Condividi
Réclame, canzone a Sanremo Giovani 2019: testo, audio e significato di Il viaggio di ritorno
Condividi su

Réclame, canzone a Sanremo Giovani 2019: testo, audio e significato di Il viaggio di ritorno

Di Alice Giusti
pubblicato il 19 dicembre

Il viaggio di Ritorno di Réclame: volete conoscere qualcosa in più sul testo e significato del brano della band finalista di Sanremo Giovani 2019? Siete nel posto giusto.

Réclame, canzone a Sanremo Giovani 2019: testo, audio e significato di Il viaggio di ritorno

Sanremo Giovani 2019: il testo e significato del Viaggio di ritorno di Réclame

Il viaggio di ritorno è una delle canzoni arrivate in Finale a Sanremo Giovani 2019: i Réclame riusciranno ad arrivare sul palco dell’Ariston grazie a questo brano? Il testo e il significato del singolo sono molto forti, una cupa riflessione sulla società e sull’accettazione di questa, e il sound non è il più facile da ascoltare per il pubblico generalista di Rai Uno e Sanremo, ma una bel vento di novità è sempre bello averlo. I Réclame sono quattro musicisti giovanissimi (hanno tra i 20 e i 28 anni) che si conoscono fin dalle elementari: il loro percorso musicale è evoluto nel tempo passando dalla musica pop classica alla musica più cantautorale.

Testo del Viaggio di ritorno di Réclame

Il viaggio di ritorno
è una corrente senza tempo
piena di facce qualunque ritratte sui muri
e persone per bene
senza dei grandi ideali
che sperano un giorno o l’altro
di vedere un’altra faccia allo specchio
di non essere se stesse
di non dovere camminare
a testa bassa
con gli occhi stanchi
essere una fra le voci dei tanti
che non hanno poi molto da dire
se non urlare a squarciagola
qualche frase fatta per non morire
a testa bassa
con gli occhi stanchi

essere una fra le voci dei tanti
che non hanno poi molto da dire
se non urlare a squarciagola
qualche frase fatta per cui morire

Le scarpe consumate sull’asfalto
il peso di qualche inutile affanno
le parole d’odio
sgranate con furore
i manifesti di partito senza colore
e chi ritorna irrispettabile di giorno
e detestabile la sera
chi ritorna a bere molto
e a rimanere in piedi ancora
con la fede al dito ma sempre pronto
a nuove occasionali storie d’amore
con i pugni stretti e una croce senza valore
con la speranza sotto le suole
di vedere un’altra faccia allo specchio

Ma forse è giusto così
forse è meglio camminare
a testa bassa
con gli occhi stanchi
essere una fra le voci dei tanti
che non hanno poi molto da dire
se non urlare a squarciagola
qualche frase fatta per non morire
a testa bassa
con gli occhi stanchi
essere una fra le voci dei tanti
che non hanno poi molto da dire
se non urlare a squarciagola
qualche frase fatta per cui morire
a testa bassa
con gli occhi stanchi
che non hanno poi molto da dire
a testa bassa
con gli occhi stanchi
a testa bassa

Significato del Viaggio di ritorno di Réclame

Il brano di Réclame è una riflessione sul viaggio di ritorno, quando le persone tornano da una vacanza, un periodo all’estero oppure più metaforicamente indietro sui suoi passi e sembra di tornare in un modo più triste, tutto uguale, in cui le persone camminano a testa bassa, con gli occhi stanchi, senza ideali e molte cose da dire. La band, però, alla fine si chiede se non sia meglio vivere così, come tutti, a testa bassa.

(Foto Credits: Festival di Sanremo Pagina Facebook Ufficiale)

Alice Giusti
Aspirante Jane Austen sin dalla tenera età, vivo con la valigia sempre pronta. Oggi Londra, domani Parigi, viaggio fisicamente o con la mente, basta un po’ di buona musica, un classico o una serie tv storica per farmi sognare. Appassionata di tutto ciò che è British, per vivere scrivo e mi piace talmente tanto che alla fine, mi sa, scrivo per vivere.
Leggi altri articoli in Musica Vita Scolastica