Condividi
Sanremo Giovani 2018: Einar è il vincitore della prima serata di gara
Condividi su

Sanremo Giovani 2018: Einar è il vincitore della prima serata di gara

Di Selena
pubblicato il 21 dicembre

Chi è Einar il vincitore della prima serata di Sanremo Giovani 2018, il testo della sua canzone Centomila Volte e cosa sapere sulla sua partecipazione a Sanremo 2019.

Sanremo Giovani 2018: Einar è il vincitore della prima serata di gara

Sanremo Giovani 2018 Vincitore: Einar vince e accede a Sanremo 2019

Sono 24 i concorrenti di Sanremo Giovani e questa sera, giovedì 20 novembre 2018 abbiamo visto i primi 11 concorrenti in gara. La battaglia è stata durissima, ma alla fine a trionfare è stato Einar. Il suo brano Centomila Volte è piaciuto molto sia al pubblico a casa, che alle due giurie. A sceglierlo ed incoronarlo come vincitore, infatti è stato il televoto, la Commissione Tecnica e la Giuria Televisiva. Ora Einar ha conquistato il suo lasciapassare per Sanremo 2019. Potrà infatti salire sul palco del Teatro Ariston insieme agli altri 22 Big scelti da Claudio Baglioni, ma lo sentiremo esibirsi non con Centomila Volte, ma con una canzone diversa.

Scoprite le anticipazioni della seconda serata di Sanremo Giovani 2018:

Chi è Einar il vincitore di Sanremo Giovani 2018

Einar si è esibito questa sera sul palco del Teatro del Casinò nella prima serata di Sanremo Giovani 2018 insieme agli altri 10 concorrenti di Sanremo Giovani. In palio un solo posto perSanremo 2019 e il giovane cantante uscito da Amici di Maria De Filippi è riuscito a vincere con il brano Centomila Volte. Noi di ScuolaZoo lo abbiamo intervistato e ci ha raccontato un po’ della sua canzone, di come è nata, di come si sente in vista della gara e, ovviamente di come andava a scuola. Trovate tutto qui:

Testo Centomila Volte, la canzone vincitrice di Einar nella prima serata di Sanremo Giovani 2018

Giuro non mi sentirai
sarò lontano dal tuo mondo
come un satellite dimenticato nello spazio
ti guarderò come si guardano le stelle a San Lorenzo
ma Dio quant’era bello
quando cadevi sul mio letto
pensarti in quei secondi che passavano in silenzio
quanto ti ho amata lo so potevo dirtelo
me lo ripeto spesso.

Centomila volte ti ho rivista in un replay
in un film che dentro gli occhi mi ricorda un po’ di noi
ma l’amore che mi hai dato
per cercare di salvarmi
dopo i titoli di coda
quando era troppo tardi.

E non si riesce mai a difendersi dal tempo
come le foglie cadono e si perdono nel vento
siamo ricordi che si cercano in eterno
e Dio quant’era bello
trovarsi nello stesso letto
c’è ancora il tuo profumo nel mio appartamento
quanto ti ho amata lo so volevo dirtelo
me lo ripeto ancora adesso.

Centomila volte ti ho rivista in un replay
in un film che dentro gli occhi mi ricorda un po’ di noi
ma l’amore che mi hai dato
per cercare di salvarmi
dopo i titoli di coda
quando era troppo tardi.

Centomila volte ho ceduto alle paure
all’eterna dipendenza di legarmi a un altro cuore
tornerei tra le tue braccia
anche solo per un giorno
Ti direi quanto mi manca
aspettare il tuo ritorno.

Aspettare il tuo ritorno.

Centomila volte ho ceduto alle paure
all’eterna dipendenza di legarmi a un altro cuore
tornerei tra le tue braccia
anche solo per un giorno
Ti direi quanto mi manca
aspettare il tuo ritorno.

Centomila volte ti ho rivista in un replay

Selena
Sono Selena, giornalista pubblicista appassionata di serie TV e di musica. Scrivo da quando ero bambina e, di nascosto, mi impossessavo della vecchia macchina da scrivere di mia mamma! Lavoro da 10 anni nel mondo del giornalismo e da qualche tempo conduco anche un programma radio.
Leggi altri articoli in Musica Vita Scolastica