Condividi
Tema sull’alternanza scuola lavoro svolto: riflessioni sui pro e contro
Condividi su

Tema sull’alternanza scuola lavoro svolto: riflessioni sui pro e contro

Di Selena
pubblicato il 04 maggio

Vi hanno assegnato un tema sull’alternanza scuola lavoro in cui raccontare la vostra esperienza? Niente panico, noi di ScuolaZoo abbiamo già una traccia svolta per voi da cui prendere spunto.

Tema sull’alternanza scuola lavoro svolto: riflessioni sui pro e contro

Tema sull’alternanza scuola lavoro

Scrivere un tema sull’alternanza scuola lavoro può sembrare facile perché significa mettere per iscritto la vostra personale esperienza in una azienda o un’impresa. Eppure, anche questo tema ha le sue difficoltà. Raccontare ciò che avete fatto durante l’alternanza scolastica può essere insidioso se non si rispettano determinate regole e non si affrontano tutti i vari punti classici di un tema che ritrovate nella scaletta. Per evitare problemi noi di ScuolaZoo abbiamo già preparato per voi un tema svolto sull’alternanza scuola lavoro: ovviamente è una traccia inventata su un’esperienza qualsiasi che non potrete copiare totalmente, ma da qui potrete trarre gli spunti giusti per scrivere il vostro tema sull’alternanza scuola lavoro.

Se vuoi scrivere un tema perfetto ma non vuoi copiare, allora affidati ai nostri consigli da seguire passo dopo passo e vedrai che schema e scaletta non avranno più segreti per te!

Per approfondire cos’è l’alternanza scuola lavoro, leggete:

tema-alternanza-scuola-lavoro-svolto (1)

Alternanza Scuola Lavoro: la scaletta del tema

La prima cosa da fare per un tema sull’alternanza scuola lavoro è quella di stilare la classica scaletta. Così facendo metterete nero su bianco i punti che andrete ad affrontare nel vostro elaborato e non correrete il rischio di dimenticarvi qualcosa.

  • Introduzione: nella parte iniziale del vostro tema sull’alternanza scuola lavoro potreste affrontare la domanda “Cos’è” spiegando di cosa si tratta e poi introducete la vostra esperienza dicendo che scuola frequentate e come avete scelto l’azienda dove andare a svolgere questa esperienza.
  • Svolgimento: il cuore del vostro tema sull’alternanza scuola lavoro è raccontare la propria esperienza come se fosse un relazione. Si parla dunque di ciò che siete stati chiamati a fare, cosa avete imparato e come sono stati i giorni immersi in un vero e proprio contesto lavorativo.
  • Conclusione: per chiudere al meglio il vostro tema sull’alternanza scuola lavoro è opportuno fare delle riflessioni sulla vostra esperienza, analizzando i pro e i contro.

Introduzione tema: cos’è l’alternanza scuola lavoro

L’alternanza scuola lavoro è un passaggio fondamentale nel percorso di studio di ogni ragazzo perché, se svolta nel modo corretto, permette a tutti di applicare in modo pratico e concreto le conoscenze acquisite sui libri. Fare questa esperienza è una sorta di prova tecnica, di tuffo nel mondo del lavoro, che fornisce le basi per capire se quel tipo di professione ci piace realmente, se dobbiamo approfondire determinate tematiche piuttosto che altre… Insomma, l’alternanza scuola lavoro ci permette di crescere. Così, nel mio caso, ho deciso di fare il mio periodo di alternanza scuola lavoro in un ristorante. Studiando all’istituto Alberghiero, ho da sempre il sogno di lavorare nel mondo della ristorazione e diventare magari uno chef. Grazie a questo periodo di prova, ho capito molte cose sia di me stessa, che del lavoro.

Svolgimento Tema Alternanza Scuola Lavoro: l’esperienza

La mia esperienza di alternanza scuola lavoro l’ho svolta in un ristorante sul mare della mia città, Genova. Durante questo periodo mi sono confrontata direttamente con il significato reale della parola chef, ma anche con tutto il mondo che circonda questa realtà della ristorazione. Camerieri, cuochi, direttori, sommelier, addetti alle pulizie…tutti lavorano in sinergia per dare al cliente un servizio ottimale e un’esperienza culinaria indimenticabile. Nei primi giorni all’interno del ristorante sono stata un po’ sulle mie: eseguivo i compiti che mi venivano assegnati dallo chef in cucina, come la preparazione della linea per il menù del mezzogiorno, oppure affiancavo i camerieri nell’allestimento della sala prima del servizio. È stato molto interessante perché ho visto tutto il “dietro le quinte” del lavoro in cucina e ho capito che la scelta delle materie prime e la lavorazione iniziale è fondamentale affinché il servizio in sala proceda senza intoppi. Nei giorni successivi il mio ruolo all’interno del ristorante si è un pochino evoluto e ho affiancato lo chef assistendolo nella preparazione dei piatti principali della carta. L’emozione di creare un piatto dall’inizio alla fine è stata incredibile e mi sono resa conto di come questa realtà sia ciò che voglio fare da grande. Giorno dopo giorno ho imparato, sempre più, cose nuove e mi sono resa conto anche delle lacune che avevo e che, purtroppo, i libri di scuola non sempre riescono a colmare. L’esperienza e la parte pratica in questo mestiere è fondamentale. L’ultimo giorno lo chef, sotto la sua supervisione, mi ha permesso di realizzare un piatto da sola che ho fatto assaggiare ai miei genitori venuti a pranzo al ristorante per l’occasione. È un ricordo che porterò con me per sempre.

Riflessioni sull’Alternanza Scuola Lavoro: pro e contro nella conclusione

Nel complesso questa mia esperienza di alternanza scuola lavoro al ristorante è stata positiva. Come in tutte le cose, però, vi sono dei pro e dei contro. La riflessione che posso fare, dopo aver portato a termine il periodo di lavoro al ristorante è che sono stata fortunata in quanto le persone che avevo accanto mi hanno permesso veramente di imparare e non si sono stupite dei miei errori dovuti all’inesperienza. Altri miei compagni di classe, purtroppo, non hanno avuto la stessa fortuna e al primo “inciampo” sono stati relegati a fare mansioni spesso inutili e non formative. Credo dunque che l’alternanza scuola lavoro sia molto importante, ma nel rispetto delle regole e della normativa della sicurezza sul lavoro, i ragazzi devono sempre essere messi nelle condizioni di provare e sbagliare. Solo così questa esperienza diventa veramente qualcosa di formativo e utile nella crescita personale di ognuno di noi.

Selena
Sono Selena, giornalista pubblicista appassionata di serie TV e di musica. Scrivo da quando ero bambina e, di nascosto, mi impossessavo della vecchia macchina da scrivere di mia mamma! Lavoro da 10 anni nel mondo del giornalismo e da qualche tempo conduco anche un programma radio.
Leggi altri articoli in Suggerimenti Scuola Scuola