Esami integrativi: cosa succede se non si superano?
Condividi su

Esami integrativi: cosa succede se non si superano?

Di Chiara Greco
pubblicato il 09 agosto

Volete cambiare scuola superiore, ma non sapete cosa succede se non si superano gli esami Integrativi? Scoprite tutto sull’argomento!

Esami integrativi: cosa succede se non si superano?

Esami integrativi non superati: cosa succede?

Non superare gli esami integrativi a settembre è l’incubo di tutti gli studenti che desiderano cambiare scuola ma sono costretti a dover sostenere alcuni esami per integrare alcune materie specifiche dell’indirizzo di trasferimento. Lo scopo di questi esami è quello di mettere tutti gli studenti allo stesso livello ed evitare che un nuovo arrivato possa essere meno preparato dei suoi compagni. Cosa succede però se un esame integrativo non viene passato? Si ritorna alla vecchia scuola o si rimane senza una classe dove andare? Noi di ScuolaZoo vi aiuteremo a capire cosa succede quando un esame integrativo non viene superato!

Devi invece recuperare un debito scolastico? Ecco cosa sapere sull’esame di riparazione 2018:

Esami integrativi a settembre: cosa sono e perché si fanno

Gli esami integrativi si devono sostenere nel momento in cui uno studente vuole cambiare indirizzo di studio. Oltre alla richiesta di trasferimento, lo studente deve dimostrare di avere le competenze specifiche di quell’indirizzo che ha scelto in modo tale da non avere problemi o lacune durante l’anno scolastico. L’esame integrativo viene fatto solo quindi per quelle materie specifiche, quindi italiano e matematica sono escluse. Una volta superato l’esame integrativo, lo studente può perfezionare la sua richiesta di trasferimento e continuare i suoi studi nella nuova scuola.

Cosa succede se non si superano gli esami integrativi?

Gli esami integrativi di settembre sono una specie di test d’ingresso finalizzati a capire se uno studente che vuole trasferirsi in un indirizzo ha tutte le carte in regola e soprattutto le conoscenze di base delle materie più specifiche, questo significa che quest’estate dovrete studiare senza però preoccuparvi troppo: l’esame integrativo non è pensato per penalizzare ma per aiutare gli studenti che vogliono cambiare scuola. Non superare un esame integrativo non comporta di certo la non ammissione alla nuova scuola, ma obbliga lo studente a recuperare questo “debito” durante l’anno scolastico, partecipando a dei corsi di recupero. Quindi non preoccupatevi perché non rimarrete bloccati in nessun modo e non sarete nemmeno obbligati a ritornare nella vostra scuola d’origine.

Chiara Greco
Abitante del mondo in tutte le sue forme e i suoi colori. Sono una studentessa, si spera, alla fine del suo percorso universitario in mediazione linguistica e culturale. Il mio hobby principale è cercare di rendere i miei sogni una realtà concreta, per questo ho deciso di buttarmi in questa avventura come scrittrice (ancora alle prime armi e che ha ancora tanto da imparare). Il filo delle mie passioni traccia trame e disegni impensabili e senza confini: scrittura, lettura, cucina, cinema, musica, scienza, fisica, viaggi
Leggi altri articoli in News Scuola