Condividi
La Zero a Sanremo Giovani 2019: dal grande schermo al palco dell’Ariston con Nina è brava
Condividi su

La Zero a Sanremo Giovani 2019: dal grande schermo al palco dell’Ariston con Nina è brava

Di Matteo Fennec
pubblicato il 18 dicembre

Scopri il testo e il significato di Nina è brava, il brano di La Zero presentato al Sanremo Giovani 2019, più alcune curiosità sulla cantante campana che già vanta un forte bagaglio artistico!

La Zero a Sanremo Giovani 2019: dal grande schermo al palco dell’Ariston con Nina è brava

Sanremo Giovani 2019, La Zero con Nina è brava: il testo e il significato del brano in gara

Il count down per il Sanremo Giovani 2019 sta per terminare. Tutti i riflettori sono puntati sui 24 finalisti in gara che si contenderanno un posto fra i Big a febbraio. Tra loro c’è anche Manuela Zero, in arte La Zero. L’artista campana è stata selezionata su oltre 1500 giovani e ha superato la fase delle audizioni live, a cui hanno partecipato 69 artisti provenienti da tutta Italia e selezionati dalla commissione della rassegna e da Area Sanremo. La Zero è un’artista poliedrica e a tutto tondo e già vanta un forte bagaglio di esperienze artistiche. L’abbiamo vista sul grande schermo in Loro 1 e Loro 2 diretta dal premio Oscar Paolo Sorrentino. A teatro invece ha avuto modo di calcare la scena con Massimo Ranieri e Gigi Proietti. Sin da piccola è riuscita a coniugare la passione per la danza e per la musica. Attualmente, oltre ad essere tra i finalisti di Sanremo Giovani 2018, sta lavorando in studio ai brani del suo primo progetto discografico, di cui ne è autrice e interprete. Riuscirà ad uscirne vincitrice? Nel frattempo leggiamo il testo e vediamo il significato di Nina è brava, il suo brano in gara!

Testo di Nina è brava di La Zero: il brano in gara a Sanremo Giovani

“Nina è brava” prodotto dall’Etichetta Clodio Music, racchiude in sé il delicato e poco conosciuto tema della condizione minorile in carcere, di quei bambini che, per una malasorte, sono costretti a vivere nei penitenziari con le loro madri, donne spesso in preda a situazioni familiari critiche e di povertà. Ecco il testo:

Mi chiamo Nina e gioco in tribunale
con quello che passa il circondariale
la mamma si veste ogni giorno uguale
e piange se chiedo com’è fatto il mare

Lui è Pasquale ci piace osservare
il mondo là fuori tra le righe in verticale
gli odori i colori i sapori il tempo
qui passa più lento è normale

E qui tutto è spento c’è freddo qua dentro
la gente è affannata mia madre è arrabbiata
e allora io provo a capire perché
se mamma è malata mio padre dov’è
ed io non capisco perché fa così
ci lascia da sole abbracciate accussì
in mieso a sta’ gente c’parla ‘e murì
ca nun vero niente ca nun è cuntenta

Nina spaccia figurine e da qui non vuole uscire
fa la brava e esce solo se mamma può venire
Nina vuole andare al mare e tenere l’aquilone
zucchero filato un cavallo alato bolle di sapone

Io e Pasquale adesso siamo al mare
le nostre mamme ci insegnano a nuotare
castelli di sabbia buche da scavare
pasqua’ spegni la luce voglio ancora un po’ sognare

E il mare era bello, era troppo perfetto
la luce era forte, non come qui dentro
che quando io chiedo di aprire la porta
mi dicono no rivattene a letto
e io non capisco perché siamo qui
io con la mia mamma rinchiuse così
in mieso a sta’ gente ca’ parla e nun sente
ca’ guarda e nun sente, ca’ urla e nun sente

Nina ora ha 5 anni, ha paura delle scale
tienimi con te abbracciata a te, che c’è il temporale
Nina vuole andare al mare e inseguire l’aquilone
zucchero filato un cavallo alato, bolle di sapone

Mi chiamo Nina e gioco in tribunale
con quello che passa il circondariale

Nina vuole un girasole da piantare nel cortile
vieni via con me, vieni via con me, possiamo scomparire
Nina vuole andare al mare e tenere l’aquilone
zucchero filato un cavallo alato, bolle di sapone
Nina vuole andare al mare e inseguire l’aquilone
zucchero filato, un cavallo alato, bolle di sapone

Mi chiamo Nina, dov’è il mio aquilone
Pasquale mi ha detto che siamo in prigione
ma io sono brava portatemi al mare
perché sono qui che devo scontare.

Significato di Nina è brava, la canzone di La Zero presentata a Sanremo Giovani 2019

Manuela presenta una canzone “teatrale” con incursioni nel dialetto napoletano: alla base vi è l’immagine di una bambina dolce, un’anima piccola ma forte. Crede che la normalità sia quella conosciuta in carcere, non sapendo cosa c’è al di là delle sbarre. Così la spensieratezza e la leggerezza dei suoi anni entrano in conflitto con la dura realtà dei fatti.

Foto Credits: Pagina Facebook La Zero

Matteo Fennec
Metà uomo, metà volpe. Sono il fratello segreto di Ryan Gosling, ma questo lui non lo sa. Come non sa che sono laureato in Filologia Moderna e pratico tennis dall’età di 8 anni. Nell’attesa di ricongiungermi con la mia vera famiglia ad Hollywood, aspiro a diventare un’insegnante di lettere. I colori sono la mia medicina, la street-art la mia sposa.
Leggi altri articoli in Musica Vita Scolastica