Condividi
Riassunto Capitolo 8 de I Promessi Sposi svolto
Condividi su

Riassunto Capitolo 8 de I Promessi Sposi svolto

Di Alessio Cappuccio
pubblicato il 28 marzo

Cosa succede nell’Ottavo Capitolo dei Promessi Sposi? Ecco il riassunto svolto, dettagliato, di tutto il famoso capitolo 8 scritto da Alessandro Manzoni.

Riassunto Capitolo 8 de I Promessi Sposi svolto

Riassunto capitolo per capitolo de I Promessi Sposi: capitolo 8

Vi siete addentrati nella lettura o nello studio dei primi capitoli dei Promessi Sposi e siete arrivati al capitolo 8, in cui si trova il famoso passo dell’Addio ai monti di Lucia? Se avete iniziato già a seguirci dal capitolo 1, saprete che noi di ScuolaZoo vi aiutiamo nell’affrontare il capolavoro manzoniano scrivendovi tutti i riassunti capitolo per capitolo. Nel complesso, il capitolo ottavo dei Promessi Sposi è uno dei più famosi dell’intero romanzo poiché è dedicato al tentativo di matrimonio a sorpresa tra Renzo e Lucia: affronteremo così di seguito, la seconda parte della cosiddetta “notte degli inganni” dei Promessi sposi. Da una parte, trovamo i bravi che tentano di rapire Lucia, dall’altra i due protagonisti che cercano di sposarsi con un tranello, prendendo di sorpresa Don Abbondio. Insomma, molta azione e persino un finale commovente.

In definitiva, se state leggendo il libro di Alessandro Manzoni per diletto si tratta di un momento più che entusiasmante, mentre se siete costretti a studiare il volume potete ricorrere al nostro resoconto con tanto di approfondimento.

Ecco allora il nostro riassunto dell’ottavo capitolo dei Promessi sposi.

Stavate cercando il riassunto del primo capitolo dei Promessi Sposi? Lo trovate qui:

Come scrivere un tema sui Promessi Sposi che riguardi i personaggi o i primi capitoli? Nulla è impossibile coi consigli che trovate qui:

Leggete anche:

Ottavo capitolo Promessi Sposi: riassunto Notte degli imbrogli e Addio ai monti

Ritorniamo finalmente a occuparci di Don Abbondio, che ritroviamo intento alla lettura nel vano tentativo di acculturarsi. Il parroco infatti sta leggendo un panegirico in onore di San Carlo Borromeo, ma non riesce a cogliere i riferimenti del testo (“Carneade, chi era costui?” è la famosissima frase di questo passaggio che si cita), quando ecco arrivare Perpetua ad annunciare l’arrivo di Tonio e Gervaso, pronti a restituire il debito che Don Abbondio è lieto di riscuotere.

Ottavo Capitolo Promessi Sposi: il tentativo di matrimonio a sorpresa di Renzo e Lucia riassunto

Sulla porta Perpetua incontra Agnese, la quale finge di volerle parlare di due pretendenti che un tempo avevano corteggiato la serva, attirandola fuori dalla casa. Nel frattempo Tonio e Gervaso entrano, seguiti di nascosto da Renzo e Lucia. Il quartetto arriva al primo piano della casa, in silenzio, ma solo Tonio e Gervaso si fanno vedere dal prete. Il religioso riscuote i soldi, e restituisce la collana della moglie presa in pegno, con tanto di ricevuta richiesta da Tonio.

A questo punto Renzo e Lucia fanno il loro ingresso, coperti inizialmente dai due testimoni, che si scostano per fare pronunciare loro la frase fatidica. “Signor curato, in presenza di questi testimoni, quest’è mia moglie”, riesce a dire Renzo, mentre la ragazza viene interrotta da Don Abbondio, terrorizzato, il quale è riuscito a lanciare in testa a Lucia il tappeto dello scrittoio sul quale stava firmando le carte. Don Abbondio riesce a premere le mani sulla bocca della ragazza, nel frattempo chiamando Perpetua: nella colluttazione il lume si spegne, lasciando tutti al buio.

Il prete si chiude in una stanza, e Renzo cerca di farlo uscire. A questo punto Manzoni nota come sia il giovane ad apparire l’oppressore in questo frangente, nonostante la situazione che conosciamo. Le urla del prete sono udite dal sagrestano Ambrogio, il quale dopo aver sentito che “c’è gente in casa”, inizia a suonare le campane in segno di allarme, richiamando gli abitanti del villaggio, che si precipitano armati verso la chiesa.

