Condividi
Coronavirus, voucher per PC e studenti: in arrivo novità dal Miur
Condividi su

Coronavirus, voucher per PC e studenti: in arrivo novità dal Miur

Di Chiara Greco
pubblicato il 11 maggio

#10domandeScuolaZoo: è passata una settimana e che cosa è cambiato? Facciamo il punto della situazione con le ultime news dal Miur sulla scuola, università e Maturità 2020!

Coronavirus, voucher per PC e studenti: in arrivo novità dal Miur

Scuola e Coronavirus: le ultime novità dal Miur e le domande a cui non abbiamo ancora una risposta

Lunedì scorso vi abbiamo presentato le #10domandeScuolaZoo, sulla Maturità, scuola e università, a cui il Miur non aveva dato alcuna risposta. A distanza di sette giorni siamo tornati a fare il punto della situazione: si è mosso qualcosa o è tutto rimasto fermo come prima? Abbiamo notizie buone e cattive: per alcune domande, come quella sulla connessione ad internet per tutti gli studenti, ci sono dell novità molto interessanti, su altre qualcosa si sta muovendo, mentre sul resto ancora tutto tace, purtroppo. In questo articolo vi parleremo delle ultime novità arrivate direttamente dai corridoi del Ministero, delle proposte per la riapertura delle scuole, tasse universitarie e affitti per i fuori sede e di tutto ciò che rimane ancora un grande punto di domanda.

https://www.instagram.com/p/CADFJtGoMlT/

 

#10domandeScuolaZoo: cosa è cambiato a distanza di una settimana

Sette giorni sembrano pochi ma, visto e considerato che la scuola sta per finire e le risposte sono ormai necessarie, ogni ora può essere preziosa. La scorsa settimana vi abbiamo parlato dei 10 punti sulla scuola e sull’università rimasti senza una risposta, nonostante le numerose domande da parte degli studenti, dei genitori e dei docenti. Che cosa è cambiato? Ve ne parliamo qui.

Scuola: quali sono le ultime novità dal Miur

Alcune delle nostre domande hanno trovato finalmente una risposta. Nel dettaglio parliamo di quelle relative alla connessione internet per tutti gli studenti, al perché la Maturità 2020 in Italia verrà fatta e in altri paesi no e se a settembre si terrà conto del numero dei contagi per regione per stabilire in che modo dovranno rientrare gli studenti a scuola.

#10domandeScuolaZoo: 1. In Italia la Maturità si farà, in altri Paesi no: con quali criteri è stata presa questa decisione?

La Azzolina ha più volte dichiarato di non voler abolire la Maturità 2020 per non vanificare gli sforzi fatti da docenti, alunni e genitori con la didattica a distanza. Non esiste un vero e proprio motivo o criterio di scelta per abolire o non abolire l’Esame di Stato. In questo caso, in Italia si è preferito dare un valore al lavoro svolto in questi mesi che, altrimenti, sarebbe del tutto inutile.

#10domandeScuolaZoo: 3. Gli studenti che non hanno in casa una connessione Internet, come faranno con la DAD?

La grande novità dell’ultima settimana riguarda un finanziamento del Miur per scuole e famiglie finalizzato ad implementare la didattica a distanza. Lucia Azzolina ha approvato il Piano Scuola. Si tratta di un finanziamento di oltre 400 milioni di euro per potenziare la connettività delle scuole portando negli istituti la banda ultralarga: l’obiettivo è garantire una connessione veloce in tutte le scuole. Alcuni di questi soldi sono destinati anche alle famiglie, sottoforma di voucher, per poter potenziare la connessione ad internet o acquistare dispositivi elettronici. Nello specifico sono previsti:

  • un contributo massimo da 200 euro per connessioni veloci
  • un contributo massimo da 500 euro (per Isee, Indicatori della situazione economica equivalente sotto i 20mila euro) per connessioni veloci e per l’acquisto di tablet e pc

#10domandeScuolaZoo: 10. A settembre il piano di riapertura delle scuole terrà conto dell’indice di contagio nelle regioni?

Conte è stato chiaro: »il rientro a scuola dev’essere gestito in modo unitario per tutto il territorio nazionale». Non si terrà conto, quindi, dell’indice di contagio nelle regioni, come molti avevano ipotizzato parlando della riapertura delle scuole a settembre. Sul tavolo di lavoro del Miur ci sono due ipotesi:

  • ritorno a turni alternati, con metà degli studenti in classe e metà a casa con la didattica a distanza
  • ritorno in classe con turni di lezioni alternate tra mattina e pomeriggio per evitare di avere troppi studenti in una classe

Coronavirus e scuola: i punti su cui si sta muovendo qualcosa ma è ancora troppo poco

Su altre questioni, invece, non ci sono delle risposte definitive ma qualcosa si sta muovendo. È un passo avanti ma è ancora troppo poco per dire di essere pienamenti soddisfatti della soluzione.

#10domandeScuolaZoo: 2. 1.6 milioni di studenti non hanno accesso alla DAD: c’è un piano di recupero per le lezioni perse?

Nella scorsa settimana il Miur ha comunicato di aver messo a punto tutte le ordinanze ma i testi integrali non sono stati pubblicati ancora. Riguardo il recupero delle lezioni, nel comunicato stampa si legge che «l’attività didattica del prossimo anno sarà progettata per recuperare i contenuti non svolti nel corso dell’ultimo anno scolastico con la DAD». Non è ancora chiaro in che modo verrà recuperata, se questa integrazione comporterà un alleggerimento del programma del prossimo anno e se gli alunni dovranno fare delle verifiche apposite per dimostrare di essere al passo con il programma. Ci aspettiamo che questi dubbi vengano risolti con l’uscita delle ordinanze.

