Condividi
Vi raccontiamo cosa è successo (e succederà) a Fortnite Battle Royale
Condividi su

Vi raccontiamo cosa è successo (e succederà) a Fortnite Battle Royale

Di Chiara Greco
pubblicato il 14 ottobre

La mappa del videogioco è sparita per dare spazio ad un buco nero roteante e ora i giocatori sono in attesa di scoprire cosa li attende.

Vi raccontiamo cosa è successo (e succederà) a Fortnite Battle Royale

Di cosa parliamo:

  • Fortnite è un videogioco nato nel 2017, molto amato dai ragazzi, in cui l’obiettivo è la sopravvivenza. Il videogame ha due modalità: Salva il mondo – ambientato in un mondo post-apocalittico – e Battle Royal, ambientato su un’isola in cui si combatte per la sopravvivenza.
  • Ieri sera, si è tenuto l’evento di chiusura della stagione 10, chiamato The End, che si è rivelato essere qualcosa di sbalorditivo e unico rispetto a quello a cui i giocatori erano abituati: uno spettacolo eccezionale e un’attesa da cui non sappiamo cosa aspettarci.
  • Ben 6 milioni di persone hanno seguito il live domenica 13 ottobre e oltre 22mila persone sono ancora in diretta.

Fortnite collassa in un buco nero

Era da tempo che quel missile ci ricordava che il 13 ottobre 2019 alle 20 sarebbe successo qualcosa, ma nessuno si aspettava quello che poi abbiamo visto nelle ore successive: il collasso della mappa di Fortnite e il buco nero. Noi di ScuolaZoo abbiamo partecipato al live di ieri come tantissimi altri giocatori in tutto il mondo e qui trovate il nostro racconto su cosa è successo e sulle aspettative che abbiamo per i prossimi giorni.

L’ora prima della fine

Da qualche giorno, sopra il Magazzino Muffito situato nella mappa di Fortnite Battle Royale, c’era un sospettoso missile con un conto alla rovescia attivo. Entrando nella mappa non si poteva che notare questo gigantesco razzo pronto a scattare. Nell’ora precedente alla fine del countdown tutti sono entrati nel gioco come sempre, in attesa di assistere a questo evento straordinario e, soprattutto, per capire cosa ci sarebbe stato dopo la partenza del razzo. In effetti, nell’ultima ora di ieri la mappa di Fortnite era davvero affollata: paracaduti, elicotteri, sirene d’allarme. La fine era veramente vicina ma si continuava a combattere e costruire come sempre.

L’apocalisse di Fortnite Battle Royale

Alle otto in punto, la battaglia finisce, tutti devono riporre le armi. Chi clicca sulla modalità The End presente sul menu principale può prendere parte all’evento. Ormai mancano pochi minuti dal lancio del missile e si cerca di raggiungere il posto migliore per osservarlo. Esploderà o ci trasporterà in un altro mondo? Sono tante le domande che affollano la mente di ogni giocatore. All’improvviso si accende un fascio di luce, il colore del cielo diventa più scuro e gli allarmi si fanno più assordanti: tutti gli occhi sono puntati sul missile. Scatta l’ora X e il razzo, fino ad ora ricoperto dalle costruzioni in legno, parte verso il cielo e sparisce. Si aprono diversi rift da cui iniziano a cadere dei razzi che schizzano in tutte le direzioni: l’apocalisse ha inizio? Entrano ed escono dalle diverse crepe nel cielo finché non rientrano tutti nello stesso rift.

L’arrivo del meteorite e la formazione del buco nero

È finita qui o ci hanno preparato al peggio? Poi un bagliore di luce: tutti i missili prima riassorbiti dal rift ora puntano sulla meteora che prende potere ed entra in un altro rift. Dal cielo si riapre una crepa, esce un missile che punta con un laser il globo centrale dell’isola situato nella zona di Sponde del Saccheggio. Da qui tutti i giocatori iniziano a fluttuare nel cielo: il meteorite ricompare dall’alto e cade sull’isola di Fortnite, entrando nella bolla con la sfera. Ogni giocatore che si allontana sempre di più verso lo spazio non può che osservare l’isola farsi sempre più piccola finché una forza non spinge tutto al centro dell’isola, verso il globo, che assorbe tutto come se fosse un mostro affamato. Nel giro di qualche secondo arriva il buio e il buco nero.