Ottavo Capitolo riassunto Promessi Sposi: i bravi tentano di rapire Lucia

Ma facciamo un passo indietro e torniamo a occuparci dei bravi, che sono penetrati nella casa di Agnese e Lucia, senza però trovarvi nessuno. A un certo punto però arriva Menico, di ritorno dal convento recando il messaggio di Fra Cristoforo, ormai tardivo, in merito al proposito di rapimento. I bravi lo trattengono con un coltello, ma l’improvviso scampanio mette tutti in allarme e rende possibile la fuga del ragazzino. Anche Agnese e Perpetua hanno sentito prima le grida del parroco e poi le campane, e la seconda si è precipitata in casa, dalla quale escono Renzo e gli altri. Mennico sopraggiunge, avvertendo il gruppo del pericolo. La decisione è presto presa: ci si dirigerà verso i campi in direzione del convento.

Ottavo Capitolo Riassunto Promessi Sposi: Renzo e Lucia si separano

Nel frattempo la folla che si è diretta allarmata verso la chiesa viene rassicurata da Don Abbondio, il quale afferma che gli intrusi sono fuggiti. Qualcuno però ha visto degli uomini armati uscire da casa di Agnese, ora vuota, e dunque viene proposto di lanciarsi all’inseguimento dei presunti rapitori. Altri però sostengono che le due donne sono in salvo, e quindi la folla si placa. Il giorno dopo il console del paese sarà avvertito dai bravi: meglio non parlare dell’avvenuto se non vuole noie.

Renzo, Lucia e Agnese arrivano al convento, dove li attende Fra Cristoforo con Fra Fazio, laico sagrestano: questi protesta per l’intrusione di due donne a tarda notte, ma il Padre lo zittisce con la frase “Omnia munda mundis” (ovvero “tutto è puro per i puri”). All’uomo non viene rivelato il piano e l’esito del matrimonio segreto, ma in ogni caso questi sa che il villaggio non è più un luogo sicuro per i tre, e quindi consiglia di fuggire. Le donne potranno trovare rifugio al convento di Monza, mentre Renzo potrà andare a Milano, presso il convento di Porta Orientale. Il Padre congeda tutti con una preghiera a Dio, sia a protezione degli oppressi, sia affinché illumini Don Rodrigo con la sua grazia.

Capitolo 8 Promessi Sposi Addio ai Monti

I tre trovano il barcaiolo che li trasporterà dall’altra parte del lago, mentre guardano in silenzio il panorama e tutto ciò che stanno lasciando. In particolare Lucia è commossa, e dentro di sé pronuncia il famoso “Addio ai monti” (con parole alte prestatele da Manzoni), un saluto a malincuore alle montagne e al paese nel quale avrebbe voluto vivere, se non fosse stato per la prepotenza di Don Rodrigo.

Avete bisogno di un approfondimento sull’Addio ai monti di Lucia? Trovate qui tutta l’analisi del celebre passaggio manzoniano:

Analisi Capitolo 8 Promessi Sposi: temi fondamentali

Il capitolo si regge su contrasti molto forti: da una parte il silenzio della notte, la tensione del piano segreto e l’agguato dei bravi; dall’altra i forti rumori delle grida di Don Abbondio e delle campane che suonano in segno di pericolo, con la luce dell’alba a rischiarare tutto. Anche in termini religiosi c’è un confronto esplicito tra la fede forte e sicura di Fra Cristoforo, addirittura disposto a chiedere pietà per il suo nemico, e quella più dolce e sottomessa di Lucia, la quale si rifugia in Dio nelle difficoltà.

Riassunto I Promessi Sposi capitolo per capitolo

Noi di ScuolaZoo stiamo scrivendo tutti i riassunti de I Promessi Sposi. Se vi interessa leggere il capitolo precedente e successivo all’ottavo, ecco i link da seguire:

Alessio Cappuccio
Cosa faccio nella vita? In pratica scrivo e ogni tanto faccio video e fotografie. Appassionatissimo di cinema, ritorno a scrivere di scuola e università dopo aver sperato di aver detto addio per sempre allo studio con la laurea. Nella vita, però, mai dire mai!
Leggi altri articoli in Suggerimenti Scuola Scuola