Condividi
Una maturità che fa rinascere antiche emozioni.
Condividi su

Una maturità che fa rinascere antiche emozioni.

Di Redazione ScuolaZoo
pubblicato il 05 giugno
Una maturità che fa rinascere antiche emozioni.

CLICCA QUI PER GLI AGGIORNAMENTI SULLA MATURITA’ 2013

Si torna a tre­mare. A sentire il cuore che batte mentre il dito scorre il tabellone e gli occhi si chiudo­no per un istante, prima di soffermarsi sul numero fatidi­co. A cercare il proprio voto al­lungando il collo, spingendo­si tra la ressa per capire com’è andata.

o

Maturità, si parte. Con una novità: quest’anno il punteggio finale sarà pubbli­co. Visibile a tutti. Come una volta. Niente più privacy, ma un ritorno al passato.

o

«E alla scuola della chiarezza e del ri­gore », dice il ministro Maria­stella Gelmini. L’ordinanza ministeriale numero 40 (il titolo: «istruzio­ni per lo svolgimento degli esami di Stato»), dice così: «L’esito dell’esame con l’indicazione del punteggio finale conseguito, inclu­sa la menzione della lode, è pub­blicato, per tutti i candidati, nell’al­bo di istituto sede della commissio­ne, con la sola indicazione del­la dizione ‘esito negativo’ nel caso di mancato superamen­to dell’esame stesso».

o

Ricapi­tolando: dal sessanta fino al cento con lode, tutti i voti sa­ranno resi pubblici e affissi nell’atrio di ogni scuola.

Non era così lo scorso anno, quan­do, per disposizione dell’ex ministro Giuseppe Fioroni, al termine della prova — fatta eccezione per gli studenti con lode — ci si limitava a indica­re «esito positivo» per i pro­mossi, «esito negativo» per i bocciati. Per conoscere il pun­teggio di ogni candidato, biso­gnava andare in segreteria.Se il 2008 è stato l’anno dei voti «oscurati», ora si cambia.

o

È stato il ministro Mariastella Gelmini a insistere sulle nuo­ve regole: «Finisce l’epoca di un certo pedagogismo buoni­sta che vuole tutelare a tutti i costi il ragazzo laddove non ce n’è bisogno, visto che è maggiorenne e perfettamente in grado di assumersi la re­sponsabilità del proprio rendi­mento ». Avanti tutta. Con un’ordi­nanza dettagliatissima. E con la consulenza del Garante del­la privacy che non ha mai na­scosto il suo parere sul tema: «Da diversi anni — precisa Francesco Pizzetti — insistia­mo sul fatto che nessuna nor­ma di protezione dei dati im­pedisce la pubblicazione dei voti». Anzi: «Personalmente — continua Pizzetti — ho sempre ritenuto opportuno rendere pubblico il punteggio finale. E questo ai fini della trasparenza dell’operato dei docenti, del controllo sull’esa­me da parte dell’opinione pubblica, di un incentivo per i ragazzi e di un riconoscimen­to degli sforzi da loro fatti. Sia­mo contenti che il ministero dell’Istruzione sia tornato ad adottare certe misure».

Scritto da La Francy

Redazione ScuolaZoo
Leggi altri articoli in News Maturità Maturità