Condividi
Tema sull’amicizia: svolgimento e riflessioni
Condividi su

Tema sull’amicizia: svolgimento e riflessioni

Di Maria Saia
pubblicato il 24 luglio

Tema sull’amicizia vera e su che cos’è l’amicizia: se devi scrivere un tema sugli amici qui trovi svolgimento, riflessioni e scaletta.

Tema sull’amicizia: svolgimento e riflessioni

Tema svolto sull’amicizia

Uno dei titoli che più spesso viene in mente ai prof che vogliono assegnare un tema argomentativo alle medie e durante i primi anni delle superiori è il caro, vecchio, tema sull’amicizia.  Scrivere tema sugli amici può essere sicuramente divertente ma spiegare che cos’è l’amicizia vera è un compito più complicato di quanto non sembri gli amici sono uno degli elementi più indispensabili della nostra vita.
Per consegnare un tema sull’amicizia che contenga una riflessione approfondita e non solo un elenco delle cose che ci fanno sorridere, servono una scaletta ben precisa e… i nostri consigli!
Quindi, prima che sia il vostro prof di italiano a presentarsi con la scritta sulla lavagna “Che cos’è l’amicizia: tema“, lo precediamo noi con un tema argomentativo sull’amicizia – che è anche un tema di riflessione –  svolto!

Non perdere le più belle frasi sull’amicizia per la Giornata Mondiale dell’amicizia:

Cercavi una traccia per le medie? Leggi qui:

Preferisci fare tutto da solo? Per te le nostre guide per svolgere un tema perfetto

tema sull'amicizia

Tema: che cos’è l’amicizia. Scaletta

Prima di metterti alla prova con questo tema sull’amicizia, è meglio partire con una scaletta che serve semplicemente a chiarire le idee e a fare il punto della situazione su un argomento così meraviglioso ma così vasto. Dividi il tuo tema sull’amicizia in tre parti: introduzione, svolgimento e conclusione. Nell’introduzione ti cimenterai a parlare dell’argomento per la prima volta: un ottimo modo per iniziare è usare una citazione o una frase ad effetto. Lo svolgimento contiene il corpo del testo, con approfondimenti sull’argomento, che possono contenere anche il tuo punto di vista, che dovrebbe mantenersi il più oggettivo possibile. Nella conclusione, invece, devi presentare un’opinione che sia coerente con la tesi che hai portato avanti fino a quel punto.

Tema su che cos’è l’amicizia svolto

Trovarsi a dover svolgere un tema sull’amicizia è una vera fortuna, perché tra tutti gli argomenti che un professore può scegliere si tratta effettivamente di uno dei più interessanti. Se vi dovesse capitare una traccia del genere, qui potrete trovare un buon punto di partenza con il nostro tema svolto sull’amicizia.

Tema sull’amicizia: introduzione

“Gli amici sono i fratelli che ti scegli”: non so chi sia stato a dire questa frase, ma l’ho sempre sentita viva e vera, come se fosse stata partorita dalla mia mente. Se dovessi provare a dare una definizione dell’amicizia, non potrei trovare parole migliori. Un amico è, infatti, come un fratello: non condividete il sangue, ma la vita. Avete scelto di stare insieme e, insieme, di vivere tutto: ecco perché il valore di un amico non può essere misurato.

Tema sull’amicizia: svolgimento

Una gran bella citazione sull’amicizia è quella di C.S. Lewis, scrittore e filosofo britannico: “L’amicizia nasce nel momento in cui una persona dice ad un’altra: Cosa? Anche tu? Credevo di essere l’unica”. Non sempre due amici sono persone affini, con gli stessi interessi e passioni: molto più spesso capita che sia il tempo l’elemento più importante alla base di un rapporto di amicizia. Condividere il proprio tempo con qualcuno è, indubbiamente, una scelta e quella fatta da due amici è incredibile perché non la si compie per gonfiare il proprio ego o sentirsi migliori. Si è amici perché quella persona ci fa stare bene, ci capisce, ci ascolta e noi ci sentiamo di ricambiare questo scambio di bene con lei. Lo facciamo in modo disinteressato e questo è uno dei punti di forza dell’amicizia con la a maiuscola.
Un’altra frase famosa recita “Gli amici si vedono nel momento del bisogno”. Probabilmente anche questo è vero: nel corso della vita ci capiterà di incontrare tante persone. Con alcune di loro si creerà un legame speciale, che potrebbe essere amicizia, ma potrebbe anche rivelarsi qualcosa di diverso. Ci sono, purtroppo, persone che agiscono e cercano gli altri unicamente per pura convenienza, ma questo non vuol dire che gli amici veri non esistano. Io mi sono convinta che siano davvero pochi, ma che quando hai il privilegio di contrarli – spesso è il caso che ci fa i regali più belli – lo capisci subito che si tratta di persone che non vorrai perdere mai di vista.
C’è chi dice anche che gli amori finiscono, ma gli amici restano: ecco perché è importante continuare a coltivare i propri rapporti di amicizia anche quando ci si fidanza. Non si devono per forza fare gesti eclatanti o organizzare chissà quali eventi per stare con quell’amico speciale che si conosce da una vita. Basta una passeggiata, una chiamata, una visita inaspettata. Sono proprio queste le piccole cose della vita che ci fanno capire che siamo fortunati a conoscere alcune persone e che ci fanno sentire speciali. Speciali come l’amicizia che è un bene prezioso, motivo per il quale non deve mai essere sottovalutato.

Tema sull’amicizia: conclusione

Vorrei concludere con una citazione che secondo me rappresenta in breve quella che è l’essenza dell’amicizia, quella vera s’intende. “Il miglior genere d’amico è quello con cui ti puoi sedere sotto un portico senza dire mai una parola, e a poco a poco sentirti come se avessi fatto la più bella conversazione del mondo”. Perché io quando sto con i miei amici, mi sento così.

Tema sull’amicizia: riflessioni

Si potrebbero fare milioni di riflessioni sull’amicizia, ma si finirebbe sempre con un’unica inevitabile conclusione: gli amici sono davvero importanti. Ci stanno accanto anche se hanno visto il peggio di noi. E ci vogliono bene anche proprio per quei difetti che tanto ci caratterizzano. Nonostante il tempo che passa, nonostante gli sbagli e gli amori che invaderanno le nostre vite, non dimentichiamoci mai di loro: loro non si dimenticheranno mai di noi.

Maria Saia
Quando sono nata ero una sirena, ma invece di cantare come le mie sorelle, passavo il tempo a scrivere. Il problema era che vivendo sott'acqua i miei quaderni si inzuppavano tutti e l'inchiostro andava via. Per questo ho chiesto a mio padre, il re degli oceani, di darmi delle gambe per andare a vivere in superficie. Adesso abito sulla terra e continuo a passare i miei giorni scrivendo. L'inchiostro, per fortuna, non va più via. In ricordo delle mie origini, tutti i miei amici mi chiamano "Mari". :)
Leggi altri articoli in Copiare a Scuola Scuola