Una donazione dai banchi: donare il sangue per salvare il prossimo
Condividi su

Una donazione dai banchi: donare il sangue per salvare il prossimo

Di Christian Della Torre
pubblicato il 23 marzo

Sei uno studente e vuoi donare il sangue? Perché non coinvolgere la tua scuola in questa iniziativa? L’I.S.I.S.S. “E.Fermi-M.Polo-Montale” in Liguria ci è riuscito.

Una donazione dai banchi: donare il sangue per salvare il prossimo

Donare il sangue: ecco cos’ha fatto l’ I.S.I.S.S. “E. Fermi-M. Polo- E. Montale”

Donare il sangue è donare la vita, un grande gesto, che non è da tutti. Molto spesso gli adolescenti vengono giudicati immaturi e superficiali, troppo concentrati su se stessi e incapaci di guardare al di fuori del loro mondo. I ragazzi dell’I.S.I.S.S. “E. Fermi-M. Polo- E. Montale” in Liguria hanno dimostrato che invece non è così: tutti gli studenti maggiorenni dell’istituto hanno organizzato una donazione di sangue collettiva.
Non si è mai troppo piccoli per fare la differenza!
Il nostro R.I.S. Alessandro ha voluto raccontarci questa storia: un vero gesto di lealtà che lui e i suoi compagni hanno compiuto.

Un progetto per la vita

Tutto nasce dall’idea di una professoressa di organizzare un incontro con la Fidas, La Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue, dove gli studenti sono venuti a conoscenza dell’alta richiesta di sangue sul territorio e hanno capito l’importanza delle donazioni.
I ragazzi, da subito entusiasti dell’idea, hanno deciso di coinvolgere l’intero Istituto per una donazione di massa.
Dopo aver parlato diverse volte con la Dirigenza, Alessandro e alcuni professori sono riusciti ad ottenere il permesso di donare il sangue come istituto.

Per motivi legali solo i maggiorenni hanno potuto partecipare al progetto. I volontari sono venuti a prendere i ragazzi a scuola, che una volta in ospedale hanno donato ben 34 sacche di sangue.
Tutti coloro che sono stati coinvolti in questa iniziativa saranno premiati con un credito formativo, anche se il nostro R.I.S. ha voluto sottolineare come “Tutti i ragazzi hanno donato solamente grazie al loro senso civico, dal momento che siamo venuti a conoscenza del credito formativo solo dopo la donazione”

Vuoi sapere quali sono state le emozioni dei ragazzi? Leggi qui sotto

Abbiamo raccolto alcune interviste all’interno della scuola per capire quali sono state le emozioni che gli adolescenti hanno provato. Alessandra racconta: “Inizialmente ho provato un po’ di paura, perché odio gli aghi ma allo stesso tempo gioia, pensando al fatto che il mio sangue avrebbe potuto aiutare qualcuno. Dopo la donazione ero un po’ agitata, ma poi ho capito di aver fatto la cosa giusta”.

Monica ci spiega: “Appena saputo di questa proposta mi è sembrata molto utile perché mi sono messa nei panni degli altri e come oggi serve a qualcun altro, un altro giorno potrebbe servire a me. Alla fine della giornata mi sono sentita davvero  bene perché sapevo di aver aiutato qualcuno”.  Infine Alessandro dice: “Ripensando a ciò che avevo fatto mi sono sentito felice, è stato bello poter dare una mano a chi ne ha bisogno“.

Diventare donatore: quali sono i benefici

Donare il sangue fa bene anche al donatore. Scegliere di diventarlo, infatti, comporta una presa di coscienza nell’individuo, che è stimolato a mantenere uno stile di vita sano. Chi decide di esserlo non può fare o aver fatto uso di droghe o abuso di alcool. Una serie di prove cliniche dimostrano l’effettiva riduzione del rischio a contrarre una malattia cardiovascolare in soggetti che eseguono almeno una donazione di sangue l’anno, inoltre si ha l’opportunità di fare le analisi gratis, e si è sottoposti a controlli periodici.

Non è assolutamente vero che privarsi del nostro sangue fa male all’organismo, al contrario aiuta a rigenerarlo e ne favorisce il ricambio. Non dimentichiamo però che oltre a produrre benefici sul nostro corpo, ne produce altrettanti sul nostro lato umano. Questa è una delle più grandi manifestazioni di solidarietà e generosità che ognuno di noi possa fare.

Forse non lo sapete, una sola donazione di sangue può aiutare fino a 3 persone! Incredibile ma è vero. Attraverso un’unica sacca possiamo salvare qualcuno, un atto semplice che può regalare un futuro.

Vuoi fare anche tu una donazione scolastica? Scopri come fare

Vuoi far partecipare la tua scuola a questo meraviglioso progetto? Non preoccuparti, basta organizzarsi e volerlo veramente! Per fare una donazione collettiva, non ti resta che proporre l’idea alla Dirigenza e ai professori; successivamente potrai contattare l’ambulatorio più vicino per organizzare il tutto. Alessandro consiglia vivamente di dare vita a queste iniziative nelle varie scuole perché come dice lui “Donare è una grande manifestazione di altruismo e fa molto bene al corpo e all’anima!”.

Scritto da Nadia Pieri

Christian Della Torre
Leggi altri articoli in Ultime dalle Scuole Inviati nelle Scuole