Condividi
Gioele Pollino, responsabile progetto
Condividi su

Gioele Pollino, responsabile progetto

Di Christian Della Torre
pubblicato il 19 ottobre

Una piramide non può essere completa senza la sua punta; oggi conosciamo Gioele, direttore degli Inviati nelle Scuole nonché direttore dei Rappresentanti d’Istituto ScuolaZoo.

Gioele Pollino, responsabile progetto

Chi è il direttore degli Inviati nelle Scuole ?

Come in ogni redazione che si rispetti, anche la nostra ha un Responsabile di Progetto che mette il cuore in quello che fa; oggi, finalmente, lo conosciamo, lui è il nostro Gioele Pollino.
È un ragazzo determinato, difficilmente accetta un no come risposta e, pur di raggiungere i suoi obbiettivi, non si fermerebbe davanti a niente (un po’ come uno studente che cerca di raggiungere il bar al suono dell’intervallo). Conosciamolo insieme!

Nome: Gioele

Cognome: Pollino

Data di nascita: 18/09/97

Città: Fagnano Olona

Scuola frequentata: IIS L. Geymonat

Indirizzo di studi: Liceo Scientifico opz. Scienze applicate

Quale è la tua citazione preferita e cosa significa per te?

“Tutti i passi che ho fatto nella mia vita mi hanno portato qui ora”

Perché ti piace scrivere?

La verità è che non so perché mi piace scrivere, perché mi piace raccontarmi, perché mi piace condividere. So solo che mi fa star bene, ed è questo ciò che conta.

Se potessi intervistare una qualsiasi persona, viva o morta, chi intervisteresti?

Bill Gates.

Stai leggendo un libro, sei quasi arrivato al finale, ti mancano poche pagine, quando ad un certo punto scopri che le ultime pagine del libro che hai comprato sono bianche. Non puoi sapere come finisce la storia, cosa fai?

Invento un finale in linea con la storia del libro, seguendo le sensazioni che provo in quel determinato momento.

Hai 3 aggettivi per descriverti, quali useresti?

Testardo, determinato, esigente.

Se potessi scegliere un super potere, quale sceglieresti?

Il poter controllare la corrente elettrica.

Come ti vedi tra 10 anni:

Non mi vedo, o meglio, non voglio vedermi; 10 anni è un periodo troppo breve, troppo transitorio. L’unica cosa che posso dire, è che mi piace immaginarmi impegnato nel raggiungimento dei miei obiettivi, dei miei sogni, superando qualsiasi ostacolo la vita mi ponga davanti.

(Fonte foto: pagina Facebook ufficiale del Tomorrowland)

 

Christian Della Torre