Condividi
Piccole Donne Crescono, riassunto e recensione
Condividi su

Piccole Donne Crescono, riassunto e recensione

Di Selena
pubblicato il 19 luglio

Piccole Donne Crescono, il secondo romanzo di Louise May Alcott che racconta il proseguo della vita delle sorelle March: ecco riassunto e recensione per voi

Piccole Donne Crescono, riassunto e recensione

Piccole Donne Crescono: il riassunto di tutti i capitoli

Vi hanno assegnato il riassunto del libro Piccole Donne Crescono e non avete voglia di leggerlo? Dovete fare uno schema del libro e vi servono delle informazioni per una recensione di Piccole Donne Crescono? No panic. Ci siamo noi!  Louise May Alcott è la scrittrice che ha dato vita a due romanzi, Piccole Donne e Piccole Donne Crescono, considerati veri e propri capolavori della letteratura mondiale per ragazzi, ma non solo. Da questi libri è stato poi fatto un film, una trasposizione cinematografica di Piccole Donne che però, in un’unica pellicola racconta gli avvenimenti sia del primo che del secondo romanzo. Se per la scuola, per i compiti estivi o per volere dei professori in un qualsiasi momento dell’anno scolastico, vi viene chiesto di leggere, di fare un riassunto o una recensione di  Piccole Donne e Piccole Donne Crescono il nostro consiglio è quello di prendervi un po’ di tempo e sfogliarli veramente, ma se non ne avete proprio voglia allora ci siamo noi di ScuolaZoo. Di seguito troverete il riassunto e la recensione di Piccole Donne Crescono, il seguito di Piccole Donne, dove troviamo le protagoniste della storia cresciute e pronte ad affrontare tematiche diverse rispetto al passato.

Per sapere tutto sul primo libro leggi:

Per fare da solo senza copiare (e senza sbagliare!), affidati alle nostre dritte:

piccole-donne-crescono-riassunto-recensione (1)

Riassunto Piccole Donne Crescono

Nel primo libro, Piccole Donne, abbiamo visto le piccole figlie della famiglia March avere a che fare con il distacco del padre, inviato al fronte, la partenza della mamma dopo la notizia del ferimento del marito e l’ammalarsi della piccola Beth. In Piccole Donne Crescono, cambia tutto. Si tratta della continuazione del primo volume e, come in un racconto familiare, troviamo la normale evoluzione della vita delle sorelle March.

Sono passati tre anni nella vita della famiglia March e il libro Piccole Donne Crescono comincia con la narrazione del matrimonio di Meg e John Brooke. Un momento felice ceh darà il via ad una serie di cambiamenti. La prima delle sorelle March a lasciare la famiglia è anche la prima a cambiare a crescere e a diventare più matura: i due sposi andranno a vivere in una casa modesta (soprannominata “la colombaia”) e avranno due gemelli, Demi e Daisy.

Poco dopo Jo, la più ribelle tra le sorelle, nonchè la più autonoma, parte verso New York  dopo un incontro con Laurie in cui il ragazzo la fa capire di essere innamorato di lei.
La secondogenita della famiglia trova posto come bambinaia per le figlie della signora Kirke ma avrà anche il tempo e il modo per fare sì che la sua carriera di scrittrice, iniziata in passato, spicchi il volo, portandola al successo e all’autoaffermazione. A sostenerla in questa nuova fase della sua vita c’è il professore tedesco Friedrich Bhaer, il maestro delle bambine, non ricco ma buono e sensibile. Sarà il suo compagno per la vita.

Nel frattempo, però, Jo torna a casa e trova una brutta notizia ad attenderla: il peggioramento delle condizioni di salute di Beth, che nel primolibro si era ammalata di scarlattina senza mai riprendersi del tutto. La ragazza muore lasciando un vuoto incolmabile nel cuore della sorella maggiore da sempre legata a lei in modo particolare. Questi spinge Jo a concentrarsi sulla scrittura di ciò che conosce meglio: la sua famiglia (non a caso questo personaggio altri non è se non l’alter ego della Alcott).

Diverso è invece il destino di Amy: la più piccola delle sorelle March viene scelta dalla zia  per il tour in Europa . Gli agi e la cultura europea fanno crescere Amy che nel corso del viaggio ritrova Laurie, anche lui allontanatosi da casa dopo il rifiuto di Jo, a cui aveva chiesto esplicitamente la mano dopo il ritorno da New York. In breve tempo, l’amicizia che lega Amy e Laurie si trasforma e sfocia in un bellissimo amore. I due decidono di fare il grande passo e di coronare il loro amore con il vincolo del matrimonio.

Il romanzo si conclude poi con tutta la famiglia March riunita, nuovamente insieme, che si racconta e si “aggiorna” su tutti i cambiamenti avvenuti negli ultimi anni. Ovviamente in questo libro le sorelle sono cresciute e quindi Piccole Donne Crescono racconta di una realtà diversa rispetto al passato. Tutte e tre si trovano ad affrontare problematiche come la vita coniugale, il lavoro, i viaggi e il fulcro della storia non è più la famiglia e il nucleo familiare, ma l’indipendenza e la crescita.

Piccole Donne Crescono: la recensione

Se nel primo libro la Alcott aveva puntato l’attenzione sul tema dell’unità familiare, della forza che i membri di una famiglia si trasmettono in ogni momento della vita, sia bello, sia brutto, in Piccole Donne Crescono la situazione, come giusto che sia, cambia. Tutto gira attorno a temi più maturi come l’indipendenza, il matrimonio, l’affermazione lavorativa, viaggi e sentimenti nuovi. L’atmosfera familiare e calda, quasi da focolare, del primo libro, qui non c’è più, ma non per questo Piccole Donne Crescono è meno bello o meno accattivante come libro. Anzi. La Alcott con la sua scrittura ci porta a viaggiare con le sorelle March, a soffrire, ridere e amare insieme a loro. Ovviamente si tratta di argomenti maturi in quanto le gioie e i dolori del matrimonio solo chi li vive può sapere di cosa si tratta. Vi è, inoltre, un tema forte in questo libro che è la realizzazione dei desideri e dei sogni. Amy, ne è l’esempio lampante: ha sempre voluto diventare una dama, una donna rispettabile e sposata. Ci ha creduto così tanto, senza però forzare la mano al destino, che alla fine il suo sogno è diventato realtà sposando Laurie. Ancora di più Jo che ha ottenuto ciò che voleva: indipendenza e successo al lavoro, ma la vita le ha regalato anche un amore sincero e onesto con il suo professore tedesco, un uomo buono e gentile. Una realizzazione a 360° idilliaca forse, ma reale in quanto il dolore per la scomparsa della sorellina Beth è sempre presente perchè la Alcott ci vuole ricordare che la vita è dolce e amara allo stesso tempo. Così come le soddisfazioni e i successi della vita devono essere raggiunti con la propria forza. La chiusura del libro, con la famiglia March nuovamente riunita poi è un input per ricordare ai lettori che per quanto si possa andare lontano, il proprio nucleo familiare è ciò che conta e ci sarà sempre.

Selena
Sono Selena, giornalista pubblicista appassionata di serie TV e di musica. Scrivo da quando ero bambina e, di nascosto, mi impossessavo della vecchia macchina da scrivere di mia mamma! Lavoro da 10 anni nel mondo del giornalismo e da qualche tempo conduco anche un programma radio.
Leggi altri articoli in Copiare a Scuola Scuola