Condividi
Lui 96 anni, lei 92 anni: anche sul letto d’ospedale rifiutano d’essere separati
Condividi su

Lui 96 anni, lei 92 anni: anche sul letto d’ospedale rifiutano d’essere separati

Di Simone Ipprio
pubblicato il 05 maggio
Lui 96 anni, lei 92 anni: anche sul letto d’ospedale rifiutano d’essere separati

Una storia senza fine quella di Tom e Arnisteen. Stiamo parlando di due coniugi ultra novantenni, 96 lui e 92 lei, che in 68 anni di fedele matrimonio non si sono mai separati un solo giorno. Ad onor del vero in una occasione la coppia si è divisa: quando Tom è stato inviato in missione, come soldato scelto, in Corea. Stiamo, però, parlando di diversi anni fa. Una volta tornato dal fronte, Tom e Arnisteen non si sono mai più separati. Fino ad oggi, quando entrambi sono stati ricoverati al Piedmont Fayette Hospital. Prima lui e dopo qualche giorno lei. Problema. I due sono stati ospitati in camere diverse. Un affronto alla loro storia d’amore o una carineria mancata nei confronti dei due coniugi? Niente di tutto questo. L’ospedale ha semplicemente seguito le disposizioni della legge federale che vuole, in Georgia, l’assoluto divieto di riunire due pazienti in una camera privata.

 

Chiudendo più di un occhio, lo staff ospedaliero si è reso disponibile a raccogliere la richiesta dei due: hanno spostato Tom nella stessa camera della sua amata la quale versa in condizioni di salute precarie. Una volta riabbracciata la compagna, Tom si è lasciato andare ad un pianto di commozione: “Non posso stare lontano da lei,  è la donna più bella del mondo”. La felicità si è spinta anche esternamente, tra gli amici della longeva coppia, così come riporta un’amica di famiglia: “Come amici personali della famiglia Clarks, sono stato contenta di vedere che Tom è stato in grado di visitare con la moglie, l’amore della sua vita. Ogni volta che ho parlato con Tom era così preoccupato per Ernie e sconvolto dal fatto che non potesse stare con lei per sostenerla e incoraggiarla a guarire. Sono davvero una coppia che ispira tutti coloro che li conoscono. Grazie Piedmont Fayette per renderli felici.”

Leggi altri articoli in Curiosità Vita Scolastica