Condividi
Sciopero scuola e trasporti 17 maggio: situazione mezzi e lezioni a rischio
Condividi su

Sciopero scuola e trasporti 17 maggio: situazione mezzi e lezioni a rischio

Di Selena
pubblicato il 17 maggio

Sciopero generale maggio 2019: cosa sapere sulla protesta del personale della scuola e dei mezzi di trasporto pubblici di venerdì 17.

Sciopero scuola e trasporti 17 maggio: situazione mezzi e lezioni a rischio

Sciopero 17 maggio 2019: lezioni a rischio, motivi e giustificazione

Il mese di maggio sembra essere caratterizzato da moltissimi scioperi e proteste non solo parte dei professori e del personale scolastico, ma anche degli impiegati nei servizi come i trasporti. Contro questa “stasi legislativa” è stato indetto uno sciopero nazionale generale che coinvolgerà anche scuola e mezzi pubblici. Alla protesta di venerdì 17 maggio avevano aderito in modo unitario tutti sindacati confederali, ma dopo l’accordo con il governo, alcuni si sono tirati indietro… Lo sciopero ci sarà oppure no? La risposta è sì, ma sarà portato avanti solo da alcuni sindacati. Cerchiamo di capire meglio i motivi della protesta e quali trasporti e lezioni sono a rischio a causa dello sciopero della scuola del 17 maggio 2019.

Dopo aver trovato un accordo con il MIUR, ora i Sindacati vogliono scioperare di nuovo. Ecco cosa sapere.

Per tutte le altre date degli scioperi di maggio, leggete qui:

sciopero-scuola-17-maggio-motivi-giustificazione (2)

Sciopero trasporti 17 maggio 2019: la situazione dei mezzi pubblici

Lo sciopero del 17 maggio, essendo una protesta di carattere generale nazionale, coinvolge anche i trasporti pubblici. Venerdì infatti in tutta Italia il servizio di treni e bus il regolare ci sarà solamente durante le fasce orarie garantite comunicate dalle singole aziende. I disagi più grandi riguardano ovviamente le grandi città: a Milano l’agitazione e la sospensione di autobus, metro e tram è prevista dalle 18 alle 22, mentre a Roma dalle 8.30 alle 12.30.
I trasporti tranviari nazionali e le frecce di Trenitalia non sono coinvolte dalla protesta del 17 maggio, mentre i treni regionali potrebbero subire modifiche di orario e cancellazioni dalle 9 alle 17 a causa dello sciopero dei mezzi.

Sciopero generale 17 maggio: i sindacati della scuola che aderiscono alla protesta

Come vi abbiamo detto, inizialmente lo sciopero del 17 maggio doveva essere unitario e interessare i sindacati confederali, Gilda, Snals e i sindacati di base. Il Governo e i Sindacati si sono però incontrati in questi giorni e, dopo l’ottenimento di un accordo, i confedrali Gilda e Snals hanno revocato lo sciopero. Non sono però dello stesso parere altre associazioni: Associazione Nazionale per la Scuola della Repubblica, No Invalsi, Lipscuola, Appello per la Scuola Pubblica, Assur, Autoconvocati della Scuola. Queste realtà sostengono che le promesse del Governo non siano abbastanza quindi Flc-Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals, Gilda e CEI, hanno deciso di mantenere lo sciopero generale della scuola (ma anche dei trasporti), dei professori e del personale ATA per il 17 maggio.

Motivi sciopero 17 maggio 2019: cosa sapere sulla protesta della scuola

Quali sono i motivi dello sciopero del 17 maggio? Prima di tutto si sciopera contro la decisione del ministro Bongiorno che ha parlato di una proposta di legge contro l’assenteismo molto stretta e rigorosa. Secondo Pino Turi della UIL non sono norme applicabili alla scuola, ma che invece possono essere utilizzati in altri settori amministrativi. Ciò che dovrebbe interessare al Governo, secondo i Sindacati, è cercare di dare stabilità al lavoro dei professori, riuscire dare degli stipendi adeguati, riconoscere la professionalità dei docenti e cercare di cancellare le logiche regionali per dare alla scuola un aspetto molto più unitario. Inoltre al Ministro Bussetti la CISL chiede un netto cambiamento di rotta proprio sull’autonomia regionale. Resta ovviamente ben radicata la protesta per la mancata risposta in merito a al precariato e anche sul mancato adeguamento dei compensi dei professori.

Sciopero scuola 17 maggio 2019: cosa fare in caso di assenza 

Qualora decidiate di rimanere a casa nella giornata del 17 maggio in cui è previsto questo sciopero generale della scuola, sappiate che è necessario portare la giustificazione. Se infatti rimarrete a casa a prescindere sarete considerate assenti. Se invece decidete di andare a scuola, ma poi verrete rimandati a casa perché non ci sono i professori ovviamente la giustificazione non serve. Allo stesso tempo però potrebbe anche succedere che, una volta a scuola, i professori siano tutti assenti e voi non possiate andare via perché costretti a rimanere in classe, magari a non fare nulla per diverse ore.

Sciopero maggio 2019: tutte le lezioni a rischio

Quello del 17 maggio, sarà sicuramente lo sciopero della scuola più grosso del mese, ma pare che altre mobilitazioni saranno dichiarate nei prossimi giorni. Si parte infatti venerdì 3 maggio con uno sciopero breve del personale docente per protestare sulle prove Invalsi nella scuola primaria. Altre giornate di stop sono previste per lunedì 6 e martedì 7 maggio quando in Sardegna i Cobas Scuola hanno dichiarato lo stop del personale docente e ATA. Il 10 maggio invece il sindacato unitario di base, USB, ha deciso di indire uno sciopero generale del pubblico impiego e della scuola. La giornata clou delle proteste nel mondo della scuola sarà proprio quella del 17 maggio, venerdì in cui non solo il personale scolastico, ma anche i trasporti, incroceranno le braccia.

(Fonte immagini Pixabay)

Selena
Sono Selena, giornalista pubblicista appassionata di serie TV e di musica. Scrivo da quando ero bambina e, di nascosto, mi impossessavo della vecchia macchina da scrivere di mia mamma! Lavoro da 10 anni nel mondo del giornalismo e da qualche tempo conduco anche un programma radio.
Leggi altri articoli in News Scuola