Condividi
9 consigli per sopravvivere ai colloqui insegnanti-genitori
Condividi su

9 consigli per sopravvivere ai colloqui insegnanti-genitori

Di Enrico Galiano
pubblicato il 30 novembre

Ecco qui alcuni consigli per sopravvivere a questo rito, che per gli insegnanti a volte può rivelarsi foriero di ansie e reazioni psicosomatiche gravi

9 consigli per sopravvivere ai colloqui insegnanti-genitori

Eccoci, finalmente questo periodo tanto atteso e amato dell’anno è arrivato: iniziano i colloqui genitori!

(naturalmente dovete sostituire nella frase precedente i termini “finalmente” con “malauguratamente” e “amato” con “temuto”).

Per sopravvivere a questo rito, che per gli insegnanti a volte può rivelarsi foriero di ansie e reazioni psicosomatiche gravi, ecco qui alcuni consigli:

#1 Calma. Mantieni la calma.

#2 Parti sempre dalle cose positive.

Il genitore degli anni 2010 ha la tendenza a vivere molto male le eventuali critiche o addebiti possiate fare alla sua prole: che vengono molto spesso assorbite con un grande senso di colpa.

Praticamente è come fosse il genitore stesso a non aver studiato l’Impero Incas, o come fosse stato lui ad aver fatto lo sgambetto a Gigio.

Invece, se l’elenco inizia con tutto ciò che il figliuolo fa di buono in classe, si parte col piede giusto e poi ti verrà più facile sviscerare anche le cose che ancora non vanno bene. Se poi magari lì incontro lo stesso, come dire, qualche resistenza,

#3 Rileggi il punto #1

#4 Lasciali parlare

Spesso i genitori non sono lì solo per ascoltare quello che hai da dire, ma anche per sfogarsi, per avere un momento di confronto, per sputare rospi e per dire ai propri figli certe cose, come dire, per interposta persona. È normale, è giusto, è umano: essere genitori sa essere un mestiere molto duro e c’è bisogno anche di questo, quindi se succede, lasciali fare e non giudicarli né guardarli male

#5 Però occhio: tu non puoi fare lo stesso

Tu sei un professionista: tu non puoi “sfogarti”. Il lato emotivo va lasciato fuori, anche quando magari coltivi da mesi la rabbia e frustrazione di avere a che fare con uno studente (il figlio di chi hai di fronte) che durante le lezioni si appende al soffitto con delle liane e si esprime solo con toni di voce superiori ai decibel di un Boeing, quindi

#6 Di nuovo, vai al punto #1

#7 Fai domande

Il colloquio è sì un momento in cui informare il genitore, raccontargli quello che sai, ma è soprattutto un’occasione per fare domande, carpire dettagli, notizie, insomma dati e materiale che ti saranno utili per conoscere meglio il piccolo mascalzone che incontrerai poi in classe. Approfittane!

#8 Gioco di squadra

Abbiamo uno scopo comune, giusto? Il bene di ogni singolo ragazzo. Quindi bisogna lavorare insieme, in sqadra, sapendo che ogni squadra che funziona bene è composta da giocatori che rispettano il proprio ruolo: tu non dare consigli su come si educa un figlio e, se puoi, cerca di far capire che è controproducente per un genitore venire lì a insegnarti il tuo lavoro. E, se proprio proprio non ce la fai, di nuovo,

#9 Torna al punto #1

(Foto: Crazy, stupid Love – Courtesy of Warner Bros)

Enrico Galiano
Insegnante, scrittore, autore della webserie #CoseDaProf. "Se non ti diverti tu a insegnare quello che insegni, come puoi pretendere che lo facciano i tuoi studenti?"
Leggi altri articoli in Diario del Professore Diari