Condividi
Amleto: riassunto e analisi della tragedia di Shakespeare
Condividi su

Amleto: riassunto e analisi della tragedia di Shakespeare

Di Valeria Rombolà
pubblicato il 29 gennaio

La tua prof d’inglese ti ha assegnato un compito sull’Amleto di Shakespeare? Non sai come fare un riassunto dell’opera e l’analisi? Sei nel posto giusto!

Amleto: riassunto e analisi della tragedia di Shakespeare

Amleto di William Shakespeare: riassunto degli atti e analisi completa

L’Amleto di William Shakespeare è una delle opere più brevi ma più complesse dell’autore inglese e la più famosa tra le tragedie del Bardo. Alcuni dei suoi versi rientrano tra le frasi più riconosciute nel mondo e il monologo “Essere o non Essere” è tra i più studiati a scuola. La vostra prof d’inglese vi ha assegnato un compito sull’Amleto ma non sapete da dove partire? Qui trovate tutto il materiale utile per fare un riassunto dettagliato dell’opera con l’analisi!

amleto shakespeare riassunto dettagliato analisi storia frasi

Amleto: riassunto dettagliato dell’opera

La vicenda è ambientata presso il castello di Elsinore, dove una notte compare lo spirito del vecchio Amleto, re di Danimarca morto per un veleno che gli è stato versato nell’orecchio. Egli, palesandosi al figlio, di nome anch’egli Amleto, gli confessa di essere stato avvelenato dal proprio fratello, Claudio, che poi ne ha sposato la vedova, Gertrude. Il principe Amleto deve perciò vendicarlo, ma decide di fingersi pazzo per non destare sospetti sul suo piano di vendetta. Dopo questa apparizione, il giovane Amleto recita il famoso monologo “Essere o non essere” – nel quale riflette sul destino dell’uomo e sulla caducità della vita. Qui compare Ofelia, la giovane amata di Claudio, alla quale il re ha dato l’incarico di spiare Amleto per comprendere il perché della sua follia. Ofelia è, in realtà, innamorata di Amleto. Il principe la allontana, non volendole confessare di essere sempre stata innamorata di lei. Presso il castello arriva una compagnia teatrale alla quale Amleto fa recitare proprio il dramma che ha colpito il padre, per verificare la reazione dello zio che, davanti alla messa in scena, è evidentemente travolto dall’ansia. Proprio in quell’occasione Amleto fa capire allo zio di essere a conoscenza della verità circa la morte del padre. Da quel momento in poi, sia Amleto sia Claudio congiurano l’uno contro l’altro. Amleto, in un’altra scena, accusa la madre ed uccide il padre di Ofelia, pensando che li stesse ascoltando. Intanto Claudio deciso più che mai a sbarazzarsi di Amleto, lo invia in missione in Inghilterra, ma il gruppo viene catturato dai pirati; Amleto si salva, gli altri muoiono. Ofelia, addolorata perché Amleto non solo l’ha ripudiata ma le ha anche ucciso il padre, impazzisce. Una volta giunto a casa, Amleto scopre che la giovane Ofelia si è uccisa e che il fratello sta giungendo per vendicare le morti della sorella e del padre. Il duello tra i due è all’ultimo sangue: Amleto vince il primo assalto e la regina Gertlude, brindando alla sua salute, beve dalla coppa avvelenata e muore. Intanto i duellanti, nella confusione che segue, si scambiano più volte i fioretti e vengono entrambi fatalmente colpiti dalla punta imbevuta nel veleno. Morta la regina e Laerte (fratello di Ofelia), Amleto decide così di rivelare la verità della tragica morte del padre ad Amleto che, preso dall’ira, si getta sul re e lo trafigge con la spada incriminata, costringendolo poi a bere dalla coppa avvelenata. Alla fine anche Amleto viene colpito, ma chiede ad Orazio, di tramandare la sua vicenda ai posteri.

L’Amleto di Shakespeare: analisi della tragedia

L’opera dell’Amleto contiene in sì una serie di significati profondi e molto interessanti da scoprire. Primo fra tutti quello che ne deriva dal famoso quesito “Essere, o non essere, questo è il dilemma: se sia più nobile nella mente soffrire i colpi di fionda e i dardi dell’oltraggiosa fortuna o prendere le armi contro un mare di affanni e, contrastandoli, porre loro fine?”. Tutta l’essenza di questa frase sta la difficoltà di affrontare le sofferenza dei dolori terresti della vita e l’inevitabile incertezza che caratterizza la fase dopo la morte. Questo atroce dilemma divide il protagonista su che cosa fare della propria vita e quanto valga la pena continuare ad esistere. Da questo scenario, ne ricaviamo subito l’importante riflessione che l’autore fa sul tema della difficoltà del vivere. Questo tema fa da padrone in tutta l’opera, caratterizzando lo sfondo dell’Amleto di un forte presagio di morte che accompagna il lettore fino dall’inizio dell’opera (con l’evocazione dello spirito paterno), fino al termine della storia (con il generale massacro dei protagonisti dello scontro).  Altro tema centrale è il dubbio che caratterizza fin da subito il protagonista. Il giovane principe sembra determinato a compiere la sua vendetta ma continuamente rimanda l’azione; l’esitazione sembra essere la sua malattia. Il dubbio è il suo antagonista (ostacolo) che lo perseguita sino alla fine (tanto che “amletico” è sinonimo di dubbioso e irresoluto). La struttura dell’Amleto è caratterizzato da una forte modernità:  da attenzione ad una vendetta privata verso un’indagine sulle basi dell’umana esistenza e sulla validità delle azioni umane. Per la prima volta anche il tema dell’esistenza di un mondo sovrannaturale viene portato in scena senza paura, così come quello degli incesti e della lotta al potere senza remora alcuna. L’Amleto è, dunque, si pome come un’opera moderna e rivoluzionaria senza precedenti.

(Credits Immagini: BBC.uk; wikipedia.it)

Valeria Rombolà
Da sempre sono una grande appassionata di libri e giornalismo, tento oggi di realizzare i miei sogni tra mille peripezie e tanta positività. Energica,solare e sempre spiritosa con tanta voglia di imparare e buttarmi in nuove avventure!
Leggi altri articoli in Copiare a Scuola Scuola