La fine di Fortnite Battle Royale

Dopo la formazione del buco nero molti hanno tentato di accedere alla piattaforma ma si sono trovati davanti al logo principale di Fortnite senza poter fare nulla. Chi ha cliccato sul pulsante exit non è riuscito più a rientare, chi invece non l’ha fatto si è trovato davanti ad un buco nero roteante. Dopo un’ora dalla formazione del buco nero è comparso un orologio su cui sono comparse quattro cifre che, secondo alcuni gamer, si rifanno a delle coordinate geografiche di un’isola realmente esistente. Si formerà un nuovo mondo ispirato a questo luogo reale presente sulla Terra? Quanto dovremo aspettare? Nessuno lo sa.

Un’escalation da entusiasmo, a panico fino a noia

A 12 ore dall’inizio dell’evento, siamo ancora qui scombussolati da quanto accaduto. Ieri sera, l’hype per la fine di Fortnite era al massimo: io e i miei amici eravamo prontissimi a vedere cosa avrebbero combinato con il missile e il suo lancio. Se l’idea di distruggere la mappa ci ha fatto saltare sulla sedie, contenti di assistere a questo momento epico e unico nella storia dei videogiochi, siamo rimasti un po’ interdetti da quello che è successo dopo, ossia… niente. Dopo il “Big Beng” ci aspettavamo lo spettacolo del nuovo capitolo di Fortnite (per citare Jovanotti) per iniziare subito a giocare e invece ci troviamo ancora qui a osservare un buco nero. Pian piano, l’entusiasmo iniziale ha iniziato a scemare e in molti hanno iniziato ad abbandonare la piattaforma. Rimango impietrito così anche io davanti allo schermo ma, a un certo punto, ho spento, deluso. Quanto ancora dovremmo aspettare per giocare nuovamente? O questa è davvero la fine, del gioco, per sempre? No. No. Questa non è un’eventualità da prendere in considerazione… vero? (Intanto, ho riacceso la diretta che tengo aperta mentre cerco di studiare… voglio esserci quando accadrà qualcosa).

Ecco anche qualche reazione presa da Twitter:

Cosa succederà dopo il buco nero?

Il buco nero è ancora lì, calmo e irremovibile. Sicuramente questo evento è stato uno dei più grandi e maestosi che abbiamo visto fin ora e questo lascia pensare che l’attesa sarà ancora lunga. Se tutto va come ci si aspetta, dopo il buco nero o direttamente dal buco nero, dovrebbe prendere vita la nuova mappa del gioco di Fortnite. Tra le novità ci potrebbero essere nuove zone, nuove skin, armi e potenziamenti. Si vocifera che si potrebbe aggiungere la possibilità di nuotare o di usare delle barche per raggiungere delle isole aggiuntive alla mappa principale. Staremo a vedere. Per ora i creatori di Fortnite ci tengono sulle spine e il buco nero continua a ruotare indisturbato.

Leggi anche:

(Credits copertina: @fortnitegame Twitter)

Chiara Greco
Abitante del mondo in tutte le sue forme e i suoi colori. Sono una studentessa, si spera, alla fine del suo percorso universitario in mediazione linguistica e culturale. Il mio hobby principale è cercare di rendere i miei sogni una realtà concreta, per questo ho deciso di buttarmi in questa avventura come scrittrice (ancora alle prime armi e che ha ancora tanto da imparare). Il filo delle mie passioni traccia trame e disegni impensabili e senza confini: scrittura, lettura, cucina, cinema, musica, scienza, fisica, viaggi
Leggi altri articoli in Curiosità Vita Scolastica