Condividi
Maturità 2020, da Kobe Bryant a Serena Williams: tracce svolte sui miti dello sport
Condividi su

Maturità 2020, da Kobe Bryant a Serena Williams: tracce svolte sui miti dello sport

Di Chiara Greco
pubblicato il 27 gennaio

Cosa scrivere se dovesse uscire una traccia di Maturità 2020 sul tema dei miti nello sport come Kobe Bryant e Serena Williams.

Maturità 2020, da Kobe Bryant a Serena Williams: tracce svolte sui miti dello sport

Tracce Maturità 2020: temi svolti e suggerimenti sullo sport e i miti

Manca sempre meno alla Maturità 2020 e questo è il momento per iniziare a preparare il materiale utile per le prove scritte e l’orale di maturità. Come ben sappiamo, le tracce di Prima Prova 2020 non si conoscono fino alla data dello scritto, ma possiamo iniziare a fare mente locale di quelli che sono gli argomenti più attuali e più in voga del momento per capire su cosa potrebbero essere le tracce scelte dalla Ministra della Scuola Azzolina. Il tema sullo sport è un evergreen, esce praticamente ogni anno, quindi proviamo a vedere cosa scrivere se dovesse uscire la traccia sul mito dell’NBA, Kobe Bryant, e sugli altri miti dello sport.

traccia-maturità-miti-sport-traccia-maturità-2020

(Credits: Pixabay)

 

Prima Prova 2020: suggerimenti per un tema sui personaggi più influenti dello sport

La possibilità che esca una traccia di Prima Prova 2020 sullo sport è molto alta, visto che questo tema è uno dei preferiti dagli studenti che dal Miur. In un certo senso è un tema che mette d’accordo tutti. Certo, bisogna comuque capire che tipo di taglio viene dato e quali riflessioni sono richieste agli studenti. Oggi vi proponiamo alcuni suggerimenti per svolgere una traccia sullo sport e sui miti dello sport.

Introduzione:

  • Non si diventa un mito della propria disciplina sportiva per caso. Questo lo sanno tutti coloro che sono riusciti a diventare dei “grandi” nella loro arte. È frutto di lavoro, passione, dedizione e tante rinunce. Certo, poi le soddisfazioni arrivano, ma solo dopo il giusto tempo. Nell’introduzione potreste fare una piccola riflessione partendo da questo spunto

Svolgimento:

  • Cercate di spiegare come si diventa un mito: c’è chi inizia da piccolo, chi invece scopre lo sport quasi per caso. Tutti i più grandi dello sport hanno mosso i loro primi passi nella disciplina da giovanissimi. C’è chi si è dovuto allontanare da casa sin da giovanissimo per raggiungere una città dove un determinato sport era praticato a livelli più professionali.
  • Esplorate il tema della rinuncia: qualsiasi campione sportivo sa che la maggior parte del suo tempo deve essere dedicata alla pratica e agli allenamenti, anche a costo di rinunciare a tutto il resto. Vi suggeriamo di mettere a paragone la vita che vivono ora che sono famosi: c’è chi ama le feste, chi partecipa a diverse trasmissioni, c’è chi diventa poi ambassador di altre iniziative. Sono piccole soddisfazioni che arrivano dopo un lungo periodo di sport.
  • Approfondite la questione dell’essere miti in uno sport di squadra o in uno sport singolo. Prendete in esame alcuni miti che, seppur praticando un gioco di squadra, sono diventati dei miti a prescindere dai loro compagni. Provate ad analizzare i motivi per cui si verifica questa situazione e quali sono i fattori che rendono alcuni sportivi più famosi di altri.

Conclusione:

  • Cercate di tirare le somme su quanto detto, provate a riflettere con delle vostre considerazioni sul valore che ha la fama su uno sportivo e quanto questo fa appassionare il pubblico che, senza quel mito, non seguirebbe quel determinato sport.

Maturità 2020, tema sullo sport: chi sono i miti da prendere in considerazione

Se esploriamo tutti gli sport, ci sono migliaia e migliaia di nomi da fare. Noi ne abbiamo selezionati alcuni per voi, così da prenderli in considerazione per lo svolgimento di una traccia di Prima Prova 2020.

  • Kobe Bryant. È considerato l’erede di Michael Jordan e di fatto è entrato nella lista dei migliori giocatori dell’NBA. Ha mosso i suoi primi passi da cestitsta in Italia e ha militato principalmente nei Los Angeles Lakers. Ha vinto un Oscar per il suo cortometraggio Dear Basketball
  • Pelé. È tutt’oggi considerato il miglior giocatore del mondo. Di nazionalità brasiliana, è l’unico calciatore del mondo che ha vinto tre edizioni di seguito dei mondiali di calcio. Ha realizzato uno dei migliori goal secondo la FIFA e detiene il record per il numero più alto di reti realizzate in carriera
  • Niki Lauda. Per il mondo della Formula 1 è stata una delle figure di maggior riferimento, sia quando era un pilota che dopo il ritiro. Sviluppò un modo tutto nuovo di pilotare le auto e riformò l’immagine del pilota di F1, arrivando ad essere coinvolto nel processo di migliramento strutturale e meccanico della macchina
  • Roger Federer. Il miglior tennista di tutti i tempi, eccelle in tutto: accuratezza dei colpi, stile di gioco e miglior rendimento costante in tutta la carriera. È il tennista che ha vinto più tornei di Grande Slam di tutti e l’unico ad essersi aggiudicato otto vittorie nel torneo di Wimbledon
  • Serena Williams. È la miglior tennista di tutti i tempi. La sua forza fisica e mentale sono uniche nel loro genere e le sono servite per diventare una delle campionesse più imbattibili di sempre. Ha partecipato alle Olimpiadi dove ha vinto diverse medaglie d’oro nei tornei singoli e doppi.
  • Evgenij Plushenko. È uno dei migliori pattinatori russi e tutt’ora è uno dei miti di riferimento per chi pratica questo sport. Ha partecipato a diverse olimpiadi, vincendo un oro e due argenti. La caratteristica principale di Plushenko sono i salti: è l’unico pattinatore che riesce a combinare diversi salti molto complessi tra di loro in serie.

(Credits Copertina: @kobebryant)

Chiara Greco
Abitante del mondo in tutte le sue forme e i suoi colori. Sono una studentessa, si spera, alla fine del suo percorso universitario in mediazione linguistica e culturale. Il mio hobby principale è cercare di rendere i miei sogni una realtà concreta, per questo ho deciso di buttarmi in questa avventura come scrittrice (ancora alle prime armi e che ha ancora tanto da imparare). Il filo delle mie passioni traccia trame e disegni impensabili e senza confini: scrittura, lettura, cucina, cinema, musica, scienza, fisica, viaggi
Leggi altri articoli in Prima Prova Maturità Maturità