Condividi
Pecore iscritte a scuola al posto degli studenti: i motivi della protesta
Condividi su

Pecore iscritte a scuola al posto degli studenti: i motivi della protesta

Di Selena
pubblicato il 10 maggio

Delle pecore al posto degli studenti di una scuola elementare in Francia per scongiurare le chiusura di alcune classi: ecco tutto quello che serve sapere sulla pazzesca protesta dei genitori!

Pecore iscritte a scuola al posto degli studenti: i motivi della protesta

Francia, 15 pecore per salvare le classi delle scuole elementari sono state iscritte al nuovo anno scolastico

Quella che stiamo per raccontarvi è una notizia che, a prima vista, potrebbe sembrare una meravigliosa gag creata ad hoc. Invece è tutto vero: in Francia ci sono pochi alunni e quindi i genitori dei piccoli studenti di una scuola elementare hanno deciso di iscrivere 15 pecore per fare numero ed evitare la riduzione delle classi dell’istituto. Giuriamo, non è uno scherzo: le pecore sono state portate in classe con tanto di via libera da parte del Sindaco, ma perché questa protesta? Cosa si nasconde dietro a questa ironica presa di posizione da parte dei cittadini, dei genitori e anche del Primo Cittadino? Scopriamolo insieme.

pecore-iscritte-scuola-francia-protesta (1)

Pecore al posto degli studenti: i motivi della protesta in Francia

Siamo a Crêts-en-Belledonne e i genitori dei piccoli alunni della scuola elementare Jules Ferry a Isère hanno deciso di protestare contro la chiusura di alcune classi dell’istituto per mancanza di iscritti in modo molto particolare: iscrivendo delle pecore. Ovviamente questa decisione così strana nasconde una protesta e una manifestazione molto precisa di intenti da parte dei genitori. Se, infatti, ciò che sembra unicamente contare per l’amministrazione sono i numeri, allora i ragazzi valgono quanto delle pecore e quindi tanto vale iscrivere alla scuola elementare proprio questi animali. Questo è il messaggio dei genitori che hanno sostituito così gli studenti mancanti con delle pecore. Una protesta particolare nata a marzo quando i cittadini hanno scoperto che, con l’inizio del nuovo anno scolastico, una classe sarebbe stata eliminata poiché vi era stato un calo di iscrizioni che, da 266 alunni, è scesa a 261. Gaëlle Laval, uno degli organizzatori della protesta, ha così ribadito ai media che invece di preoccuparsi della difficoltà dei bambini, l’istruzione nazionale guarda solo ai numeri. A supportare la manifestazione si è presentato anche il Sindaco Jean-Louis Maret che ha garantito per 15 pecore portando anche dei certificati di nascita e così gli animali sono stati iscritte ufficialmente a scuola. “Così facendo non rischiamo la chiusura” ha spiegato il Sindaco che ha anche dichiarato come, tramite l’ironia di questa protesta, spera di poter mobilitare quante più persone possibili e di portare questa manifestazione e questa problematica ad avere un eco internazionale. Cosa che, oggettivamente, sta riuscendo bene.

(Fonte Immagini Pixabay)

Selena
Sono Selena, giornalista pubblicista appassionata di serie TV e di musica. Scrivo da quando ero bambina e, di nascosto, mi impossessavo della vecchia macchina da scrivere di mia mamma! Lavoro da 10 anni nel mondo del giornalismo e da qualche tempo conduco anche un programma radio.
Leggi altri articoli in News Scuola