10 esperienze che prova solo chi fa l’anno all’estero
Condividi su

10 esperienze che prova solo chi fa l’anno all’estero

Di Massimiliano Andreetta
pubblicato il 14 settembre

E voi, conoscete qualcuno che ha trascorso un anno in una scuola superiore straniera? Cosa vi ha raccontato di bello?

10 esperienze che prova solo chi fa l’anno all’estero

È arrivato il terzo anno, e nella testa vi balena l’idea di passare l’anno successivo a studiare fuori casa. Un intero anno all’estero, da soli. Quante cose nuove potreste scoprire? Quali emozioni provereste, oltre ad un po’ di nostalgia nel salutare casa? Ma soprattutto: quali sono le cose più particolari che potreste conoscere vivendo un anno fuori dall’Italia?

Abbiamo preparato per voi una lista delle cose più interessanti che potreste vedere nella Carson Graham Secondary High School di Vancouver, una delle più rinomate del Canada. Vediamo insieme quali sono!

1. Havaianas Style 

Che ne dite di andare a scuola in infradito o – se proprio siete spavaldi e contro la moda –  in sandali e calzini? Oppure, vi piacerebbe passare gli intervalli girovagando a piedi nudi per la scuola? Be’, se la risposta è affermativa, sappiate che lì vi trovereste a vostro agio: prof ed alunni preferiscono vestirsi in stile Hawaiano che presentarsi “armati” di scarpe o stivali…

2. Armadietti rompicapo

Rari in Italia mentre all’estero molto presenti, gli armadietti sono da sempre un punto di riferimento per gli alunni: al loro interno i ragazzi non conservano solo libri e quaderni, perché diventano una specie di “cameretta personale” dove attaccare foto o frasi amorevoli. Peccato che per aprirli serva una laurea in ingegneria!

3. Go-Kart Class

Ebbene sì. Se come me avete una passione particolare per i motori e nello specifico per i go-kart, allora non potreste perdervi l’ora di ingegneria (engineering class), nella quale invece che stare tutto il tempo solo a studiare noiosissime lezioni di dinamica e cinematica, avreste anche il compito di costruire un go-kart! Pare, però, che sia vietato guidarlo nei corridoi, mentre verrebbe utilizzato nella gara della scuola di fine anno. Ad ogni modo, che figata!

4. Materie a scelta

Linguistico, Scientifico, Classico. DimenticateveliFinalmente avreste voi la possibilità di scegliere quali e quante materie studiare. In più, se per qualche motivo aveste qualche problema in una materia o cambiaste qualche interesse, potreste tranquillamente chiedere il cambio immediato del corso. Tra le attività pomeridiane, la scelta è tra: cucina, musica, conditioning (una vera e propria lezione di ginnastica nella palestra del liceo), fotografia, pittura, “sezionamento rane” 

5. Bonjoul Plof!

Nonostante (forse) saprete che il Canada si trovi in America del Nord, ci trovereste una grande maggioranza di professori di materie scientifiche provenienti dall’oriente, che poi vi verrebbe più facile chiamare occidente da lì. È buffo pensare che, essendo il francese la lingua ufficiale, direste addio a quella particolare “R” pronunciata dai transalpini, mentre sarebbe più facile sentire un bel “Bonjoul Galçon!” all’entrata del professore nell’aula!

Continua a leggere

Massimiliano Andreetta
Leggi altri articoli in Curiosità Vita Scolastica