Condividi
Orientamento scolastico terza media: il Liceo artistico
Condividi su

Orientamento scolastico terza media: il Liceo artistico

Di Alessio Cappuccio
pubblicato il 31 ottobre

Scelta della scuola superiore: state valutando l’ipotesi di iscrivervi al liceo classico? Ecco cosa sapere su piano di studi, articolazioni e sbocchi lavorativi!

Orientamento scolastico terza media: il Liceo artistico

Orientamento Terza Media: perché scegliere il Liceo artistico?

Se siete arrivati fino in terza media con in mano una matita da disegno, una videocamera o un compasso, allora sapete bene cosa fare una volta superato lo scoglio dell’esame che vi attende alla fine dell’anno. E se per caso non lo avete ancora capito ve lo diciamo noi: sarebbe davvero opportuno che vi iscriviate al Liceo artistico, sempre che desideriate inseguire le vostre attitudini e i vostri sogni.

Naturalmente stiamo scherzando, perché una scelta del genere deve contemplare tanti differenti fattori e non solo le proprie aspirazioni più immediate (che si possono coltivare anche in altri modi); tuttavia, perché non togliersi la curiosità e scoprire quali sono i percorsi di studio e le prospettive che offre il Liceo artistico con tutti i suoi sei differenti indirizzi?

Non sapete se questa è la scuola più adatta a voi? Fate il nostro test di orientamento per capire quale liceo, istituto tecnico o professionale fa per voi!

Volete avere informazioni su tutte le scuole superiori esistenti in Italia? Leggete:

liceo artistico

Foto: Pixabay

Liceo artistico: le materie del piano di studi divise per indirizzi

Gli istituti d’arte – così erano chiamati un tempo – hanno circa 90 anni: nati nel 1923, inizialmente offrivano una proposta formativa molto legata a quella che chiameremmo artigianato, nonché al settore commerciale vero e proprio.  La riforma Gelmini ha portato alla soppressione di questo ordinamento e di tutte le sperimentazioni, i corsi liceali e le opzioni autonome che avevano caratterizzato gli anni a seguire. Da allora, ovvero dal 2010, il liceo artistico, che come base è prettamente umanistico con alcuni insegnamenti pratici di grande rilievo, prevede un biennio in comune e altri tre anni in cui si studiano le materie caratterizzanti.

Indirizzo arti figurative

Questo indirizzo è adatto a tutti coloro che vogliono specializzarsi nell’ambito delle discipline pittoriche, plastiche e scultoree, ovvero tutti coloro che si sentono artisti o vogliono studiare l’arte nel senso più classico del termine.

Secondo le note ufficiali del Miur al termine del percorso di studi lo studente dovrà aver conseguito i seguenti obiettivi.

  • Aver approfondito la conoscenza degli elementi costitutivi della forma grafica, pittorica e/o scultorea nei suoi aspetti espressivi e comunicativi e acquisito la consapevolezza dei relativi fondamenti storici e concettuali;
  • Conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva;
  • Saper individuare le interazioni delle forme pittoriche e/o scultoree con il contesto architettonico, urbano e paesaggistico;
  • Conoscere e applicare i processi progettuali e operativi e utilizzare in modo appropriato le diverse tecniche della figurazione bidimensionale e/o tridimensionale, anche in funzione della “contaminazione” tra le tradizionali specificazioni disciplinari (comprese le nuove tecnologie);
  • Conoscere le principali linee di sviluppo tecniche e concettuali dell’arte moderna e contemporanea e le intersezioni con le altre forme di espressione e comunicazione artistica;
  • Conoscere e sapere applicare i principi della percezione visiva e della composizione della forma grafica, pittorica e scultorea.

liceo_artistico_indirizzo_arti_figurative

Indirizzo scenografia

I ragazzi che scelgono l’indirizzo scenografia intendono specializzarsi in un settore che prevede l’ideazione, la costruzione materiale e l’allestimento in loco degli spazi scenici sia nel mondo dello spettacolo che in quello prettamente culturale, come per esempio nel caso di mostre, festival e situazioni simili.
Queste le competenze che lo studente avrà fatto proprie al termine dei cinque anni.
  • Conoscere gli elementi costitutivi dell’allestimento scenico dello spettacolo, del teatro e del cinema;
  • Avere consapevolezza delle radici storiche e delle linee di sviluppo nei vari ambiti della progettazione e della realizzazione scenografica;
  • Saper individuare le corrette procedure di approccio nel rapporto spazio scenico-testo-regia, nelle diverse funzioni relative a beni, servizi e produzione;
  • Saper identificare e usare tecniche e tecnologie adeguate alla definizione del progetto e alla realizzazione degli elementi scenici;
  • Saper individuare le interazioni tra la scenografia e l’allestimento di spazi finalizzati all’esposizione (culturali, museali, etc);
  • Conoscere e sapere applicare i principi della percezione visiva e della composizione dello spazio scenico.

