Smartphone in classe, il sì del Miur: come e quando si può usare
Condividi su

Smartphone in classe, il sì del Miur: come e quando si può usare

Di Chiara Greco
pubblicato il 14 settembre

Finalmente arriva il sì dal Miur per l’uso degli smartphone in classe! Scoprite come e quando potete utilizzare i telefoni a scuola.

Smartphone in classe, il sì del Miur: come e quando si può usare

Sì agli smartphone in classe: cosa è successo e cosa sapere sulla novità del Miur

La questione degli smartphone in classe ha per lungo tempo diviso l’opinione pubblica, gli studenti e gli insegnanti. A chiudere questa discussione arriva il Miur che chiarisce e spiega una volta per tutte come va gestita la questione dei cellulari in classe. Il ministro Bussetti, che ultimamente sembrerebbe essere molto propenso a cambiare la scuola definendo regole ben precise per regolamentare varie questioni, si è espresso anche sugli smartphone, dichiarando che si possono usare in classe ma a delle condizioni. Vediamo insieme cosa è successo e in che modo si potranno usare gli smartphone in classe.

Non perdete le novità sul nuovo anno e il calendario scolastico 2018/2019:

Smartphone in classe: le parole di Bussetti

Il Ministro dell’Istruzione Bussetti ha espresso il suo parere in merito alla questione smartphone: ogni scuola deve adottare le regole che ritiene giuste ma l’importante è che se ne faccia un buon uso. Fino ad oggi, gli studenti pensavano di dover abbandonare il loro telefono per tutte le ore di lezione, ma adesso sembrerebbe aprirsi un varco di speranza. La storia non finisce qui, però, dato che il ministro Bussetti ha chiarito che tutte le app di messaggistica e le chat non vanno utilizzate nelle ore di lezione.

Uso dello smartphone in classe a quali condizioni?

Se da un lato abbiamo ormai sdoganato la questione dell’uso dei telefoni in classe, purtroppo dobbiamo tener conto di alcune condizioni per utilizzarli. Sicuramente prima di fare qualsiasi cosa, dovete accertarvi del regolamento sull’uso dello smartphone della vostra scuola, visto che il ministro è stato particolarmente preciso nel chiarire che ogni istituto può regolarsi come meglio ritiene. Poi, stando alle parole di Bussetti, vi sconsigliamo di utilizzare le chat durante le lezioni così da non cadere in discussioni con gli insegnanti che, si sa, hanno sempre il coltello dalla parte del manico.

Un liceo di Piacenza ha vietato l’uso degli smartphones in classe con una tecnologia super innovativa. Ecco cosa sapere:

Chiara Greco
Abitante del mondo in tutte le sue forme e i suoi colori. Sono una studentessa, si spera, alla fine del suo percorso universitario in mediazione linguistica e culturale. Il mio hobby principale è cercare di rendere i miei sogni una realtà concreta, per questo ho deciso di buttarmi in questa avventura come scrittrice (ancora alle prime armi e che ha ancora tanto da imparare). Il filo delle mie passioni traccia trame e disegni impensabili e senza confini: scrittura, lettura, cucina, cinema, musica, scienza, fisica, viaggi
Leggi altri articoli in News Scuola