Condividi
Ragazzi italiani: 1 su 5 non sa l’italiano. I consigli dell’esperto
Condividi su

Ragazzi italiani: 1 su 5 non sa l’italiano. I consigli dell’esperto

Di Enrica Denasio
pubblicato il 10 aprile

Gli studenti italiani non sanno l’italiano: lo dimostra uno studio e lo storico della lingua Luca Serianni racconta come andrebbe migliorato!

Ragazzi italiani: 1 su 5 non sa l’italiano. I consigli dell’esperto

Vi sembra di sapere l’italiano? Secondo uno studio Pisa, 1 su 5 di voi mentirebbe rispondendo di sì. Luca Serianni , storico della lingua italiana e scrittore di saggi in materia di insegnamento, ha rilasciato un’intervista per il quotidiano Repubblica commentando il risultato shockante di questo test.

Il test Pisa, a cui sono stati sottoposti dei ragazzi di seconda superiore, presentava una tabella su dei dati relativi ad un vaccino seguiti da una breve descrizione. Insomma, nessuna frase complicata o parole particolarmente difficili da comprendere, eppure non tutti i ragazzi sono stati in grado di coglierne il significato. Anzi Serianni fa notare che ben il 44% degli studenti del Meridione non ha compreso a fondo la tabella: una percentuale che si è rivelata estremamente più bassa nelle regioni del Nord – Est d’Italia, ma ancora troppo abbondante per un testo che sicuramente è più facile da comprendere che un qualsiasi articolo di quotidiano .

Fai il test: Quanto conosci la lingua italiana?

3

La vignetta di FumEddy per ScuolaZoo. Seguitelo su FacebookTwitter e  Instagram

Serianni afferma che”probabilmente è stata colpa dello stress che solitamente i ragazzi accumulano in vista del test, tuttavia i ragazzi delle superiori davanti ad un articolo di giornale, che ormai dovrebbero essere in grado di comprendere totalmente, spesso incontrano parole che non conoscono già a partire dalle prime frasi.” Un fatto inquietante che fa notare la loro deficienza di linguaggio e che dimostra che la loro conoscenza in fatto di vocaboli italiani non si amplia molto da quando iniziano la prima elementare, quando conoscono a malapena 2000 parole.

Serianni passa quindi ai consigli. Cosa fare per far imparare l’italiano ai ragazzi quindi? A suo parere a scuola bisognerebbe insistere di meno sull’aspetto grammaticale della lingua (come sull’analisi logica) e bisognerebbe insistere di più su quello lessicale, i ragazzi inoltre dovrebbero fare più riassunti per sviluppare la capacità di cogliere il significato del testo e scrivere frasi di senso compiuto e inoltre, leggere, leggere e ancora leggere libri, riviste, quotidiani e magari, anche a scuola, sostituire ogni tanto i tomi di letteratura italiana con saggi di economica, storia della scienza o geoeconomia.  Un’ulteriore idea sarebbe quella di dare da studiare ai ragazzi una lista di vocaboli “da salvare” come si fa per le lingue straniere, suggerisce Serianni.

E anche se il web e i social network sembrano aver migliorato il livello dell’italiano di molti ragazzi, Serianni c’insegna a stare attenti anche qui perché quello utilizzato sul web “ è un italiano diverso da quello argomentativo. Sicuramente non fa danno e favorisce il gioco di parola, che è pur sempre un esercizio linguistico, ma nessuno parla e scrive sempre la stessa lingua“.

E voi pensate di conoscere bene l’italiano? Mettetevi alla prova col test Quanto conosci la lingua italiana?

Enrica Denasio
Studentessa di Farmacia dell'Università di Torino. Segno zodiacale: Bilancia. Passerei il tempo a viaggiare, leggere, scrivere, cucinare (e mangiare) dolci e cantare nel coro dei Fizzy Black di cui faccio parte! Fermamente convinta nel potere della parola, dell'istruzione e delle donne e nell'uguaglianza dei diritti. Il mio motto: "Memento mori", ricordati che un giorno morirai. Un po' lugubre, ma un'ottimo incoraggiamento a vivere la vita appieno!
Leggi altri articoli in News Scuola