liceo_artistico_indirizzo_scenografia

Indirizzo architettura e ambiente

Gli studenti che desiderano iscriversi ad Architettura all’università sanno benissimo perché scegliere questo indirizzo, mentre per gli altri potrebbe essere ideale nel caso in cui piaccia il disegno tecnico e tutte le questioni urbanistiche. A caratterizzare questo indirizzo sono le 6 ore del laboratorio di architettura e le altre 6 dedicate alle discipline progettuali.
Queste le competenze che il Miur ha individuato come specifiche del percorso.
  • Conoscere gli elementi costitutivi dell’architettura a partire dagli aspetti funzionali, estetici e dalle logiche costruttive fondamentali;
  • Avere acquisito una chiara metodologia progettuale applicata alle diverse fasi da sviluppare (dalle ipotesi iniziali al disegno esecutivo) e una appropriata conoscenza dei codici geometrici come metodo di rappresentazione;
  • Conoscere la storia dell’architettura, con particolare riferimento all’architettura moderna e alle problematiche urbanistiche connesse, come fondamento della progettazione;
  • Avere acquisito la consapevolezza della relazione esistente tra il progetto e il contesto storico, sociale, ambientale e la specificità del territorio nel quale si colloca;
  • Acquisire la conoscenza e l’esperienza del rilievo e della restituzione grafica e tridimensionale degli elementi dell’architettura;
  • Saper usare le tecnologie informatiche in funzione della visualizzazione e della definizione grafico-tridimensionale del progetto;
  • Conoscere e sapere applicare i principi della percezione visiva e della composizione della forma architettonica.

liceo_artistico_indirizzo_architettura_e_ambiente

Indirizzo audiovisivo e multimediale

Questo percorso di studi è diretto a tutti coloro che desiderano imparare come comunicare tramite il linguaggio audiovisivo, sia in campo artistico che in quello più commerciale, attraverso l’utilizzo di differenti media.
Queste le competenze che lo studente andrà ad acquisire una volta finito il percorso di studio.
  • Avere approfondito la conoscenza degli elementi costitutivi dei linguaggi audiovisivi e multimediali negli aspetti espressivi e comunicativi, avere consapevolezza dei fondamenti storici e concettuali;
  • Conoscere le principali linee di sviluppo tecniche e concettuali delle opere audiovisive contemporanee e le intersezioni con le altre forme di espressione e comunicazione artistica;
  • Conoscere e applicare le tecniche adeguate nei processi operativi, avere capacità procedurali in funzione della “contaminazione” tra le tradizionali specificazioni disciplinari;
  • Conoscere e sapere applicare i principi della percezione visiva e della composizione dell’immagine.

Indirizzo design

L’indirizzo design prevede che lo studente approfondisca tutti i temi legati alla progettazione di oggetti, che si tratti di mobili o utensili vari, sia dal punto di vista  pratico, con uno studi dei materiali da utilizzare, che più teorico, attraverso l’applicazione di principi desunti dalla storia della disciplina.
A conclusione del percorso di studio i diplomati, stando alle indicazioni del Miur, saranno in grado di sfoggiare le seguenti competenze.
  • Conoscere gli elementi costitutivi dei codici dei linguaggi grafici, progettuali e della forma;
  • Avere consapevolezza delle radici storiche e delle linee di sviluppo nei vari ambiti del design e delle arti applicate tradizionali;
  • Saper individuare le corrette procedure di approccio nel rapporto progetto-funzionalità-contesto, nelle diverse finalità relative a beni, servizi e produzione;
  • Saper identificare e usare tecniche e tecnologie adeguate alla definizione del progetto grafico, del prototipo e del modello tridimensionale;
  • Conoscere il patrimonio culturale e tecnico delle arti applicate;
  • Conoscere e sapere applicare i principi della percezione visiva e della composizione della forma.

Indirizzo grafica

L’indirizzo grafica del Liceo artistico porta all’approfondimento di tutte le tecniche pittoriche e informatiche richieste all’interno del settore pubblicitario e dell’editoria, sia cartacea che online.

Queste le finalità degli studi intrapresi durante i cinque anni.

  • Conoscere gli elementi costitutivi dei codici dei linguaggi progettuali e grafici;
  • Avere consapevolezza delle radici storiche e delle linee di sviluppo nei vari ambiti della produzione grafica e pubblicitaria;
  • Conoscere e applicare le tecniche grafico-pittoriche e informatiche adeguate nei processi operativi;
  • Saper individuare le corrette procedure di approccio nel rapporto progetto-prodotto-contesto, nelle diverse funzioni relative alla comunicazione visiva e editoriale;
  • Saper identificare e usare tecniche e tecnologie adeguate alla progettazione e produzione grafica;
  • Conoscere e sapere applicare i principi della percezione visiva e della composizione della forma grafico-visiva.

Sbocchi lavorativi Liceo artistico: cosa si può fare dopo il diploma

Come è possibile notare, i sei indirizzi in cui si divide il Liceo artistico sono piuttosto specifici e ognuno di essi indica un percorso lavorativo alquanto semplice da delineare. Una possibilità è quella di continuare gli studi all’Accademia delle belle arti o ad altri istituti che promettono una formazione strettamente qualificante nel settore scelto. Vi sono poi alcuni percorsi meno considerati, che vale la pena menzionare.

Per quanto riguarda le arti figurative si può lavorare all’interno dei Beni culturali nel campo della conservazione o del restauro. Per architettura e ambiente c’è la possibilità di essere impiegati nell’arredo di interni.  I diplomati in design possono lavorare nel campo della moda così come in quello della gioielleria, mentre quelli in grafica possono trovare lavoro sia nelle tipografie che nell’ufficio pubbliche relazioni delle aziende, per non parlare di agenzie pubblicitarie e di comunicazione. I diplomati in audiovisivo potrebbero contemplare anche il settore giornalistico, oppure entrare in un ufficio comunicazione aziendale, dove le loro competenze sono sempre più richieste.

Foto: Pixabay

Alessio Cappuccio
Cosa faccio nella vita? In pratica scrivo e ogni tanto faccio video e fotografie. Appassionatissimo di cinema, ritorno a scrivere di scuola e università dopo aver sperato di aver detto addio per sempre allo studio con la laurea. Nella vita, però, mai dire mai!
Leggi altri articoli in Orientamento Scolastico Orientamento