#10domandeScuolaZoo: 4. Con i genitori a lavoro e la DAD a settembre, chi potrà seguire gli studenti più piccoli a casa?

I genitori sono stati fondamentali in questo periodo di grande difficoltà per la scuola ed è solo grazie a loro che quasi tutti gli studenti hanno potuto tenersi al passo con le lezioni online. Ma cosa succederà quando dovranno tornare a lavoro? Chi seguirà gli alunni se si dovesse proseguire con la didattica a distanza, anche se a turni? Il Miur non ha dato una risposta su questo punto ma qualcosa si sta muovendo. In tre comuni della provincia di Torino si darà il via ad un test per far rientrare gli studenti a scuola dalle 8 alle 18, mensa inclusa, secondo il modello di “assistenza ai minori”. In ogni sezione, massimo 5 alunni. Gli ambienti verranno sanificati ogni giorno e i pasti saranno serviti in monoporzioni sigillate. In bagno si andrà uno alla volta e l’uscita sarà scaglionata. È solo l’inizio: staremo a vedere come andrà.

#10domandeScuolaZoo: 5. Qual è il piano sulla DAD per gli alunni con disabilità motoria, sensoriale e cognitiva?

Nel comunicato stampa delle ordinanze ministeriali si fa riferimento ad alcuni piani pensati appositamente per studenti con DSA ma non c’è nulla nel dettaglio per riaperture a settembre. Nel decreto di aprile della scuola viene indicato che per gli studenti con DSA è previsto un piano personalizzato che prevede un’interazione docente-alunno-classe, feedback periodici e continuo contatto con la famiglia. Anche per quanto riguarda lo svolgimento della Maturità, la situazione cambierà da studente a studente, in base al piano personalizzato deciso dai docenti. Nel frattempo, alcune associazioni che si occupano della tutela di persone disabili, hanno aperto un dialogo con le istituzioni per trovare le modalità migliori di rientro a scuola.

#10domandeScuolaZoo: 6. Sono previste agevolazioni su tasse universitarie, borse di studio e affitti dei fuori sede?

In questo caso, la questione si articola su più punti:

  • affitti. È prevista la chiusura del contratto immediato per motivi gravi, tra cui ora rientra anche la pandemia (ai sensi dell’art. 3 DM 16/01/2017). Per ora ogni regione si è mossa in maniera autonoma e il Ministero sta valutando se trovare una linea d’azione unica.
  • tasse e aiuti economici. con decreto Cura Italia è prevista una proroga di pagamento dell’ultima rata universitaria. Il Ministro Manfredi ha annunciato di voler evitare la fuga di matricole: cercherà di ampliare la no-tax area come si è fatto anche nel 2008 per fronteggiare la crisi. Tra gli obiettivi del Miur c’è quello di abolire il digital divide con finanziamento di circa 25 milioni per dare sostegno agli studenti che non hanno accesso a internet, ma rimane da capire se verranno aiutati con un voucher o se verrà dato loro un contributo economico
  • borse di studio. È previsto un ampliamento all’accesso alle borse di studio nel decreto di maggio

#10domandeScuolaZoo: 8. Quali corsi di aggiornamento sono previsti per i prof su software e tecnologie legate alla DAD?

Per il momento i docenti possono seguire i corsi di formazione sulla didattica a distanza messi a disposizione dal Miur sul sito Indire. Per ora non si sa nulla di più e non abbiamo alcune notizie ufficiali dal Ministero per settembre.

Coronavirus: le domande sulla scuola a cui non abbiamo ancora risposta

A distanza di una settimana dall’uscita delle #10domandeScuolaZoo mancano ancora delle risposte su alcuni punti, ecco quali sono:

#10domandeScuolaZoo: 7. Le regioni possono lavorare a progetti sull’edilizia scolastica entro il 29/05: chi ha presentato qualcosa?

Il Miur ha messo a disposizione alcuni finanziamenti per l’edilizia scolastica e la sicurezza degli studenti all’interno degli edifici ma le regioni hanno tempo fino al 29 maggio 2020 per fare domanda. Ad oggi sappiamo solo che alcune regioni, come ad esempio la Puglia, hanno formalizzato la domanda per chiedere questi fondi, ma non è chiaro a quali progetti verranno destinati.

#10domandeScuolaZoo: 9. Sull’insegnamento online ci saranno delle linee guida uguali per tutti i prof?

Il Miur non ha pensato ancora a delle linee guida uniformi per la didattica a distanza. Rimane quindi che ogni professore può decidere di muoversi come meglio crede. Probabilmente questo punto non verrà approfondito dal Ministero, soprattutto se si deciderà di far tornare tutti gli studenti in classe a settembre.

Chiara Greco
Abitante del mondo in tutte le sue forme e i suoi colori. Sono una studentessa, si spera, alla fine del suo percorso universitario in mediazione linguistica e culturale. Il mio hobby principale è cercare di rendere i miei sogni una realtà concreta, per questo ho deciso di buttarmi in questa avventura come scrittrice (ancora alle prime armi e che ha ancora tanto da imparare). Il filo delle mie passioni traccia trame e disegni impensabili e senza confini: scrittura, lettura, cucina, cinema, musica, scienza, fisica, viaggi
Leggi altri articoli in News Scuola