La lotta al bullismo continua: nasce la collaborazione tra MaBasta e Artedo
Condividi su

La lotta al bullismo continua: nasce la collaborazione tra MaBasta e Artedo

Di Maria Saia
pubblicato il 26 agosto

Speriamo che prima o poi le scuole siano posti davvero sereni.

La lotta al bullismo continua: nasce la collaborazione tra MaBasta e Artedo

A noi di ScuolaZoo la nascita di MaBasta, Movimento Antibullismo Aninamato da STudenti Adolescenti, è piaciuta talmente tanto che vogliamo continuare a parlare delle loro iniziative. Come abbiamo già scritto in passato, l’innovazione di questo gruppo che milita per la lotta al bullismo nelle scuole consiste nel fatto che siano stati dei ragazzi di 15 anni a crearlo: quelli della seconda A dell’Istituto “Galilei-Costa” di Lecce (Per saperne di più vi consigliamo di leggere “Che cos’è MaBasta”).

La novità del mese è legata alla nascita di una nuova grande collaborazione: quella con Artedo, Polo Mediterraneo delle Arti Terapie e delle Discipline Olistiche, un’associazione attiva sul territorio nazionale che si occupa di temi come la relazione d’aiuto, la crescita personale, lo sviluppo delle potenzialità dell’individuo. Opera dal 2006 con lo scopo di diffondere nel nostro paese la formazione delle arti terapie – musicoterapia, arteterapia, danzamovimentoterapia, teatroterapia – e delle discipline olistiche.

In cosa consiste lo scambio tra le due parti? Artedo ha creato un nuovo corso online, rivolto ai suoi operatori, intitolato “BullOff – riconoscere e spegnere forme di bullismo e cyberbullismo”, che si prefigge l’obiettivo di fornire nozioni teoriche e conoscenze pratiche per affrontate non solo il bullismo dal vivo, ma anche il cyberbullismo. I ragazzi di MaBasta avranno il privilegio di sperimentare le versione beta del corso, aiutando gli operatori di Artedo a inserire quello che manca e rendere il corso più efficace.

MaBasta

Mauro Paparusso, referente del progetto BullOff, ha espresso la volontà di voler avviare un corso di 30 ore al fine di stimolare il confronto nelle classi sul fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, creare consapevolezza e una certa empatia nei confronti delle vittime, mettere in luce le ambiguità e le contraddizioni legate al problema e capire, insieme, come affrontarlo. Dal canto loro, i ragazzi di MaBasta non vedono l’ora di vivere un’esperienza con professionisti che sarà per loro fonte di divertimento da un lato, ma di crescita e apprendimento continuo dall’altro.

Speriamo si tratti della prima pietra per la costruzione di un grande progetto che riesca ad aiutare, passo passo, tutti gli studenti diffondendosi capillarmente negli istituti di tutta Italia, dalle materne alle superiori.

Maria Saia
Quando sono nata ero una sirena, ma invece di cantare come le mie sorelle, passavo il tempo a scrivere. Il problema era che vivendo sott'acqua i miei quaderni si inzuppavano tutti e l'inchiostro andava via. Per questo ho chiesto a mio padre, il re degli oceani, di darmi delle gambe per andare a vivere in superficie. Adesso abito sulla terra e continuo a passare i miei giorni scrivendo. L'inchiostro, per fortuna, non va più via. In ricordo delle mie origini, tutti i miei amici mi chiamano "Mari". :)
Leggi altri articoli in News Scuola