo de I Promessi Sposi? Ecco il riassunto svolto, dettagliato, di tutto il capitolo 28 scritto da Alessandro Manzoni.

Riassunto Capitolo 28 de I Promessi Sposi svolto

Riassunto capitolo per capitolo de I Promessi Sposi: il capitolo 28

State seguendo con noi tutte le vicende di Renzo e Lucia per scoprire se alla fine de I Promessi Sposi i due protagonisti riusciranno a sposarsi? Purtroppo siamo arrivati ai capitoli più ostici di tutto il capolavoro manzoniano, dedicati non tanto alla narrazione delle (dis)avventure dei nostri personaggi, ma alla descrizione degli eventi storici che hanno caratterizzato il periodo storico nel quale Alessandro Manzoni ha ambientato il romanzo. In questo capitolo, per la prima volta, nessuno dei personaggi principali della narrazione appare, infatti, quale protagonista: in questo caso al centro della vicenda c’è la Storia, e l’autore fa un resoconto dettagliato di ciò che sta accadendo nel ducato di Milano, tra politica e vicende belliche.

Se volete saperne di più non perdete il riassunto del capitolo 28 de I promessi sposi.

Stavate cercando il riassunto del primo capitolo dei Promessi Sposi? Lo trovate qui:

Leggete anche:

riassunto-promessi-sposi-capitolo-28

Ventottesimo Capitolo de I Promessi Sposi: il riassunto

Manzoni ritorna a parlare del prezzo del pane che è stato abbassato dalle autorità di Milano dopo i tumulti scoppiati. I provvedimenti coinvolgono i fornai, imponendo loro di continuare la produzione, e i cittadini, che non possono comprare quantità oltre il fabbisogno. Per questo motivo in città accorre anche il popolo del contado circostante. Tuttavia lo scrittore ritiene che si tratti di misure emergenziali che per quanto ammansiscano i rivoltosi non avranno conseguenze positive sul lungo periodo.

Riassunto capitolo ventotto Promessi Sposi: la carestia di Milano

A Milano infatti riesplode la carestia con grande violenza, dato l’esaurimento delle scorte di grano. La città è paralizzata: chiudono botteghe e fabbriche, i mendicanti aumentano esponenzialmente, anche tra i servitori dei nobili, e non mancano donne, vecchi e bambini. A loro si aggiungono presto i poveri delle campagne, dopo essere stati depredati dalle soldatesche. In tantissimi muoiono per strada e lo squallore prevale.

L’unico che cerca di aiutare la popolazione è il cardinal Borromeo, che incarica i suoi uomini di assistere i bisognosi, distribuendo cibo e vestiti. Nella primavera del 1629 la situazione è al limite, e si pensa di riaprire il lazzaretto e portarvi tutti i mendicanti di Milano, anche con la forza. Il provvedimento però sortisce l’effetto opposto, dato che le cattive condizioni igieniche, le piogge frequenti, il caldo e la siccità porta a un’epidemia di malattie.

Per fortuna il raccolto dell’estate è abbondante, cosa che placa la carestia e si affievoliscono anche le malattie epidemiche. Tuttavia sul ducato di Milano si staglia l’ombra della guerra. Le truppe dell’imperatore Ferdinando II, dirette ad assediare Mantova (dopo l’interruzione dell’assedio da parte del governatore), dovranno attraversare il territorio di Milano.

Riassunto capitolo ventottesimo Promessi Sposi: l’arrivo dei Lanzichenecchi

I lanzichenecchi sono famigerati per le ruberie e i saccheggi che mettono in atto, ma anche per la peste che cova tra le loro fila. Nonostante il rischio sia noto don Gonzalo non fa nulla, ma si limita a lasciare Milano tra i fischi e le proteste della popolazione, essendo stato rimosso dall’incarico dal re di Spagna.

Nel frattempo i lanzichenecchi penetrano nel ducato di Milano all’inizio di settembre: si tratta di mercenari senza scrupoli e senza vincoli di fedeltà o di onore, sotto il comando del generale boemo Albrecht von Wallenstein, spinti al furto e al saccheggio anche a causa dei ritardi frequenti nei pagamenti.

Molti abitanti dei paesi del Milanese si rifugiano sui monti lasciando le case, mentre altri rimangono a difesa delle proprietà. Il risultato però è sempre lo stesso: paesi messi a soqquadro, roghi paurosi, saccheggi, omicidi e stupri. L’orda arriva fino al territorio di Lecco, dove vivono Agnese e Lucia.

Riassunto I Promessi Sposi capitolo per capitolo

Noi di ScuolaZoo stiamo scrivendo tutti i riassunti de I Promessi Sposi. Se vi interessa leggere il capitolo precedente e successivo al ventottesimo, ecco i link da seguire:

Alessio Cappuccio
Cosa faccio nella vita? In pratica scrivo e ogni tanto faccio video e fotografie. Appassionatissimo di cinema, ritorno a scrivere di scuola e università dopo aver sperato di aver detto addio per sempre allo studio con la laurea. Nella vita, però, mai dire mai!
Leggi altri articoli in Suggerimenti Scuola Scuola